Le Cronache di Talisman

images

Alla fine la bestia è stata domata. I canti di festa si sono elevati per tutto il regno. La bestia è stata domata Aye| Aye!. La Bestia è stata battuta! Il drago si è chinato a cospetto del valoroso guerriero che ha saputo sconfiggerla.

Varthrax il possette drago rosso proveniente dalle calde delle infuocate del deserto nel regno di Dijin ha accettato di essere il successore dell’ultimo guardiano della caverna sotto la montagna dove veniva custodita la corona del comando. La potente corona magica simbolo di queste terre. Simbolo di Pace.

10-horsley15-redbox

Ora che il regno degli uomini ha di nuovo il suo guardiano, è necessario che la corona venga rinvenuta. Celata chissà dove dal Malvagio Volotrox anni fa, ora va ritrovata prima che sia troppo tardi.

Varthrax il leggendario drago, non è il solo protagonista dei canti che i bardi e i menestrelli stanno scrivendo e intonando per le piazze dei villaggi. Quattro sono gli eroi dell’impresa che hanno mostrato il loro coraggio scalando insieme la torre dei draghi. Solo il loro essere alleati per una sola e singola battaglia ha permesso loro di farcela.

Forse i loro nomi si perderanno se i giorni di pace saranno lunghi e il sonno del drago non sarà più interrotto, ma oggi cantiamo lodi per il cacciatore di taglie Varro che ha dato il colpo finale alle bestie. Per Bian la furba maga prestigiatrice che ha scalato le lande dei signori delle acquile e gli oscuri dungeon tra le rovine pur di trovare l’accesso alla torre del drago.

Talisman The Dragon.jpg

Salutiamo con onore il mago rosso Severus Fifo che tra i monti ha saputo trovare incredibili oggetti incantati ed infine ode a Othello il menestrello che ha seguito gli eroi nelle loro gesta arrivando anche in cima a Nido Delle Acquile chiedendo con successo favori al signore dei monti che l’ha accompagnato sino all’ingresso della torre.

Sono questi i loro nomi. Varro, Bian Severus e Othello gli eroi dell’impresa ode a voi. Ode a voi! Aye Aye!

Suicide Squad

Suicide-Squad-locandina-picsay.jpg

Mentre eri ancora sulle Highlands pianificavi già la tua prima uscita con lo smilzo per andare a vedere il “filmone che avrebbe risollevato le sorti del mondo cinematografico DC” che Batman V Superman, quella ciofeca, aveva per l’ennesima volta affossato.

No aspè, qualcosa non torna. Di Batman V Superman ne hai parlato qui e qua e invero anche quo. Poi che il Cinematico Universo del DC comics avesse bisogno di essere sollevato, beh parliamone. A te il nuovo corso piace quindi di cose stiamo andando a parlare?

Semplice di un film di passaggio che introduce per la prima volta dei nuovi personaggi e ripropone un certo tizio qualunque, un certo “J” (non purtroppo non sei tu), niente altro che questo.

Non un compito impossibile ma ci sarà davvero riuscito?

Pronti Noi Zi Va.

Dopo il successo, per te immotivato (Sorry guys) di Deadpool era prevedibile -purtroppo- che la Warner facesse qualcosa per emularne i numeri e risultati e sembra che gli incassi al botteghino gli stiano dando ragione. Alcuni hanno scritto “è il film che ci meritiamo” che forse suona come una sentenza un po’ troppo messianica. Poi boh eh! Ognuno ha le sue opinioni e qui al Cornerhouse si rispettano tutti.

Take It Easy my friends! La questione è davvero più banale. è che secondo te ci sono motivi per promuovere il film e altri motivi invece per cui Suicide Squad delude se le aspettative sono un pelino troppo alte. Vediamo come mai.

Harley Quinn è il miglior personaggio di tutto il film. Secondo solo al Batman di questo nuovo corso. Margot Robbie  è perfetta per la parte, stratosfericamente topa sia con i capelli biondi, rossi e blu sia in versione dottoressa con gli occhiali da segretaria zozza. Lo sguardo da matta, gli occhi spiritati sono quanti di meglio possa offrire il film. Si niente tette, peccato. Riguardiamoci The Wolf Of Wall Street per quelle e altre cose.

Deadshot (Will Smith) è una sufficienza, un sei e mezzo più per rispetto al principe di Bel Air che altro. Un tiro parato all’ultimo secondo. Il film è quasi tutto centrato su di lui e del suo rapporto con la figlia. Forse è un po’ due cuori e una capanna. D’altronde stiamo parlando di uno dei più spietati sicari DC comics.

