Archivi Blog

Nintendo Spotlight E3

1497443701-picsay.jpg

Mentre ieri invecchiavi e inventavi improperi sul GRA come al solito intasato come dopo un pranzo della domenica a casa della nonna, Nintendo trasmetteva all’E3 di Los Angeles un filmato di neanche 25 minuti che ha sfasciato le chiappette a tutto il cucuzzaro, a tuo modesto parere certo, mostrando ciò che esattamente il fan della grande N voleva vedere (salvo alcune “piccole” cose che sono mancate, ma ne parliamo al fondo).

Questo post ovviamente è di parte, è fazioso, è dalla parte del videogiuoco sano e genuino, quello senza olio di palma, quindi per tutti quelli che contano teraciospsspspspspspsps e che non la pensano come te dici solo “gne gne gne”.

Questo è un post emozionale, di pancia, pure e cristallino, scritto da un pischello di trentasei anni che ha la carta di credito e amazon pronti a incontrarsi più e più volte in quest’anno e in quelli a seguire. Questo post continua la linea degli articolacci in cui hai già parlato di Switch con entusiasmo, queste parole sono un rafforzativo, sono l’espressione della tua soddisfazione che stai provando nelle ore che stai spendendo o sprecando come direbbero alcune ottuse cariatidi con il tuo nippo giocattolo.

Pronti Noi Zi Va

Non riesci a ripercorrere in ordine cronologico i venticinque minuti del video, perchè ci sono cose che vuoi scrivere prima di altre, ci sono delle necessità, delle urgenze, perchè ci sono sogni -piccoli sogni for sure- che finalmente si potranno realizzare.

Partiamo quindi dall’annuncio all’apparire di un 4 sullo schermo. Arrivano i fantastici quattro? Beh in pratica si, arriva il quarto capitolo della serie di Metroid Prime. La serie Prime insieme ad Halo (i primi due) sono gli unici FPS che veramente ti sono piaciuti nell’era 3D dalla PS2/XBOX in poi. Non si è visto niente, non c’è niente, ma il cuore si è riempito di un moto d’ammore. “Si, ci stiamo lavorando abbiate fede e pazienza” “Beh cara Nintendo, io di pazienza non ne ho ma per Prime 4 posso fare un eccezione basta che lo fai pheeeegherrimo”.

Metroid-4.jpg

Basta questo per farti avere tremiti nella forza

Il secondo colpo al tuo cuore di bimbo è arrivato dritto dritto dall’Unreal Engine 4. Hanno presentato una nuova avventura di Yoshi Lana chiamata semplicemente Yoshi la quale ha mostrato una potenzialità incredibile anche per il multiplayer in locale. Se vi ricordate, eri tentatissimo di comprare il nuovo 2DS XL che uscirà a fine luglio. Ora con l’arrivo di Yoshi su Switch è venuto meno uno dei principali motivi per cui volevi acquistare una seconda console portatile nintendo. Yoshi è il tuo amico di infanzia, scoperto in Super Mario World tra voi è stato amore fin da subito e non passava livello che tu non affrontassi senza il tuo amico del cuore. Eri anche entrato nell’ordine di recuperare una WiiU usata per concederti di giocare anche con il tuo amichetto di infanzia, il cuore si è sciolto quando hanno annunciato il gioco. Quindi salvo il portafoglio per luglio ma tanto sapete già come andrà a finire giusto? Non si spende da una parte per darci dentro in un’altra. Daje! Yoshi presenta l’interessante novità del poter vedere lo scenario da due punti di vista invertendo la posizione della telecamera di gioco. Sembra davvero carino.

Yoshi-Switch-NintendOn-1038x584.jpg

Eccoti finalmente amico mio!

