Archivi categoria: Videogames

Super Nintendo Classic Mini

1506598168-picsay.jpg

Evviva, giubilo e fuochi d’artificio! Per la seconda volta quest’anno il fidato Amazon, ti ha consegnato una console Nintendo. Olè Questa volta è arrivato pochi minuti fa, il Super Nintendo Classic Mini. Il gingillo da Collezione” che alla modica cifra di 80 crediti imperiali ti permette di giocare ad alcuni (ben o solo, decidete voi, venti) tra i più rappresentativi titoli del catalogo della console Nintendo.

Dopo non essere riuscito a procurarti il Nes Classic Mini hai veramente pedinato Amazon manco fossi una spia del MI6 pur di non rimanere fregato. Ad un certo punto eri riuscito perfino a procurarti una seconda prenotazione per sicurezza” o per darla a qualche amico nel caso in cui non fosse riuscito a prenotarla.

L’elenco dei titoli è succoso ma forse incompleto diciamo che dal tuo punto di vista di sono due grandi mancanze ossia Batman Returns e TMNT Turtles In Time, secondo altri ne mancano altri e come tutte le cose la verità è nel mezzo. L’unica certezza è che Nintendo ha fregato tutti facendoci sentire la romantica necessità di avere questa console, questo piccolo soprammobile che forse per tanti non vuol dire niente ma per te invece ha il sapore amaro del rimpianto.

Lo hai scritto in lungo e in largo su questa webbettola: Il SNES è uno dei tuoi più grandi rimpianti videoludici. è un rimpianto perché non te lo sei goduto. Era il tempo delle scuole medie e con tuo padre che ti faceva già frequentare il Politecnico di Torino stavi entrando nella fase smanettona di smontare e montare il tuoi primi pc, installavi i primi modem e non dormivi la notte pensando al giorno in cui avresti avuto un 386 o addirittura una SoundBlaster. Altri tempi. Certo. Così alla fine il tuo SNES lo hai avuto per poco tempo per poi rivenderlo, hai giocato a parecchi giochi ma ne hai posseduti solo tre: Super Mario World, Street Fighter 2 e Street Fighter 2 Turbo. Oggi rimpiangi di non averlo tenuto, ma prima o poi, la baia te ne farà arrivare uno da mettere sotto alla tv a far presenza insieme a tutte le altre console perché forse Super Mario World è nell’olimpo dei giochi più importanti della tua infanzia.

Questo è l’elenco dei giochi preinstallati nel dispositivo

  • Contra III The Alien Wars
  • Donkey Kong Country
  • EarthBound
  • Final Fantasy III (in occidente: Final Fantasy VI)
  • F-ZERO
  • Kirby Super Star
  • Kirby’s Dream Course
  • The Legend of Zelda: A Link to the Past
  • Mega Man® X
  • Secret of Mana
  • Star Fox
  • Star Fox 2
  • Street Fighter® II Turbo: Hyper Fighting
  • Super Castlevania IV
  • Super Ghouls ‘n Ghosts®
  • Super Mario Kart
  • Super Mario RPG: Legend of the Seven Stars
  • Super Mario World
  • Super Metroid
  • Super Punch-Out!!
  • Yoshi’s Island

Alcuni Titoli li hai provati tramite emulazione come Donkey Kong e Yoshi’s Island altri invece saranno per te nuovi incontri come Super Mario RPG. Ma tanto diciamolo c’è MarioWorld, c’è Zelda e Castlevania. Tutto il resto per te è un di più, piacevole certo ma non indispensabile.

Ora qualche informazione tennica:

Nella confezione trovate:

  • SNES mini
  • Cavetto HDMI
  • Cavetto USB per l’alimentazione
  • Due Controller
  • Manuale di Istruzioni.
1506598240-picsay.jpg

Non è bellissimo

Per gli amanti della critica secondo Digital Foundry l’hardware del Mini Nes e di questo Mini Super Nes sarebbero identici. Infatti troviamo la stessa scheda madre Allwinner R16 SoC con quattro ARM Cortex A7 e ARM Mali 400 MP2 come GPU. Il singolo chip di memoria proviene da Hynix e si tratta di un modulo 256MB DDR3, oltre a 512MB di memoria NAND per l’immagazzinamento dati.

