Switch · Videogames

[Videogiochi][Switch] Capcom Beat’Em Up Bundle

Bentrovati ragassuoli, anche oggi la vostra appassionata webbettola de borgata, la più sgrammaticata dell’internet tutta, apre le sue porte questa volta con un post retronostalgico dal flavour cornetto algida a 1000 lire, per ciarlare di un videogioco disponibile nel vecchio mondo solo in digitale. Today is the day about schiaffazzi, manate e multiplayer in locale, oggi cianciamo di Capcom Beat Em Up Bundle

Gli anni 90 sono stati il tuo periodo dove vivevi perennemente in sala giochi anche se avevi le console a casa anche quando, poco dopo, avresti avuto anche un pc. Il fascino del cabinato per te era irresistibile e non ricordi neanche più quante volte hai fatto incazzare tuo padre che ti dava i soldi per la merenda e tu li trasformavi tutti in gettoni per videogiochi. Ah che bei tempi (forse).

Se c’è stato un genere di giochi che in quel periodo viveva la sua epoca d’oro e che a te sollazzava proprio tanto erano i picchiaduro a scorrimento e la Capcom era certamente tra le software house più esperte nel settore. Proprio la Capcom nell’autunno del 2018 ha tirato fuori dal suo cilindro una raccolta di sette di videogiuochi di quel genere disponibile a 20 crediti imperiali per le principali console domestiche di questa generazione (dovrebbe essere disponibile anche su PC tramite Steam).

Per la prima volta nella tua vita ti sei trovato a giocare “legalmente” senza i vari emulatori trovati nel web oscuro, ad alcuni dei titoli che più hai amato nella tua fanciullezza.

Basterebbe dire Knight Of The Round per chiudere qua la recensione con un lungo e interminabile applauso. Knight of Round è forse uno dei tuoi titoli preferiti di sempre. Potevi andar in giro a mollar fendenti con Parceval, Artù e Lancillotto. Un design fenomenale e una crescita dei personaggi esteticamente fantastica.

Poi è il turno di Final Fight, finalmente in versione completa e fatta bene, non quello scempio che fu la prima versione Super Nintendo che per un sussulto d’amor proprio non ti sei fatto regalare a suo tempo. L’altro giorno hai fatto giocare anche Carlotta che ha avuto anche nel un brivido nel corazon nel ricordare le lei fanciullina a buttar gettoni nel cabinato.

Il terzo ed ultimo titolo che già conoscevi è The King of Dragons fratello more fantasy di Knight Of The Round ispirato moltissimo dalla più comune ambientazione alla dungeons and dragons.

Gli altri titoli presenti nel Bundle sono invece videogiochi che non conoscevi di cui uno in particolare ti sta divertendo parecchio ossia: Armored Warriors che dispone di un interessante sistema di potenzialmente andando a raccattare i pezzi meccanici degli altri Robots scassati. Anche le grafica con Sprite molto grossi è davvero un piacere da vedere.

I restanti titoli all’appello sono lo strano Captain Commando, il nipponico Warriors of Fate e l’assurdo Battle Circuit. Titoli che stai ancora approfondendo sui quali non sai ancora farti un’opinione precisa.

Tutti i titoli nella qui presente raccolta sono giocabili sia in inglese che in giapponese ed è possibile personalizzare le due barre laterali che colmano le parti esterne dello schermo.

Sono anche incluse alcune chicche contenute nella galleria del gioco.

Ad ogni modo, Capcom Beat’EM Up è un titolo buono per tutti i nostalgici e per chi ha piacere di condividere una sana sessione di gioco in multiplayer locale come si faceva un volta. Certo, la selezione dei titoli per alcuni versi è un po’ avara manca senza ombra di dubbio almeno un titolo, ossia Cadilac & Dinosaurs ma sicuramente si tratta di una opinione soggettiva, il vero problema sono certamente le licenze.

Capcom Beat’EM Up si sposa alla perfezione con una console portatile come Nintendo Switch per via della sua filosofia ibrida fortemente votata alla portabilità. Giocare a Knight Of The Round e a Final Fight dove ti pare, è un piacere che un videogiocare vecchiardo come te non può non apprezzare. Perfino Carlotta si è esaltata quando ha visto sul televisore Final Fight. “Grazie amore per avermi fatto tornare bambina” Così si vince facile.

Non è un titolo da avere per forza, ma ha la sua ragion d’essere, specie per il target a cui si rivolge. Trovarlo in offerta dai quindici crediti imperiali in giù può avere il suo appeal. Venti soldini forse un pelino troppi.

Ebbene cari ospiti di questa webbettola la chiaccherata di oggi è giunta a termine. Vi si ricorda che stelline e commenti sono la benzina e l’unica moneta che vi verrà richiesta per partecipare a questo gioviale convitto.

Potete trovare altri post videoludici a proposito di titoli per Nintendo Switch proprio qui:

Inoltre se siete fan dei socialcosi potete trovare il Cornerhouse su:

Se vi aggrada, as usual, siete invitati a seguire questo postaccio pure sul social che preferite, qui ci si impegnerà sempre per il sollazzo del vostro spirito tutto!

11 pensieri riguardo “[Videogiochi][Switch] Capcom Beat’Em Up Bundle

    1. Si, infatti, sono le ambientazioni che cambiano i giochi sono più o meno identici, Battle Circuit è l’unico che aggiunge qualcosa perché non ci si limita a saltare e a tirare mazzate ma alcune mosse vengono fuori attraverso mezze lune alla street fighter.

      Piace a 1 persona

  1. Adoravo i picchiaduro a scorrimento perché finalmente si poteva giocare in due, a differenza dei platform o degli action! Era una rottura di palle dover aspettare il tuo turno quando eri in compagnia. Questo genere ti faceva socializzare, senza litigare.
    Oggi non li sopporto molto, a fine gennaio ho fatto una serata retrogame con mio cugino, due palle dopo un po’, alla fine ho preferito virare verso altri generi, anche se erano single player.

    Piace a 1 persona

  2. Avevo creduto a un videogame che RIUNIVA alcuni personaggi di questi picchiaduro a scorrimento! 😮
    Peccato.
    In ogni caso, Final Fight terminato pochi giorni fa, Armored Warriors non lo conoscevo e Knight è veramente bello^^

    Moz-

    Piace a 1 persona

  3. È nel mio mirino da tempo, ma non la riesco a trovare a un prezzo decente. Venti eurococozze mi sembrano allettanti e potresti indicarmi dove l’hai acquistato?
    Per me Final Fight è il Re di questa raccolta per il motivo che hai citato. Non che KoR e KoD non lo siano, ma già le ho su una raccolta Capcom per PS2. Poterli giocare dove sul trono di ceramica è però un insindacabile plus, dovendo combattere con i due nani per un posto sul divano e un joypad.

    "Mi piace"

      1. Aha! Io intendevo proprio la versione fisica. 35 eurococozze incluse spese di spedizione da Hong Kong o Giappone (anche per PS4). Magari aspetto una riduzione di prezzo, perché le versioni digitali non mi fanno proprio “gusto”. Venti euro per la versione digitale concordo che sia un po’ esosa per una raccolta di titoli dai costi già ammortizzati ampiamente e che puoi giocare dignitosamente anche con un Raspberry. Certo la portabilità è un plus, ma a questo punto passo.

        Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...