A queste due bombe si aggiunge Mario Odyssey che per quel che si è visto è semplicemente magnifico. Questo nuovo Mario ha le carte in regola per entrare a gamba tesa nella top 3 dei tuoi Mario preferiti e giocarsi il primo posto sempre a discapito di Super Mario World riuscirà a batterlo? Beh la risposta la sapremo presto il 27 ottobre arriva presto. Ragassuoli sarà un ottobre pazzesco, succederanno un sacco di cose maggggiche, poi racconterai tutto a tempo debito. Sembra un musical colossale, Bowser e Peach vestiti da sposi entrambi in bianco, Mario che dovrà, viaggiando in mille e più luoghi, salvare la sua principessa del suo Bitter End.

e3-2017-super-mario-odyssey-hands-on-preview-a-brilliantly-b_zhsa.jpg

Oh qua famo il botto!

Onestamente non ti serviva altro, ma Nintendo è andata oltre annunciando anche il nuovo Kirby. Non giochi ad un Kirby dai tempi del NES e dello SNES quindi sarà un piacevole ritorno anche per via del multiplayer si cui hanno spinto e su cui val la pena spendere due parole a breve.

kirby_switch-7.jpg

Santo Multiplayer!

Si sono visti poi due Trailer dedicati a Xenoblade 2 e Fire Embleem Warriors due titoli verso cui hai una certa curiosità ma dei quali non avendo mai giocato nessun titolo precedente o di nessun genere analogo (la serie Warriors è un Musou giusto?). Rimarrai in attesa ma tanto sai già che soprattutto Xenoblade 2 che sembra pazzesco lo prenderai presto.

Infine hanno parlato dei DLC di Breath Of The Wild, non hai mai comprato un DLC ma questa volta la tentazioni è forte. Diciamo che vuoi saperne di più soprattutto sul secondo DLC che riguarda a quanto pare i quattro campioni. Sei rimasto particolarmente legato a Mipha quindi ti piacerebbe che se ne parlasse di più. Zelda, stacce! Al Cornerhouse preferiamo lei a te. Sorry tanto sono diecimila anni che ci mandi in bianco mentre la pesciolina sembra ben disposta.

Multiplayer, ecco, abbiamo detto che ne avremmo parlato e credi che ora sia il momento giusto per farlo perché è evidente come Nintendo stia puntando alla socialità e al competitività sia tutti attorno da un divano, sia online, sia tramite tornei.

Arms e Splatoon che sono in uscita sono l’essenza del gioco in compagnia. Le loro modalità di gioco, quelle a squadre soprattutto, puntano tutto sullo stare insieme. Mario Kart (uscito a fine aprile) è un altro esempio del concetto di “giochiamo insieme nelle stesso luogo”.  Fin’ora non avevi mai e poi mai partecipato ad un torneo online ma nello scorso weekend invece hai rotto il ghiaccio sei andato una caccapupu ma poco importa il giocare e divertirti con e contro altri era il primo obiettivo.

Anche Yoshi e Kirby sembrano fortemente orientati sullo stare insieme e vista la loro natura pasticciopuffosa potranno essere degli incredibili gateway anche per il gioco padre figlio/a.

Mentre Sony e Microsoft sfornano gioconi -si beh perchè sono gioconi- iper realistici e dall’impatto chiaramente cinematografico, Nintendo sta facendo riscoprire il piacere dello stare insieme. Il tuo cuore applaude in lacrime di fronte a quest’approccio. Era quello che serviva all’industria videoludica? Boh non lo sai, sei solo uno user anziano, ma tu sei contento così. La condivisione del divertimento alla tua vetusta età è forse più importante del divertimento stesso.

Infine due cose, la prima dedicata a tutti gli appassionati e spendaccioni collezionisti di fregnacce Nintendo. Oh my god quanti Amiibo stupendi, i quattro campioni di Breath Of The Wild sono da prendere subbbito prima che la speculazione li faccia salire di prezzo in maniera indegna. Bowser Peach e Mario in vestito bianco da sposi sono magnifici. Ah le tue tasche stanno per fare un pessima fine. Vuote come un buco nero.

