Archivi Blog

Cornerhouse’s Call To Action! (1)

1502262669-picsay

Ragassuoli oggi è un giorno importante e di sperimentazioni. Ispirato dal lavoro dell’Orso Chiaccherone, oggi arriva il primo sondaggio der Cornerhouse!

Era da un po’ di tempo che pensavi di aumentare la partecipazione di voi ragassuoli in questa webbetola, i sondaggi possono essere in primo passo per sondare il terreno e scaldare i motori. Certo che essendo questa una webbettola molto trasversale che parla di un sacco di cose non ti aspetti che tutti votino anche perché magari chi segue il Cornerhouse per le stronzate che scrive di cinema non lo fa per i fumetti e viceversa.

é tempo di tagli sugli acquisti DC Comics perché come hai scritto in lungo in largo sul blog, il budget è quel che è, e tu vorresti riuscire anche a leggere altro oltre a DC e Bonelli. L’idea sarebbe di tagliare tra i quindici e venti crediti imperiali che equivalgono all’incirca a smettere di seguire due-tre testate DC Comics rinascita.

Il tuo desiderio è recuperare qualche Graphic Novel in cui sei rimasto indietro come la saga della Guarda Dei Topi, Il Porto Proibito o ancora gli adattamenti a fumetti dei racconti di Lovecraft ma ci sono anche tante altre cose magari anche qualche manga di breve durata.

Per questo motivo il Cornerhouse ha bisogno di voi. Dateci un consiglio: Secondo voi quali sono le testate DC Comics Rinascita irrinunciabili? Quali sono quelle che considerate davvero interessanti per cui vale pena continuare ad investire denaro.

Potete votare fino a tre fumetti e il sondaggio sarà valido sino al 23 agosto dopo di che trarremo le conclusioni!

Votate ragassuoli! Daje.

 

Giusto una scappata in fumetteria. Agosto 2017 (1).

Resized pictures - qqq.jpgIeri sera, dopo circa un mese, sei passato in fumetteria. La busta della spesa si è rivelata un macigno bello pesante. In calo per carità rispetto ai precedenti mesi piuttosto critici ma la morale di questa storia è vacci più spesso che poi la moglie se vede l’estratto conto della carta ti aggide!

“settanta euro in fumetteria, Amore non puoi mica leggere tutto!” “Dove li metti poi, vorrei proprio saperlo!”

“Tesoro” Vorresti rispondergli “Se volessi leggere tutto quello che mi interessa, dovrei comprare una cantina ogni mese!” ma ovviamente non puoi rispondergli cosi!

Vabbè ma cosa ti stai leggendo di bello?

Come vedete c’è tutto il blocco Dc Comics Rinascita ad eccezione della Suicide Squad che hai abbandonato da un po’ come hai scritto in questo post. Forse ci saranno altri tagli, non tantissimi probabilmente. Wonder Woman è la prima indiziata, non c’è un gran feeling con lei e forse ti sono sufficienti le sue comparsate nella altre testate e in Justice League. Il secondo albo è Justice League America che proseguirai fino al numero sette per le figurine che già l’albo della Justice principale che lo segui solo per i Titani quindi JLA potrebbe essere davvero un’acquisto un po’ meh… anche l’albo Il cavaliere oscuro non ti sta esaltando, solo Batman Beyond ti sta spingendo nell’acquisto ma sai che se abbandonassi il secondo antologico di Batman comunque difficilmente prenderesti poi i cartonati del Pipistrello del Futuro.

Ma oltre a tutto questo ci sono un sacco di cose interessanti. Flash e Superman sono due testate di ottima qualità e stanno mantenendo alto il tuo grado di soddisfazione che avevi raggiunto nella lettura dei primi numeri. Batman è migliorato parecchio e anche il nuovo arco “Io Sono Suicida” si sta rivelando piacevole! Per quanto riguarda le Lanterne sei fermi ma presto recupererai.

Sul fronte Bonelli hai praticamente abbandonato ogni serie regolare ad eccezione dell’ultima proposta della casa editrice italiana: Mercurio Loi. Quello che vedete è il terzo albo e ai tuoi occhi ha una grande responsabilità cioè sollevare le sorti della serie dopo il passo falso del numero 2. Hai deciso che per questioni di tempo non avrà tutte le chance che ha avuto Morgan Lost quindi speriamo bene che l’idea alla base del fumetto di garba proprio tanto. Ci sono ancora le due serie brevi: Quella di Martin Mystere che devi ancora iniziare a leggere perchè aspetti di averla completa e quella di Nathan Never anch’essa in attesa di lettura a serie ultimata tra tre mesi.