Ciò che cambia è certamente il parco software per l’emulazione. Sviluppato da una divisione di Nintendo Europe l’emulatore principale è in grado di emulare non solo il sistema base del Super Nintendo, ma anche una serie di sistemi specifici che hai tempi giravano sul SNES come Super FX e Super FX2, oltre all’upgrade SA1 utilizzato da Super Mario RPG e Kirby Super Star.

Insomma per farla breve. A loro non è costato quasi nulla realizzarlo a noi costa più del Mini Nes. Ma dato che ti stanno vendendo un ricordo, beh alla fine sei felice di aver speso sti dannati crediti imperiali.

Annunci

The Last Door Episodio 1.

1505979978-picsay.jpg

Un po’ di tempo fa hai letto sulla webettola della Cupa Voliera gestita dal sempre ospitale Conte Gracula di un giochino che ti aveva subito colpito.

Si trattava di The Last Door un’avventura grafica punta e clicca tremendamente old school. L’avverbio non è messo così a caso e tra pochissimo vedremo perché. Detto ciò ti eri scaricato il primo capitolo per il tuo tablet con l’androide verde ma poi per un motivo o per un altro non ti ci sei mai messo per vedere se The Last Door potesse piacerti o meno. Questa settimana però, hai dedicato due pause pranzo per cercare di venire a capo di questa demo” per decidere se comprare tutto il pacchetto sullo store di google.

The Last Door nasce come progetto Kickstart a episodi a cura di The Kitchen Door. La Compagna è durata trenta giorni e ha raccolto £4,690 attraverso 285 finanziatori tra il novembre 2012 e il dicembre dello stesso anno.

La trama del gioco si ispira ai classici dell’orrore del 800 in particolare sembrano molto forti i riferimenti a Edgar Allan Poe. Ambientato nella Londra vittoriana impersoneremo Jeremiah Devitt il quale riceverà una strana lettera da parte di un suo caro amico Anthony Beechworth. Il suo scopo sarà quello di indagare su quanto accaduto.

tips-medium-11200-1393013267

Il comparto tennico è di difficile giudizio. Ogni riferimento è ovviamente legato alla versione Android che è quella che hai provato. Magari la verione PC è diversa. Siamo di fronte ad una decisa spinta verso il mondo 8Bit con una grafica davvero retrò che potenzialmente può spiazzare e non piacere in quanto davvero davvero low res e che spesso si rivela di difficile lettura. Il sonoro invece, è piuttosto moderno con tracce audio molto inquietanti ed effetti sonori accettabili.

Il sistema di controllo su touch screen per Androide non è perfettissimo e forse manca un po’ di precisione sull’interpretazione dei comandi, in ogni caso niente che non si possa sistemare con un aggiornamento.

A proposito gli sviluppatori hanno rilasciato da poco un aggiornamento che rispetto alla versione che avevi scaricato tu, hanno aggiunto l’italiano e migliorato un po’ di cose. Segno che non hanno proprio smesso di lavorarci. Meglio così.

images (1).jpg

Il cuore di ogni avventura punta e clicca è certamente la parte dedicata agli enigmi. Non siamo chiaramente ai livelli di una avventura Lucas come Fate Of Atlantis o Monkey Island anche se un po’ di enigmi ti hanno fatto perdere un po’ di tempo. La questione dei corvi su tutto. Per il resto sono risultati tutti abbastanza lineari e facilmente risolvibili.

Hai risolto il primo capitolo in circa un’oretta e mezza, restando incastrato una volta quindi possibile che il gioco abbia una durata complessiva tra tutti gli episodi di circa cinque, sei ore al massimo, che tutto sommato non sono malaccio per il costo richiesto.

