Super Mario Run

Super-Mario-1.jpgOggi piccola informazione di servizio. L’app per dispositivi Android di Super Mario Run è stata finalmente rilasciata da questa mattina sullo store di google.

Si tratta di un gioco di Super Mario che si ispira ad una tipologia di giochi che tanto andava di moda un po’ di tempo fa sugli smartphone ovvero i runner in cui il giocatore poteva giocare a coloratissimi platforms utilizzando esclusivamente un dito per far saltare al momento giusto il proprio alter ego che già di suo correva su schermo.

Nintendo ha il vizio di fare le cose giuste con un paio d’anni di ritardo, questa non è la prima volta, se Super Mario Run fosse uscito un po’ di tempo prima sarebbe stato meglio ma ciò non toglie che la prima impressione sul gioco è decisamente positiva. I modelli poligonali sono piuttosto gradevoli e si respira fin da subito l’aria frizzante e colorata che riempi i classici giochi di Mario.

Anche l’idea di lasciare lo schermo in verticale che è stata ampiamente criticata non sembra aver minimamente intaccato lo spirito alla base di questa tipologia di giochi.

L’app è scaricabile gratuitamente e permette di affrontare il primo mondo e qualche piccola sfida che permette di personalizzare il proprio villaggio Toad. La versione completa invece è acquistabile a 10 eurini. Non sono per nulla pochi, anzi, è parecchio caro ma con buona probabilità lo farai se il gioco resterà installato sul tuo cellulare per più di qualche settimana.

DC Comics Rinascita

1489746101-picsay.jpg

Dopo aver concluso la lettura dei primi numeri del nuovo corso DC Comics è giunto il momento anche per la webbettola del Cornerhouse di dire la propria a proposito di questo nuovo reboot delle serie di Suppaman & Co ovvero DC Comics Rebirth o se preferite DC Comics Rinascita.

Circa due anni fa hai ripreso a rileggere fumetti amerrigani dopo la tua separazione dal mondo degli xmen avvenuta circa dieci anni fa, spulciando un po’ di qua e un po’ di la tra le principali serie DC. Il mondo Marvel ad eccezione appunto dei mutanti non ti aveva davvero mai preso soprattutto la nuova linea editoriale All New Marvel Now per via di alcuni cambiamenti piuttosto pesanti.

Buona parte delle cose che sai le hai apprese dopo aver visto i vari cinecomics approfondendo le storie da cui essi erano tratti ma è sempre mancata quella scintilla, quell’innamoramento che ai tempi avevi per i ragazzi del Professor X.

Così nonostante il pessimo film di Lanterna Verde e la serie per pischelli di Flash, il tuo interesse verso il mondo dei super eroi raccontati con l’arte dei disegni sequenziali era diventato quasi un urgenza. Si perché qualcosa che ancora non ti era chiaro in quei personaggi ti gasava sempre di più mentre quello della casa delle idee faceva un’orribile fine.

Altro elemento da non sottovalutare è sempre stato il tuo amore per Batman, il tuo super eroe preferito al pari di Wolverine, gli unici due eroi in maschera che anche solo per vie trasversali hai sempre seguito.

I tre film di Nolan ti hanno rinconciliato con il cavaliere oscuro del cinematografo e proprio riflettendo sul lavoro del registra che hai iniziato a comprendere perchè il tuo gusto pendeva più da una parte che dall’altra. Villanzoni sempre ben definiti, carismatici e ambientazioni cupo, dark e “verosimili” erano gli elementi che ti portavano a scegliere sempre a favore di un albo piuttosto che di un altro.

Eppure, pensavi, oltre a Batman li altri che fanno? Boh? Così hai recuperato albi famosi e non, raccolte e ristampe delle storie più importanti dei membri della Justice League scoprendo quanto anche fumetti che mai pensavi di poter leggere ti hanno meravigliato e appassionato.

Accidenti la nuova serie la New 52 era già fuori da un po’, sarebbe stato difficile recuperare quanto era già uscito negli ultimi anni, ti serviva un nuovo punto di ingresso una nuova parte forse quel mondo e così la fortuna (e il ciclico mercato) ha fatto si che un nuovo reboot fosse necessario per dare nuovo lustro ai protagonisti DC Comics.

Hanno detto che la New 52 aveva tradito le origini dei personaggi della Justice League e lo scopo di questa nuova rinascita era quello di riportare indietro ai fasti prima di Flash Point. Per quel poco che tu hai letto in realtà alcune delle storia tra le cinquantadue testate DC ti sono piaciute ma come dovrebbe essere chiaro non sei un testimone obiettivo, il classico autorevole recensore attento perché non sei mai stato un lettore fisso per cui la tua opinione può fare ben poco testo ma d’altronde cosa c’è realmente serio in questo blog?