Mentre li in alto a destra c’è il penultimo numero di Ratman oh mio dio, a settembre finirà. Le cose belle finiscono, dicono… l’amore è eterno finché dura… ma devi ammetterlo, sarà dura senza di lui…

Ma ora ditemi voi, cosa state leggendo? Avete qualche fumetto da consigliare per arricchire la libreria del Cornerhouse? Scrivetelo nei commenti.

Noi ci si legge domani!

 

Wonder Woman (No Spoiler)

1496499285-picsay.jpg

Bentornati Ragassuli, la vostra webbettola malfamata di fiducia vi da il benvenuto ancora un volta schiacciando tasti a casaccio per raccontarvi sugar free e spoiler free le sue prime impressioni a proposito del nuovo film del Dc Comics extended universe: Wonder Woman.

Inutile che tanto già lo sapete continuare a ribadire anche a costo di perdere credibilità che a te Batman v Superman è piaciuto, che Suicide Squad lo hai trovato passabile è che quindi sei arrivato a vedere questo film carico di aspettative nonostante quel noioso di Recchioni e il gagliardo Doc Manhattan lo avessero un po’ massacrato nei loro commenti. Le aspettative per wonder woman sono state disattese? Loro avevano ragione? Scopriamolo.

Pronti noi zi va

Wonder Woman diretto da Patty Jenkins (un tocco femminile in regia che sicuro non ha guastato) È indubbiamente il più Marvel tra tutti i film Dc Comics colori saturi, intermezzi divertenti e riusciti a spezzare il ritmo e tanta, tanta azione fatta bene. Wonder Woman rappresenta per questo universo narrativo ciò che il primo Captain America è  stato per la Marvel. È un bene o è un male? Beh questo decidetelo voi, in ogni caso, Wonder Woman è il film di cui la Dc e la Warner avevano bisogno. È un film che incasserà tantissimo come dimostrano i primi risultati al botteghino di cui, inoltre, la stampa (“guidata” o no) sta parlando bene.

Grazie ad una colonna sonora ben scritta le scene d’azione diventano maledettamente epiche e anche se troverete i rallenty troppo inflazionati, renderanno chiari i combattimenti ed enfatizzeranno sia le azioni girate sia quelle realizzate in computer grafica. Il tema con la chitarra elettrica già  presente in BvS amalgherà poi il tutto con il progetto generale.

Il punto chiave, quel qualcosa che poi eleva il film di Wonder Woman da buon film a ottimo film è Gal Godot. La modella attrice israeliana è semplicemente perfetta per questa Wonder Woman. è vero non ha le forme con cui eravamo abituati ad immaginare le nostra amazzone figlia di Zeus ma in ogni momento, in ogni suo sguardo, ogni suo gesto esprimono nello stesso istante femminilità,sensualità e potenza. È impossibile non innamorarsi del suo sorriso, è impossibile non aver paura della sua forza. Lo avevi già scritto nel post precedente. Semplicemente il miglior casting fin’ora per qualsiasi Super Eroe.

Nel prossimo film della Justice League sarà davvero probabile che ogni scena con Wonder Woman andrà ad oscurare qualsiasi altro personaggio. Bats e Clark siete avvertiti, Diana ve darà una pista.

Per quanto riguarda la trama, la storia è  divisa in tre atti ben distinti che funzionano bene (in cui c’è lo zampino sia di Geoff Johns sia di Zack Snyder) per descrivere le origini (secondo Brian Azzarello) della nostra amazzone: Partiamo dal crescita e formazione di Diana a Themyshira, una seconda parte dove andrà a formarsi la squadra al fronte guidata da Diana ed infine il combattimento finale degno di essere visto carico di esplosioni, fuochi d’artificio ed epicità. Alcune scelte sono discutibili, alcune telefonate, certo il film è lontano da essere perfetto. forse ci sono anche un paio di buchi ma in realtà essi sono necessari, funzionali alla storia perché si, alcune cose si potevano scrivere meglio ma non puoi fare altrimenti perché abbiamo solo poco più di centoventi minuti per dare ai personaggi un senso. Bisogna starci, non vedere necessariamente le cose dal punto di vista dello sbaglio dello scenggiatore perché forse quel buco era il modo migliore, il male minore, per arrivare al risultato. Oh almeno, con te ha funzionato alla grande.

In conclusione Wonder Woman è il piu completo (non per forza il migliore) film di super gente Dc Comics. Piacerà di sicuro a chi ha già apprezzato Batman V Supeman potrebbe essere il primo film che potenzialmente può piacere a tutti gli altri. Dategli una possibilità che questa meraviglia di Gal Gadot non vi deluderà.