19222594_10158864788450187_1050338811132053035_o.jpg

Amore esco a comprare un pupazzetto…

19095508_10158864788825187_3818252625871556090_o.jpg

Ehm no erano due pupazzetti!

19221486_10158864788820187_4368426594419656828_o.jpg

Aspe che mi sembra che ci sia una cosa li…

19143926_10158864788815187_4866868908704709392_o.jpg

Ok moglie, forse mi sono fatto prendere la mano!

Le seconda ed ultima cosa è stato l’annuncio alla conferenza Ubisoft del cross over di Mario e dei Rabbids che sembra essere un action RPG con combattimenti tattici e tanta tanta ironia. Beh un acquisto sicuro!

Ricapitolando:

Venerdì: ARMS

Luglio: Splatoon 2

Agosto: Mario + Rabbids

Settembre: Fifa + NBA 2K

Ottobre: Mario Odyssey

E in tutto questo devi trovare spazio per Skyrim (qualcuno ha detto Skin di Link?) e gli eventuali Indie che avrai voglia di affrontare. No Ma davvero di cosa stiamo a parlare? Mancano Call OF Duty o un Assassin’s Creed? Puoi dirlo: “E sti grandi Cazzi! Non hai comprato Switch per questo”

Ora un po’ di considerazioni “oggettive” che quelle di pancia e cuore ve le siete già sopportate abbastanza. Nintendo ha sbancato perchè il resto dell’E3 ha un po’ deluso a partite da Scorpio e Microsoft. Nintendo non ha quasi mostrato niente che già non si sapesse e di Metroid ha mostrato il logo, così come ha fatto per i Pokemon ha detto che si farà, quando chi lo sa.

Cosa è mancato a Nintendo? Sei abbastanza convinto che siano mancate poche cose ma alcune di esse siano in ogni caso determinanti. Partiamo da “Ma scusate la Virtual Console dov’è finita?” “oh dovete cacciare fuori sta ‘cippa de Virtual Console lo capite che vi daremmo tonnellate di quattrini per comprare per la quinta volta Super Mario World?” Niente non lo capiscono.

Poi… ma un Donkey Kong non c’è? Dai manca solo lui poi tutti avrebbero il loro gioco dai dai dai dai fate un DK nuovo dai dai dai dai oh oh oh oh oh.

“Infine, cara Nintendo so che vuoi farmi ancora comprarmi un 2ds ma un bel Luigi’s Mansion? Altri ti hanno anche chiesto un bel F-Zero per te non indispensabile, ma tu forza facci un pensierino!”

Detto ciò, ancora una volta il supporto delle terze parti è al minimo sindacabile, accettabile per i tuoi gusti, ma davvero risicato per chi non si può permettere come i giovini trentenni che lavorano due o tre console. Dopo questa fiera consigli di comprare Switch. Beh onestamente pensi di si ma ha patto di rispondere si a queste due domande:

“Preferisci il gameplay alla grafica quasi cinematografica?”

“Preferisci giocare ai titoli Nintendo piuttosto che gli altri brand?”

Se avete passato il test, (basta rispondere si alla prima) Switch non vi deluderà per tutti gli altri, nella migliore delle ipotesi, è la “seconda” console perfetta per tutti.

Oh Abbiamo finito, millecinquecento parole di sproloquio a vanvera ma ricche di cuore, passione, di fanciullesca nostalgia verso ciò che ti ha reso quello che sei. Questo è inno d’amore e al cuor, si sa, non si comanda. Se è vero che la felicità è fatta di piccole cose, di piccoli momenti, beh la prospettiva è che ci saranno tanti piccoli momenti di felicità in arrivo.

Ora basta che c’è un attacco di bruschette negli occhi. Qui si va a limare i record sui tracciati di Mario Kart. Ci si legge domani, cia!