Sei quindi entrato in questa nuova DC rinascita per quel poco che vale hai i tuoi albi che partono dal numero uno e dal ventordici e con tutto il tuo entusiasmo ecco quello che pensi del nuovo corso DC.

L’albo introduttivo di DC Comics Rebirth scritto dal mastro tessitore Geoff Johns serve un po’ da collante per far capire quali sono stati gli impatti di Flashpoint nel mondo DC e dopo quasi cinque anni di storie, a cosa si è arrivati. Flashpoint aveva azzerato praticamente tutto, non solo un nuovo inizio, ma un vero punto zero perchè Barry (Flash) aveva incasinato completamente la linea temporale tornando indietro e salvando sua madre.

Tutti gli “inizi” della DC comics hanno sempre previsto l’impiego di Flash come personaggio chiave per mettere ordine o come supremo sacrificio per rendere epico il finale e anche in questo caso buona parte della storia di Rebirth si concentra sulla saga dei velocitisti.

Non scriverai particolari spoiler nelle prossime righe se un breve riassunto della trama che vede come protagonista Wally -Kid Flash- West tentare di riemergere dalla spirito della velocità in quanto nella linea temporale New 52 l’unico Flash era appunto Barry Allen.

Per poter tornare nel mondo reale, Wally ha bisogno che qualcuno si ricordi di lui ma data la nuova linea temporale nessuno si riesce a ricordare di lui neppure la sua storica amata Linda Parker solo il suo più grande alleato alla fine si ricorderà di lui.

Nel frattempo Batman scopre una spilletta con un disegno piuttosto strano facendo intendere quello che potrebbe essere una delle motivazioni per le quali ai nostri eroi sono stati rubati gli anni e soprattutto su chi possa essere stato. Per alcuni lettori il collegamento con un altro fumetto è pressoché palese, in ogni caso le possibilità offerte da questa scelta narrativa sono davvero infinite.

Questo numero introduttivo alla nuova linea “DC comics Rinascita” ti è davvero piaciuto. Lo hai riletto una seconda volta proprio qualche sera fa, per poter scrivere questo post e inquadrare meglio lo sviluppo della trama avendo letto anche i numeri successivi delle altre testate.

Le tavole sono tutte ben disegnate e colorate in maniera eccellente. Il ritmo con cui si alternano le scene e i pensieri di Wally sono ben orchestrati e soprattutto i testi non risaltano mai eccessivamente pesanti, ma anzi, permettono a qualsiasi lettore di avere un punto di riferimento per iniziare a leggere questi fumetti. Tutto viene spiegato chiaramente senza tralasciare i punti salienti ed essenziali di cosa ha significato Flashpoint che non viene cancellato ma anzi viene integrato nella corretta sequenza degli eventi.

Al momento stai seguendo tutte le testate e nei prossimi giorni parleremo più o meno di tutte quante dopo i primi quattro-cinque numeri. Pensi che almeno fino a settembre o ottobre le seguirai tutte per aver chiaro che taglio avranno, dopo di che potresti iniziare a fare i primi tagli su alcune testate se non dovessero essere di tuo gradimento.

Al momento è tutto bello ma anche tutto nuovo e le cose nuove piacciono sempre. Detto questo se qualcuno di voi ragassuoli è interessato ai fumetti DC questi mesi sono i mesi giusti per iniziare.

star-wars-your-empire-needs-you

Il Pischello al Sabato Sera

picsay-1483530022

Quest’oggi avresti dovuto scrivere a proposito del classico appuntamento con il pischello della velocità poiché il martedì è il giorno di The Flash e di tutta la cricca CW-DC Comics, invece hai scoperto quasi per caso che ora hanno spostato il tutto al sabato preserale: un cambio mica da poco ma diomannaggia

Ovviamente per te tutto questo è ‘na cazzata perché il chiaro target di queste serie è il pubblico giovincello e il sabato sera, li giovani escono. Sei chiaramente convinto che nessun vent’enne resterebbe a casa il sabato sera per guardarsi queste serie ma cosa è saltato in testa a Mediaset? Che Geni Cit. Fernando Alonso.

La programmazione riprenderà il 25 marzo a partire dalle 19:30 con Supergirl e via discorrendo seguendo il medesimo ordine con Flash e Arrow e Gotham con questi due che passeranno dopo la prima serata alle 23. WTF!

L’unica motivazione che ti viene in mente è quella del mandare a morire le serie vuoi perché non le stanno più guardando o vuoi perché non vogliono rinnovare il contratto per la prossima stagione va a sapere. In ogni caso è davvero un peccato. Lo hai già detto vero?

Sheldon nell’ottava stagione di Big Bang Theory quando viene scaricato da Amy dice una frase giusta, “Decidere di vedere una serie è un impegno mica da poco” e adesso a causa di una scelta non tua, rischi che quest’impegno venga meno.