Ciò che ti ha stupito davvero però è l’atmosfera di The Last Door. Nonostante una grafica che non può mettere paura ma al più imbarazzare, l’audio e le situazioni rendono davvero bene. Chiunque abbia letto Poe o Lovecraft ritroverà una certa inquietante familiarità che in qualche modo restituisce il senso di horror e mistero su cui si poggia la storia.

Per chi è interessato il gioco è acquistabile su GOG e Steam e Play Store di Google e Itunes Store per il melafono.

Su Androide che è la versione che stai per acquistare, il pacchetto completo costa 4,27 crediti imperiali, mentre su GOG ci viene richiesta una spesa di 8,49 crediti per la versione completa.

OddWorld Abe’s Oddysse Gratis

258309_1a.jpg

Ciao ragassuoli, prima del post giornaliero una comunicazione interessante.

Su Gog a disponibile a gratise un vecchio videogioco molto molto carino: OddWorld Abe’s Oddysse. Si tratta di un Platform che per certi versi si ispira ai precedenti Another World e Flashback. Tutti titoli che hanno un posto speciale nella tua pischellitudine.

Secondo te è una buona occasione per recuperare il titolo. Fateci un pensiero.

Qui avete il link per accedere alla promozione

Nintendo Direct 13/09/2017

nintendo-switch-prime-impressioni-dopo-l-evento-presentazione-v10-32115.jpg-999x562.png

Bentrovati ragassuoli, ieri notte a mezzanotte precisa Nintendo ha trasmesso una nuova live l’ormai familiare per questa webbettola,  Nintendo Direct che ha regalato delle notizie succose e sfiziose per quanto riguarda gli appassionati di videogiochi e di Nintendo.

Ovviamente il tuo focus è concentrato su Switch ma per gli interessati non sono mancati annunci anche legati al 3DS ma vediamo come il tuo portafoglio verrà inevitabilmente svuotato nei prossimi mesi.

Si parte con Xenoblade Chronicles 2 in uscita il primo dicembre sia in versione normale” che da collezione ed è anche stato annunciato un Pro Controller in edizione speciale. I colori del Joypad non ti hanno fatto morire ma il gioco merita davvero di essere provato.

21400_2a.jpg

Sono stati poi annunciati nuovi contenuti per Splatoon 2 e Arms ancora una volta completamente gratuiti ed stato presentato un nuovo personaggio per quanto riguarda Fire Emblem Warriors in uscita ad ottobre. L’idea di questo continuo supporto gratuito alla proprie IP da parte di Nintendo è sicuramente un ottimo metodo per tenere vivo l’interesse verso quei giochi. Sarebbe bello anche se creassero dei tornei per ARMS e non solo per lo sparatutto mollusco.

Sempre a novembre uscirà il Pack con i quattro amiibo dei campioni di The Legend Of Zelda Breath Of The Wild. Sessanta euro già messi in conto da spendere. Oh che dolor! 

Dopo di che sono stati presentati alcuni giochi esclusivi per il nintendo eshop (quindi no edizione fisica)  come il seguito di SnipperClips o lo sparatutto Morphis Law e ancora il MOBA Arena Of Valor e la versione per Switch di Rocket League. Niente che ti hanno più di tanto scosso. Carini ma bah il meglio deve ancora arrivare.

Si perché da questo punto in poi sono partite bombe e fuochi d’artificio. Evidentemente Bethesda e Square Enix non ritengono che Nintendo abbia prodotto una console già all’uscita destinata a morire. Si parte con gli annunci per di Doom, Wolfenstein e la data ufficiale per Skyrm. La tua mascella era ormai per terra. Doom su nintendo? Era dai tempi del Nintendo 64 che lo sparatutto non si faceva vedere su questi lidi. Quindi beh è davvero un ottima notizia. Uscita prevista fine 2017. Wolfenstein invece sarà proprio un nuovo titolo dedicato alla serie. Olè. Su Skyrim non c’è niente da aggiungere finalmente si sa la data di uscita ossia il 17 novembre. Lasciate perdere ogni discorso su “Ma su Ps3 o Pc lo prendi a pochi spicci.” Si è vero, ma tu vuoi giocare in pausa pranzo a Skyrim, questo vale tutti i soldi che chiedono. Fine.