ARMS – Prime Impressioni

1496042484-picsay.jpgRagassuoli il Cornerhouse è reduce da trenta minuti serratissimi in cui per la prima volta ha provato ARMS il nuovo picchiaduro Nintendo che uscirà a giugno su Nintendo Switch la nuovissimissima console Ibbbrida della grande N nipponica. Prima dell’uscita del titolo ci saranno ancora alcune occasioni il prossimo weekend per poterlo assaggiare e decidere se val la pena prenotarlo a portarselo a casa al deiuan. Per il momento le sensazioni sono contrastanti ma andiamo con ordine.

Pronti Noi Zi Va

Prima di tutto vuoi elogiare Nintendo che permette di testare i suoi giochi in queste modalità di gioco online per verificare come andranno i suoi server con il carico massimo di utenti contemporaneamente connessi e che da comunque la possibilità a noi giocatori di provare in demo il titolo stesso e il suo comparto online.

ARMS è il secondo titolo che segue questo approccio. Il primo era stato Splatoon che hai trovato carino ma di cui vorresti la possibilità di un secondo test per poterlo rigiocare e deciderti a proposito dell’acquisto. Un po’ come anche per questo picchiaduro.

Grafica e Design

Al momento ARMS è la cosa più bella che hai visto girare su Nintendo Switch, si è anche meglio di Zelda Breath Of The Wild che si “salvato” grazie alla tennica del CellShading che l’ha reso un cartone animato. Anche Mario Kart 8 Deluxe che comunque mantiene uno stile analogo e colorato non è alla stessa altezza. Quindi la prima impressioni é di trovarci per la prima volta con un prodotto che sfrutta le capacità di elaborazione della console.

Arene di combattimento e personaggi sono davvero ben realizzati e caratterizzati con delle ottime animazioni con colori  vivaci e saturi che inevitabilmente hanno conquisto l’attenzione anche di Carlotta che si è fermata a domandarsi “ma cos’è sta roba?”

Sonoro

Praticamente non ti sei accorto quasi di nulla se non nei menù. Al momento ti riservi di farti un idea più precisa al prossimo test della prossima settimana.

Controlli e Giocabilità

Dunque è proprio qui che partono i tuoi dubbi. Hai giocato in due modalità. La prima in versione Wii Sports Box con i due Joycon in mano come fossero due Wiimote. Beh l’esperienza è stata veramente deludente. Si perchè, sicuramente avrai sbagliato qualcosa tu ma non riuscivi mai a muoverti funzionava tutto tranne il movimento che evidentemente non hai capito come si fa. Per il resto andava tutto pugni, parate, super mossa e prese però insomma ci sei rimasto parecchio male.

Poi hai provato ad utilizzare i due Joycon in modalità Joypad base è la storia è cambiata in maniera incredibile scoprendo un gioco pazzesco, molto divertente e frenetico nel più classico stile Nintendo ci va un attimo a capire come si gioca e molto tempo invece per imparare a controllarlo, che ti ha portato a conclude l’esperienza della demo con una striscia di otto vittorie consecutive e quasi convincendoti a prenotare il gioco.

Modalità di Gioco e Online.

In questa demo che sicuramente è servita a Nintendo per testare il comparto Online che ha funzionato alla grande già in questa sessione in cui hai provato quattro modalità di gioco differente.

La prima è il classico scontro uno contro uno che non ha riservato particolari “sorprese” perchè ha tutto quello che ti aspetti da un gioco dove ci si picchia ne più ne meno.

La seconda modalità è lo scontro a squadre due contro due che hai trovato un po’ più caotico dello scontro classico ma comunque è stato divertente.

La terza e la quarta modalità sono quelle che ti sono piaciute di più e sono anche quelle che pensi che online possano fare più furore e trasformare ARMS in un titolo per ora speciale nel suo genere, ovvero lo scontro tutti contro tutti in cui al posto dell’incontro uno contro uno eravate in tre nell’arena a dovervi pestare . è stato troppo divertente vedere come ci si alleava due contro uno a seconda della situazione per attaccare un giocatore piuttosto che un altro e cambiare fazione appena l’altro aveva abbassato la guardia. Una modalità spietata e decisamente divertente.