E poi c’è il Joker. Qui ci sarebbe da discutere molto a lungo. Così come è difficile non farsi condizionare dal Batman di Bale qui è dura non pensare al Joker di Ledger. Affleck però ha saputo interpretare un ottimo batman. Jared Leto ha fatto un lavoro forse “solo” discreto esplorando il lato romantico e solo poco folle del Joker che a modo suo ama la nostra splendida Harley. Un amore tormentato e moderno ammiccante verso un pubblico magari più giovane.  Un Joker scenograficamente interessante a cui sono mancati i guizzi del folle. Speri/Confidi/Ti auguri che non essendo questo il suo film possa rifarsi.

Katana è figosissima ma la scena tutti al pub in cui tutti si parlano e si amano improvvisamente scoprendosi eroi mmm forse è stata un po’ troppo artificiosa. Mancavano solo le figurine di Captain America e saremmo stati davvero alla frutta.

L’ultima nota positiva di questo film è la ruffianissima colonna sonora che pescando a piene mani da pietre miliari della musica rock e pop riempi di colori accesi Suicide Squad andando ad alleggerire i cupi toni che inizialmente ci si aspettava per il film.

E il resto? I problemi vengono ora. Si ci sono un sacco di cazzotti e gag divertenti ma la trama e soprattutto il montaggio sono un colabrodo. Gli altri personaggi, sono quasi inutili ne avessero fatto esplodere qualcun’altro non ne avremmo sicuro sentito la mancanza. Il film, però, scorre si lascia guardare ma se questo doveva essere il grande pezzo da novanta di questo 2016 al cinematografo della DC allora qualcosa non torna!

Aspe, forse è proprio questo il problema! Hai capito! Daje Quanti si sono creati un mare di aspettative per questo film? Su su alzate la mano eccoli li vedo. Siete voi in errore! Sorry.

Suicide Squad non nasce per essere il grande filmone non è il film della Justice League non è un film sugli Avengers è il film su una manica di avanzi di galera che per un motivo più o meno sensato fermano l’ennesimo buco nel cielo. Ve lo dovete godere così per quel che è. Sbavare per ogni inquadratura su Harley Quinn, ridere per le battute della meeenchia che faranno per tutto il film e rilassarvi difronte all’ennesima scena action.

Per il tutto il resto ci sono altri film. Hai già detto Batman V Superman? ops come sei ripetitivo.

Ad ogni modo per questo film doppia valutazione:

star-wars-your-empire-needs-you

I nuovi personaggi piacciono e convincono

 

Are-you-sure-I-m-not-YOUR-Father-resizecrop--

Per il resto, con lo spirito giusto fa intrattenimento

Nota di chiusura.

La cosa che dovrebbe dare il quadro generale della situazione è che a Carlotta il film è piaciuto. Lei conosceva solo Harley Quinn come “morosa” del Joker per il resto non sapeva una favellas. Via pregiudizi e aspettative ed ecco che il film funziona.

Sarà che forse aspettiamo questi film come fossero pagine della bibbia? Chissà Chissà. 

Letture Luglio 2016

Ultimamente sei tornato ad essere un affezionato lettore bonelli. Le ultime miniserie (Hellnoir, Ut e Anno Zero) e le serie regolari (Nathan Never, Martin Mystere e Morgan Lost) ti stanno chi più chi meno convincendo con una certa regolarità. Non a caso in questo post sulle letture di luglio quasi tutto quello che proponi è bonelliamo. Se aggiungi che per Battlestar Galattica hai interrotto di vedere the walking dead e hai recuperato quasi tutto quello che ti mancavaa proposito di Flash, le alternative alla fine non sono così significative. Bando alle ciancia o ciancio alla banda.

Pronti noi zi va.

76902979d8774a2e4c18726ae8ed5bb1.jpg--martin_mystere_e_nathan_never___il_segreto_di_altrove

3 crediti (usato), Bonelli

Bonelli dunque e bonelli sia. Lo scaffale dell’usato dela tua fumetteria regala sempre qualche chicca. Qualche bimbo disperso che è stato abbandonato o che ha perso la via di casa. Accatastato in un mucchio di bonelli, hai trovato uno speciale il secondo incontro tra Nathan Never e Martin Mystere ambientato nel “mondo” di nathan. La storia, datata 1992,  è molto bella, il messaggio che c’è dietro sul significato che i mondi fantastici che tutti amiamo è ancora meglio. L’unica cosa che non ti ha convinto, un peccato veniale è il montaggio della storia. Ci sei rimasto un po’ male. Pazienza. In ogni caso lettura consigliata.