'Riddick' film premiere, Los Angeles, America - 28 Aug 2013

Per un sorriso così…

Personalmente di tutti i film che hai visto quest’anno Wonder Woman è il film che più ti ha fomentato. Se Guardiani della Galassia volume 2 ti ha divertito e Logan ti ha emozionato, Wonder Woman  è stato sicuramente quello che ti ha fatto uscire dal cinematografo di quartiere, gasato e decisamente ben preso facendonti dimenticare, la mezza delusione di Covenant e il mah di Pirati Nei Caraibi.

Ah dimenticavi. Non ci sono scene post crediti quindi uscite tranzilli tranzilli non vi state perdendo nulla!

10 Curiosità su Wonder Woman

1496318867-picsay.jpg

Ormai lo sanno anche i muri che sei un nostalgico tradizionalista e che ti piace creare rubriche e portarle avanti fintanto che non ti annoi. Quindi eccoci con il nuovo appuntamento con 10 Curiosità. Quest’oggi visto l’arrivo del nuovo film al cinematografo eccoci con un bel post su 10 curiosità su Wonder Woman.

Pronti Noi Zi Va.

  1. Wonder Woman creata nel lontanissimo 1941 da William Moulton Marston come simbolo del femminismo: « Il miglior rimedio per rivalorizzare le qualità delle donne è creare un personaggio femminile con tutta la forza di Superman ed in più il fascino di una donna brava e bella. » Inizialmente la nostra amazzone avrebbe dovuto chiamarsi Suprema la Wonder Woman solo in seguito il nome fu abbreviato. Oh lo sapete che il suo nome “umano” è Diana Prince giusto?  La cosa più buffa che proprio durante la realizzazione del film le femministe di cui WW avrebbe dovuto essere la paladina si sono sono scagliate contro la produzione! Vogliamo Gal Godot con i peli -nun se deve depila’ altrimenti nun ce se crede-.  Vi prego siamo seri!
  2. Le origini di Wonder Woman ,di cui hai anche scritto nel post dedicato a Wonder Woman Rinascita la nuova serie regolare a fumetti scritta da Greg Rucka, sono un po’ controverse. Per quanto riguarda il film vengono prese per buone le origini secondo cui Diana è figlia di Zeus e di Ippolita la regina delle amazzoni come raccontato da Brian Azzarello.
  3. Wonder Woman è talmente gagliarda che si è rivelata degna di sollevare il martello di Thor nel crossover Marvel VS DC del 1994 ma dato che è una signora non si è voluta avvantaggiare nello scontro contro Tempesta degli Xmen thorwonderwoman.jpg
  4. Nonostante le forme non propriamente giunoniche di Gal Godot, il suo casting per il film in uscita è sicuramente una delle scelte più azzeccate mai fatte per un super eroe. è difficile non vedere in Gal Godot davvero una donna di un certo livello. Miss Israele del 2004, gran sportiva e cintura nera di Karate e A soli vent’anni diventa istruttrice di combattimento presso le Forze di Difesa Israeliane e intanto fa la modella. Così per dire…
  5. Si dice ma qui potremmo chiudere baracca e burattini che Wonder Woman sia pure più potente di Superman infatti i bracciali non solo le offrono protezione ma anche proteggono i suoi avversari dei suoi terribili poteri. Senza di essi -si dice state manzi nun ve agitate sia praticamente inarrestabile.
  6. Oltre a essere un modello di emancipazione femminile, Wonder Woman è anche uno dei membri fondatori della Justice League anzi è l’unica donna fondatrice ed è insieme a Batman e Superman uno dei membri con maggior autorità.
  7. Wonder Woman ha avuto una tresca con Superman, si ma niente cornina a Lois Lane. Infatti è nella serie New 52 che i due super eroi consumano il loro ammmore peccato che quel Superman poi muore e sulla nostra terra resta un altro Superman fedele alle sue origini.
  8. Ci sono stati molti tentativi di creare dei filmas su Wonder Woman, la maggior parte di loro senza successo. Nel 1967, ci fu un episodio pilota TV fallito dal titolo: Chi ha paura di Diana Prince?, dove hanno cercato di scimmiottare la serie di Batman con la pancetta del sempre amichevole Adam West.. In questo pilot, Linda Harrison ha interpretato Wonder Woman, mentre il suo alter ego, Diana Prince, è stato interpretato da Ellie Wood Walker. Poi, è stato fatto un film per la TV con protagonista Cathy Lee Crosby nel 1974.
    Solo un anno più tardi, Diana sarebbe tornata al piccolo schermo interpretato da Lynda Carter per un nuovo show televisivo sulla ABC. È stato però cancellato dopo la sua prima stagione, ma la CBS ha resuscitato lo spettacolo e tenuto acceso per altri due anni.  Nel 2011, la NBC ha tentato di portare Wonder Woman in televisione con il proprio reboot. Adrianna Palicki, che ora interpreta Mockingbird in Agents of S.H.I.E.L.D. della Marvel, è stata lanciata come Wonder Woman, ma il progetto è stato annullato prima che il pilot prendesse vita.  Insomma non ha mai avuto tutto questo appeal al momento.
  9. Wonder Woman fu anche protagonista di alcuni momenti davvero scioccanti per gli appassionati del mondo dei fumetti infatti Durante il maxi-evento “Crisi Infinita”  “Countdown a Crisi Infinita – Il Progetto Omac“, Wonder Woman per liberare Superman dal controllo di Maxwell Lord, spezzò il collo a quest’ultimo in mondo visione, perdendo così la propria reputazione e gli amici di una vita. Non solo, per fermare Clark che la credeva Doomsday, Diana lanciò la sua tiara e gli recise la gola. Insomma, di tutto e di più. 542d289a812cb.jpg
  10. Chiudiamo la nostra webbettola con l’ultima curiosità di giornata con una che non ha nulla a che vedere con Wonder Woman ma con il suo creatore. Stando ad alcuni siti Web si racconta che  Marston abbia inventato un apparecchio di misurazione sistolica/pressione sanguigna, che alla fine ha portato alla invenzione della macchina della verità. Marston credeva ci fosse qualche connessione tra la pressione del sangue e le emozioni di una persona, e credeva che le donne avessero più probabilità di essere oneste. Ma volete mica dire che il lazzo della verità non è altro che un poligrafo? ta dan.