L’ultima modalità che hai provato due volte ma sempre quando ancora non avevi impostato i Joycon in modalità Joypad è stata la pallavolo due contro due tipo Beach Volley. Sei convinto sarebbe stato fantastico poterci giocare bene, speri nella prossima demo.

Che fare quindi?

Due considerazioni, la prima devi capire perchè non riuscivi a muoverti con i Joycon usati in versione Wiimote più che altro per scrupolo che sia rotto qualche accelerometro? We hope not.

La seconda è che ok, capiamo come ci si muove ma in realtà difficilmente ARMS lo giocherai in quella modalità, ma sei anziano e preferisci il buon vecchio Joypad allo strapparti le braccia, non sei più il giocatore di una volta.

Il risultato è che quindi è improbabile che tu non acquisti ARMS al deiuan però diciamo che se per Mario Kart, Zelda e Street Fighter 2 non hai avuto la benchè minima esitazione qui ancora un pochino ma poco poco di dubbio ancora c’è.

Nintendo New 2ds

1493712861-picsayNintendo continua con le sue discutibili scelte di mercato che la porteranno incredibilmente  a sparare fuori a luglio di quest’anno una console di cui il mondo degli appassionati di videogames non sentiva certo il bisogno ovvero il New 2DS XL.

Il New 2DS XL si propone come tecnologia al pari del fratello maggiore il New 3DS XL con schermo delle medesime dimensioni, una forma, dai, ammettiamolo accattivante e con la principale differenza di non avere il treddì.

Ma periddio ma come è possibile che togli dal mercato il mini Nes, fai uscire Switch che dai, è la portatile definitiva, e poi te ne arrivi trullo trullo che ‘sta robba? Ma cosa vi passa per la zucca?

Il new 2ds è l’affermare evidentemente e indirettamente di alcune cose: La prima a proposito del  3d del 3ds il quale è stata una scelta fallimentare, chiunque senti dice che la funzione la tiene sempre spenta, perché funziona male o non rende o da fastidio agli occhi. Poi,  Nintendo, è certo, ha paura ad affermare che Switch sia una console portatile che si può attaccare alla tv e non è sicura di voler portare tutti i brand 3ds su Switch. Il dubbio onestamente è lecito ora Switch sta vendendo alla grande ma potrebbe essere un fuoco che si spegnerà presto e quindi nintendo ha ritenuto opportuno spremere la sua vacca Ds ancora una (l’ultima, forse) volta.

Ma chi è il vero target del New 2ds? Bella domanda. Allora sicuro non è indirizzata a chi ha già una console portatile nintendo. Per nessun motivo se hai già un 3ds potresti desiderare questa console. Non è nenache secondo te troppo una console da pischelli, costa 150 sacchi e comunque ora il 2ds sta oramai facilmente sotto i 100 eurini con un gioco preinstallato. Mica bruscolini.

Idem chi ha appena comprato switch cosa se ne fa di una seconda console portatile? Quasi nulla, anche perché stiamo più o meno sperando tutti in una conv1ergenza di prodotti

Le uniche persone che potrebbero essere interessate a questo giocattolino sono tutti coloro che non hanno ancora comprato un 3ds (e neache hanno Switch) ma che sono interessati al vasto e incredibilmente pheeeeco catalogo giochi 3ds/ds che ha delle perle davvero di rara bellezza come i remake di Ocarina Of Time e di Majora’s Mask o Bravely second o Fire Embleem come non escludere Mario Maker, Luigi’s Mansion o i vari Pokemon quindi beh, ecco non dovrebbe esserci nessuno che conscio del fatto di questo popo di ‘robba non abbia ancora una portatile nintendo. Beh si tutti tranne te. Ouch.