In ogni caso questa webbettola tenterà di trovare via legali per poter vedere gli episodi mancanti senza aspettare il cofanetto che non uscirà, ad essere ottimisti, prima del 2018. Nel frattempo chiedi venia per questo post dalla prossima settimana si troverà qualcosa per rimpiazzare il post del mercoledì. Sorry ragassuoli!.

 

Logan

1489400881-picsay.jpgSabato sera sei andato a vedere Logan in compagnia di Carlotta, dello Smilzo e relativa consorte al solito cinema vicino casa che se non fosse per l’impossibilità di trovare parcheggio in tempi rapidi sarebbe davvero una comodità. Si fa prima andare Fiumicino che ha trovare un buco per buttare la macchina per farvi capire.

Sei arrivato al cinema con uno zaino pieno di aspettattive, nonostante il regista James Mangold fosse lo stesso di Wolverine L’immortale che si rivelò davvero un brutto, anzi pessimo film sui super eroi. Questa volta però i chiari rimandi almeno all’ambientazione di Old Man Logan sembravano così evidenti che ti sei fomentato già dal primo trailer visto sempre al cinema quando ti sei guardato Assassin’s Creed anche sei poi tali “riferimenti”  non si sono rivelati tali.

Wolverine è il primo super eroe amerrigano di cui hai cominciato a comprare fumetti quadno eri pischello e che Hugh Jackman ha sempre interpretato al meglio specialmente in questo film dove il peso dell’età si comincia a sentire anche per Logan (in fondo ha circa duecento anni il ragazzino).

Il Difficile Rapporto tra Padre e figlia

Logan The Wolverine è un bel film di super eroi, molto meno caciarone dell’ultime produzioni Marvel, completamente slegato da quasi tutte le linee temporali dei precedenti film degli xmen nonostante alcune citazioni e richiami, racconta una storia a modo suo, quella del congedo di questo personaggio del mondo del cinema. Il film cerca di essere adulto e maturo, ma non bisogna esagerare pensando che questo film sia “così” profondo nel raccontare un rapporto complicato come quello padre e figlia in un contesto “on the road” alla ricerca di un po’ di felicità e pace, è pur sempre la storia di un tizio che lo scheletro di adamantio che picchia un sacco di gente e non si fa mai male.

Da qui si Spoilera duro.

memescreenlocker

Dopo due ore e quindici minuti di cinematografo violento e crudo come le migliori storie di Wolverine. Forse è durato un pelo troppo, risultando a tratti lento ma sei uscito triste ma soddisfatto, orgoglioso però di aver partecipato in questi diciassette anni alla vita sul grande schermo di uno dei tuo personaggi preferiti di sempre.

Che andasse a finire come è andata a finire c’erano ahimè pochi dubbi. La scena, quella scena poi un po’ di magone te l’ha messa, quella tenerezza di quello che succede “papa’ papa’…” è davvero così beh, credi che siano finite parecchie bruschette negli occhi, accidenti. Mannaggia alla peppetta.

Un emozionante film con i super eroi?

é solo un film di super Eroi si diceva, non può essere così toccante e invece… James Mangold riesce quindi a raccontare una storia fottendosene di tutto da risultare quasi paragonabile come toni e spirito ai Batman di Nolan almeno nelle intenzioni.

Allo stesso modo non ti frega niente che i villanzoni sono davvero inconsistenti compreso X24 perchè quello che segui, guardando il film, è il viaggio di Logan verso ciò che inevitabilmente lo attende dopo che ha attraversato anni e vissuto più di tutti i suoi fratelli mutanti. Logan ha il viso di chi ha visto  la morte di tutti i suoi cari, di chi non ha più un sogno perchè sono tutti in frantumi. Una barca nel mare con un vecchio bacucco lontano di ricordo di Xavier e attendere così la fine questo era il suo ultimo obiettivo. Lontano da tutti e da tutti.Addio.

Per non perdersi come lacrime nella pioggia

Invece l’arrivo di Laura, risveglierà in lui, la forza e il coraggio che gli erano mancati per parecchio tempo e gli ridarà quello scopo che aveva perso per accompagnarlo fino all’epilogo: Una X e delle pietre a memoria di eroe sincero, burbero e disilluso che è stato ispirazione per gli xmen di un tempo e per quelli che in futuro di nuovo ci saranno.

Il canto del Cigno dell’anti eroe per eccellenza. Buon Riposo Logan!

star-wars-your-empire-needs-you

Formula D – Tutorial e Commento

Oggi è l’ultimo giorno di prove in Spagna prima dell’inizio del campionato di Formula 1, la ferrari sembra stia andando bene e che non abbia tirato fuori proprio tutto dalla monoposto, forse qualche gara quest’anno riusciremo a vincerla.

Nel frattempo visto che anche in casa Cornerhouse sta per iniziare il secondo mondiale di Formula D ecco quindi una rinfrescata alle regole per tutti!

Enjoy It