1461925058367.jpg--l_inizio_della_notte___nathan_never_annozero_02_cover

3,5 franchi svizzeri, Bonelli

Continuiamo con l’agente alfa e il reboot del suo passato. Anno Zero è l’esempio perfetto di quello che oggi vai cercando da un fumetto: Un trama avvincente, disegnata bene e che si conclude in un numero finito di numeri. 6 che fan quasi 600 pagine è un ottima soluzione. Dopo Hellnoir, Anno Zero è la cosa migliore bonelli che hai letto quest’anno.

index.jpg

3,3 crediti, Bonelli

La serie regolare di Nathan Never che riprende dal 301 sa di “Crisi” alla Dc Comics. In questa trilogia estiva che si concluderà con il 303, si sta consumando u a storia che stravolgerà il mondo di NN. Questo primo numero è una bomba. Funziona anche se non seguite il fumetto ma se vi piace Nathan sono tre numeri che consigli caldamente. Doveva essere una festa il venticinquesimo anniversario in realtà è un gran casino. Poraccio.

51TZjDsDIML._AC_UL320_SR244,320_.jpg

5,5 tappi di bottiglia, Bonelli

Nel frattempo stai portando avanti la lettura di UT e continuano a valere le considerazioni fatte nel post precedente. Il lavoro di Roi è eccezionale, la sceneggiatura della Barbato e sul beh… boh, mah. Il terzo numero è piu chiaro e inizia a dare qualche piccola risposta. Inizia a farti la tua idea però hai anche paura che svacchi prima o poi. Non te la senti “ancora” di consigliarla ma sei comunque aperto a cambiare idea se nei prossimi numeri la trama sciogliendosi diventasse una gran pheeeegata.

1461924172489.jpg--megamultiplex___morgan_lost_9_cover

3,3 eurodollari, bonelli

Di Morgan Lost stai pensando di scrivere un post tutto per lui quando sarà uscito il numero dodici e conclusione del primo anno del nuovo figlio di Chiaverotti. Come nella più normale tradizione bonelliana, nonostante la tua affinità elettiva con l’autore, Morgan soffre di quei bassi bassissimi numeri e gode di quei alti altissimi numeri. Sei andato vicino a smettere, ti sei sforzato di restare sulla barca e sembra che al momento le cose sono mediamente buone ma quando Morgan Lost diventa una tricomica versione ucronica di Dylan Dog lo lanceresti dalla finestra. Ci vediamo al numero dodici per qualche dettaglio in più.

cult_comics_81_rat-man_-_ratto_0_0.jpg

4,9 crocifissi, Panini Comics – Marvel

Dopo dispopici futuri e ucronie passate e il momento della guerra. Il paese di Eutanesia è in perenne conflitto. Solo Ratto e il suo cristo senza casa possono portare la pace. Definire Ratto come la paradia di ratman secondo Ratman è svilente. Ratto non fa solo ridere ma come ortolani ci sta insegnando le sue storie hanno almeno due strati. Quello che fa ridere e quello che da da pensare. Il terzo numero della saga conclusiva di Ratman esplora proprio questi concetti. Non ci sono più i fumetti di una volta, le mezze stagioni, fa caldo a gennaio e la parmiggiana di nonna nessuno la sa più fare. Ortolani ha sgamato molti lettori. Ratman era meglio quando faceva solo ridere. Beh forse si ma anche no. Fate voi.

APR130222

15 sesterzi, RW LIon DC Comics

Più volte hai scritto sul questa webbettola che gli spillati proprio non piacciono o almeno secondo il modello editoriale italico che per ragioni di costo e numero di albi venduti accorpa più testate in numero unico. Fortunatamente la Dc Comics l’ha capito. Evidentemente non sei il solo ha pensarla così e fa uscire in formato cartonato delle raccolte di 5-6 numeri di una singola testata. Cosi puoi seguirti il tuo batman e il tuo flash in santa pace.
Il secondo volume di Flash prosegue le vicende post flashpoint del nostro monarca della velocità che deve affrontare per la nuova prima volta i suoi rogues (i nemici) in questo momento anche in rotta con Captain Cold probabilmente per giustificare la sua presenza in Legends Of Tomorrow o qualcosa di analogo. Cold di tutti gli avversari non velocisti della scia scarlatta resta uno dei più completi e controversi. Una delle migliori caratterizzazioni e non è facitenendo lo spirito leggero della testata. Mica vogliamo fare come Arrow in cui siamo arrivati alla quinta stagione grazie ai villain di Batman mica per il personaggio assolutamente privo di mordente.

Ragassuoli per questo mese siamo arrivati alle fine. Voi cosa state leggendo? Cosa consigliate?