21400_3a.jpg

Poi è la volta di Square Enix sparare le sue cartucce mostrando un delizioso RPG a turni in esclusiva per Switch dai sviluppatori della serie Bravely. Project Octopath Traveler (titolo provvisorio) Il titolo si presenta con una grafica denominata HD-2D”, con sprites in stile retro ma curate nel dettaglio; promette inoltre diverse possibilità di scelta per intraprendere il proprio viaggio, con 8 diversi. Dovrebbe essere disponibile una demo a breve, brevissimo giro. Questo gioco ti ha davvero colpito per la cura con cui sembra realizzato potrebbe davvero essere una sorpresa.

Prima di chiudere con l’unico gioco che potrebbe rivaleggiare con Breath Of The Wild per il gioco più bello di sempre, Nintendo ci ricorda tutta una serie di titoli che sono in uscita che le terze parti non investono su Switch no, perché mai dovrebbero… se infatti…

In brevissimo tempo usciranno Fifa 18, Nba 2K18, WWE 2K18. I primi ti garbano proprio tanto, cacchiarola un Fifa vero” portatile sarebbe davvero rivoluzionario. Se dovesse arrivare anche un titolo di MotoGP e F1, beh, addio mondo. 

Ma non solo, sono stati ancora mostrati Resident Evil Revelation e La Noire. Due remastered” di titoli che hanno già raccolto parecchi consensi durante la precedente stagione” di console. Se il titolo Capcom ti interessa fino ad un certo punto, il titolo Rockstar invece ti incuriosisce parecchio. Si, “Bla bla bla a 10 euro lo prendi su Ps3”. None, vuoi giocarlo su Switch, oh stacce!

21400_4a.jpg

Infine siamo arrivati all’ultimo titolo in agenda. Non ci sono parole, non c’è niente da dire se non che ci sono tantissimi giochi bellissimi su tutte le console in tutti i formati possibile, ma, nessuno, davvero nessuno sa fare i videogiochi come li sa fare Nintendo. 

Il nuovo filmato di Super Mario Odyssey ha semplicemente spaccato per dirla in modo giovine!

Cosa manca a Nintendo Switch? A questo punto direi che manca davvero poco, per i tuoi gusti la cigliegina sulla torta sarebbe che Square Enix annunci un Kingdom Heart e poi davvero con l’arrivo di Kirby, Yoshi, Metroid e Pokemon nei prossimi anni sarebbe tutto semplicemente fantastico.

A questo punto è bene per te fare il punto della situazione e capire come è messo quello che gli addetti ai lavori chiamano Backlog ossia tutti i titoli che hai nella lista dei giochi da giocare perchè a quanto pare su Switch non ci sono abbastanza giochi. Ma fateci il piacere!

Backlog dei titoli già disponibili:

  • Rayman Legends
  • Mario + Rabbids
  • Shovel Knight
  • Wonderboy

Questa lista verrà sconvolta nel giro di pochi mesi. Accidenti. In soccorso però c’è un principio un voto che hai fatto e che duramente stai portando avanti da qualche mese. No no, non si dice qual’è ma promesso, se tutto rimane in ordine ne parliamo domani nel post che continua il discorso di ieri sul Digitale VS Edizioni Fisiche ma che verrà messo in crisi da questa seconda lista:

Wishlist dei titoli in uscita

  • Mario Odyssey
  • A molta distanza tutto il resto ma solo perché Metroid Prime 4 non ha una data di uscita

La butti sul ridere perché  ci sono altri titoli che sicuramente fanno parte dei titoli che infilerai nel tuo backlog. Skyrim, L.A Noire e Xenoblade sono i tre più papabili nel breve ma vediamo cose si evolverà tutta la faccenda.

PS Si il posto ha delle piccole ma goliardiche piccatine un po’ sarcastiche. Nulla contro i lettori di questa webbettola che non hanno mai e dici mai detto cose del genere. Ma l’internet si sa, è anche un postaccio e la gggente andrebbe ogni tanto mandata la, si proprio la.