Ogni tanto hai come l’impressione che nintendo ti spii nel sonno e faccia uscire al momento giusto proprio il prodotto che desideri ma che in verità non ti serve ad una beata mazza e che solo le tue sciocche manie da spendaccione ti costringono a comprare. Si si avete capito bene il new 2ds è una console oggettivamente inutile ma facile che la comprerai.

Vabbè in realtà c’è anche un piccolo e triste aneddoto che ti porta a rimpiangere di non avere un DS. Nel 2014, una notte in cui te, tua moglie e la cana non eravate in casa delle persone verso cui gli epiteti echeggiano ancora per tutta Roma sono entrati nel Cornerhouse e hanno portato via un po’ di cose. Tra cui la tua collezione di giochi PS3 e quella DS compresa di console portatile. Ovviamente i danni furono ben maggiori da degli stupidi videogiuochi ma da allora hai sempre rivoluto avere il Nintendino, come tua moglie l’ha sempre chiamato.

Nintendo Switch: On o Off?

Ragassuoli,

vi si vuol invitare nella webbettola di un caro amico, il “broggher” RedBavon per condividere con voi le nostre impressioni su Nintendo Switch.
è vero siamo un po’ di parte ma quando c’è il cuore e l’amore per il videogioco non si vuol dire mai le bugie!
Enjoy It

Pictures of You

RedBavon alla tipa:”Vuoi salire su a casa mia, così swicciamo un po’!”
Tipa:”Sì, dai!”
Potere dei funghi di Super Mario.

Autori: Johnny Cornerhouse e RedBavon

Nintendo Switch è in pianta stabile sotto la TV, accanto a quel marasma di scatole e scatolotti di varia foggia, da cui fuoriescono un numero imbarazzante di fili, in barba a Bluetooth e Wi-Fi.
Johnny Cornerhouse e io apparteniamo a quella specie di pollame, che il marketing definisce “pionieri” ovvero quel tipo di consumatore che sgancia la vile pecunia per assicurarsi maledettamente subito l’oggetto del proprio selvaggio desiderio, nella consapevolezza che il primo acquirente paga il prezzo più alto di tutto il ciclo di vita del prodotto.

Uniti da questa maledizione consumistica, abbiamo deciso di stendere una recensione a quattro mani su questa console fantastica. Potrebbe essere altrimenti viste le 329 eurococuzze investite?

Negli anni l’industria del Videogioco è cambiata, il mercato altrettanto, noi consumatori…

View original post 2.318 altre parole

Super Mario Run

Super-Mario-1.jpgOggi piccola informazione di servizio. L’app per dispositivi Android di Super Mario Run è stata finalmente rilasciata da questa mattina sullo store di google.

Si tratta di un gioco di Super Mario che si ispira ad una tipologia di giochi che tanto andava di moda un po’ di tempo fa sugli smartphone ovvero i runner in cui il giocatore poteva giocare a coloratissimi platforms utilizzando esclusivamente un dito per far saltare al momento giusto il proprio alter ego che già di suo correva su schermo.

Nintendo ha il vizio di fare le cose giuste con un paio d’anni di ritardo, questa non è la prima volta, se Super Mario Run fosse uscito un po’ di tempo prima sarebbe stato meglio ma ciò non toglie che la prima impressione sul gioco è decisamente positiva. I modelli poligonali sono piuttosto gradevoli e si respira fin da subito l’aria frizzante e colorata che riempi i classici giochi di Mario.

Anche l’idea di lasciare lo schermo in verticale che è stata ampiamente criticata non sembra aver minimamente intaccato lo spirito alla base di questa tipologia di giochi.

L’app è scaricabile gratuitamente e permette di affrontare il primo mondo e qualche piccola sfida che permette di personalizzare il proprio villaggio Toad. La versione completa invece è acquistabile a 10 eurini. Non sono per nulla pochi, anzi, è parecchio caro ma con buona probabilità lo farai se il gioco resterà installato sul tuo cellulare per più di qualche settimana.