The Black Meeple Saga

In questo torrido caldo c’è bisogno di oscure trame che portino ombre sulle nostre precarie certezze. Lego Darth Vader ha un apprendista. Il suo nome è Darth Meeples.
Questa è la sua storia. La Malvagità fatta legnetto. L’odio intagliato in un puzzillo verniciato di Nero. Chi potrà fermare cotanto odio?

IMG_20160808_111011.jpg

Volete sapere come proseguirà questa storia? Conoscete qualcuno in grado di affrontare Darth Meeple? Sapete anche voi storie su questa minaccia minacciosa? Partecipate a questa storia. Inviando al Cornerhouse su cornerhousepubroma@gmail.com qualsiasi idea o materiale fotografico che ci possa aiutare a raccontare questa figosa storia.

Partecipate!

Lego Snowspeeder – Set 75074

picsay-1470139957.jpg

Era da molto, anzi moltissimissimo tempo che non si parlava di Lego in questa webbettola eppure le novità non sono mancate specialmente l’ultimo natale è stato decisamente positivo. Una foto sul profilo dell’instagram del cornerhouse avrebbe dovuto lasciare un indizio. Ad ogni modo partiamo con qualcosa di piccolo, giusto per rompere il ghiaccio.

La serie Microfighters della lego è sicuramente dedicata ai bimbi visto il basso costo (sull’amazon si compra facilmente sotto i 10 euri) ma in realtà è anche un ottimo modo per trovare delle minifigure che difficilmente si riuscirebbero a trovare in giro considerando i costi che sulla baia propongono per una singola! You’re Crazy!

Oltre a questo alcune di esse sono secondo te davvero carine. Quella di cui parliamo oggi è sicuramente una di quelle che ti sono piaciute di più. Lo Snowspeeder.

Pronti Noi Zi Va 

20160724_154747-01-800x533.jpeg

Lo SnowSpeeder (Set 75074) appartiene alla seconda serie Microfighters. Collezione che si trova ancora facilmente mentre già la prima serie comincia ad essere un po’ rara e costosa. Il che giustifica il motivo per cui sono diventati oggetti quasi da collezionismo.

Il set va a rappresentare il veicolo T-47 “air speeder” opportunamente modificato dall’alleanza ribelle per poter funzionare in maniera efficace anche sul freddo pianeta di Hoth.

Per quanto si possa pensare che lo Snowspeeder sia un mezzo inferiore, in realtà le modifiche apportate allo scafo e agli armamenti lo rendono un veicolo assolutamente in linea con i più famosi X-Wing.

20160724_154830-01-800x533

Al suo interno come di consueto trovate: il manualetto di montaggio e due sacchetti contenenti tutti i pezzi necessari.

La confezione contiene 97 pezzi.

20160724_160347-01-800x533.jpeg

La navicella è composta da tre elementi: La cabina di pilotaggio e le due ali con i cannoni a particelle. La cabina avrebbe dovuto essere biposto. Il sedile frontale dedicato al pilota e quello posteriore per l’artigliere. I comandi per le armi sono anche utilizzabile dal pilota in caso di avarie o difficoltà del compagno di volo.

20160724_160420-01-800x533.jpeg

Questo è il microfighter completo. Sicuramente ricorderete lo snowspeeder per il suo impegno durante il quinto capito della nostra saga preferita ne “La Battaglia di Hoth” la prima parte de “L’impero colpisce Ancora“.

Luke Skywalker stesso ne ha pilotato uno durante quella battaglia scoprendo proprio il metodo per abbattere i pericolosissimi camminatori imperiali. Vi ricordate l’arpione? Bravissimi!

Purtroppo lo Snowspeeder di Luke venne abbattuto ma lui si salvo ejettandosi in tempo.

20160724_160454-01-800x533.jpeg

Ed ecco il pilota. Visto che si tratta di un pilota di navicella buona per l’inverno o per i paesi freddi, hai deciso di chiamarlo Giannino. Dalla  faccia sembra un tipo anche piuttosto ignorante. è perfetto.

Lo Snowspeeder è stato anche largamente impiegato anche nel mondo dei videogiochi.

A partire da tutte le trasposizione de “L’impero Colpisce Ancora” la migliore è quella SNES.  Celebre è il suo impegno nei videogiochi come Shadow OF Empire, in Rogue Squadron e nella serie di Rebel Assault.

Ovviamente lo troverete anche nella spassosissima serie di videogiochi Lego dedicati a Star Wars.

20160724_160806-01-800x533.jpeg

La flotta ribelle sta crescendo. Ecco la foto al completo. Che faccia seriosa che ha Poe Daemeron. Avrà certamente capito che sono in inferiorità numerica!

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Segui assieme ad altri 275 follower