Rayman Legends Definitive Edition (Demo)

1503059143-picsay.jpg

Una nuova demo scaricabile dall’Eshop Nintendo? Evvai! Si tratta di un platform coloratto, pucciettoso e ironico? Oh siiiiii. Fantastico! Non resta che premere scarica”. Daje!

Quando si tratta di Demo ecco che il tuo essere critico e spilorcio viene fuori all’improvviso. Bene, bene adesso posso provare il gioco e rendermi conto che non fa per me e risparmiare 60 eurosesterzi”

Ma la realtà questa volta è un po’ diversa. Fin dall’annuncio della conversione di Rayman Legends per Nintendo Switch sei sempre stato piuttosto incuriosito (ricordate sempre che hai la saltato la WiiU). I video dimostrativi ti avevano già convinto ed ora con questa demo hai avuto l’occasione di confermare o smentire le tue prime buone sensazioni.

La demo del titolo Ubisoft ti da la possibilità di assaggiare tutte le principali modalità di gioco che poi andranno a comporre il titolo definitivo. Si parte da due classici livelli di gioco Teensies In Trouble” e “Toad Story”, entrambi di bassa difficoltà ma che fanno capire precisamente il target principale a cui è rivolto Rayman Legends definitive edition ossia il casual gamer. Si perchè questo giochillo” ha tutte le carte in regole (per quello che visto dalla demo, ovvio) per essere l’apoteosi del casual gaming in portabilità. Le caratteristiche che ti hanno colpito di questi due livelli sono la durata complessiva ridotta e l’elevata rigiocabilità per via del sistema di punteggio a stelline tipico dei titoli per i chiaccheroni evoluti (Mele o androide che siano).

L’idea di “accendo un attimo la console e vedo se riesco a fare tre stelline in quel livello” sembra essere il principio che si cala alla perfezione con la combinazione Switch e Rayman Legends. Insomma la demo sembra aver confermato tutto l’entusiasmo che avevi già per il titolo.

raymanlegends_2-720p

Che poi è facile tessere elogi per un titolo che al momento della sua uscita raccolse consensi un po’ ovunque, niente di nuovo insomma, ma non va sottovalutato l’aspetto che oggi sulle vecchie” console si può trovare a prezzi più che abordabili quindi la domanda chiave a cui volevi dar risposta è val la pena prenderlo su Switch a prezzo quasi da titolo tripla A?

Per dare questa risposta continuiamo a vedere le altre modalità di gioco.

La seconda modalità che hai provato nel livello Castle Rock” è il platform musicale in cui si dovranno affrontare una serie di salti e ostacoli a ritmo di musica. La tipologia è divertente ma a differenza di un rhythm game più evoluto il gioco ti è sembrato molto permissimo sulle azioni di gioco.

La terza modalità di gioco è presentata dal livello Murfy’s Touch”. Da quanto hai capito è esclusiva di Nintendo Switch e praticamente permette di giocare sfruttando le caratteristiche giroscopiche e touch di Switch.  Il classico giocare come con uno smartphone con un singolo dito più enigmi ambientali risolvibili con la rotazione della console. In pratica un altro punto a favore.

Poi c’è anche la quarta modalità: Kung Foot il giochino (nel giochino) multiplayer in cui uno contro uno si giocherà a calcio picchiandosi con lo scopo di segnare nella porta avversaria. Compreresti Rayman già solo per questa sciocca modalità perché accidenti se è divertente, dannatamente divertente!

Rayman_Kung-1.jpg

Johnny ma facci capire, stai cercando giochi per cellulare o giochi di un altro livello? No no, stavo proprio cercando questo Rayman Legends Definitive Edition solo che ancora non lo sapevo. Ora che lo so, beh, non resta che tener d’occhio l’amazon che a settembre arriva per poi darci dentro appena il prezzo diventa succoso! Si, con i Dayone per un po’ hai smesso…