Oh ragassuoli, per oggi è tutto. Il film andremo a vederlo domani quindi il solito commento a sproposito uscirà nel weekend le prime recensioni sono piuttosto discordanti ma tanto lo sapete, Batman V Superman a te è piaciuto un casino tutti sono d’accordo nel dire che Wonder Woman è meglio di BVS quindi facile che ti piacerà.

Ci si becca!

Wonder Woman Rinascita

1494428857-picsay.jpg

Siamo giunti al quarto appuntamento dedicato alla nuova linea editoriale DC Comics, in italia grazie a Rw Lion, per sparlare, battendo tasti a caso sulla tastiera,  a sproposito della Rinascita della nostra Donna Meravigliosa: eccoci con in mano gli albi di Wonder Woman Rinascita.

Inizialmente eri un po’ scettico se iniziare o meno questa serie, analogamente a come eri scettico per lo suppaman ma, già che c’eri, hai pensato, vabbè iniziamo con i primi dodici e poi vediamo. Quando poi hai scoperto che Greg Rucka era l’autore che curava la testata, invece hai dichiarato -per partito preso- Wonder Woman lettura imprescindibile. Oh Rucka lo sapete è uno degli autori di fumetti amerrigani più apprezzati in questa webbettola, l’acquisto di conseguenza non poteva mancare e non avrebbe potuto essere altrimenti. Olè!

WW_Cv3_579257dce17051.11764357.jpgGli albi su Wonder Woman seguono anche un andamento un po’ particolare, negli albi pari la storia è ambientata al presente e Rucka racconta una nuova avventura della nostra Diana alla ricerca del suo passato intitolata le Bugie, mentre negli albi dispari l’autore ha deciso di raccontarci le origini di Wonder Woman cercando di mettere un po’ d’ordine tra le varie versioni della sua genesi che oggettivamente è un po’ frammentaria e non del tutto precisa. In pratica siamo di fronte al classico Year One.

Proprio per questo la seconda lettura che hai dato agli albi, prima di scrivere questa fregnaccia, hai preferito farla seguendo i due filoni uno alla volta senza passare da uno all’altro come imporrebbe la numerazione che così ti è garbato di più.

La cosa interessante dato che al momento è impossibile valutare le due storie, è che esse sono collegate dalla presenza di Steve Trevor, personaggio storico delle avventure della nostra eroina e da Cheetah l’ex archeologa Barbara Ann Minerva (Questa è la Cheetah post crisi) nemica della nostra amazzone. Restano da valutare gli eventuali collegamenti anche con le altre serie. In fondo si Diana è in crisi in cerca del suo passato di cui non ha memoria ed è convinta che qualcuno le abbia mentito, ma è anche il lutto per la scomparsa del suo amato Superman morto al termine di New52. Vedremo come Trevor andrà ad incastrarsi in tutto questo (la loro precedente storia d’amore nel nuovo corso come verrà gestita?) ma soprattutto quale sarà il ruolo di Wonder Woman in questa nuova Rinascita?

Da un punto di vista visivo gli albi non brillano certo per innovazione o per qualche soluzione interessante, le tavole di Liam Sharp prima e di Nicola Scott si limitano a essere funzionali alle storie senza particolari picchi con il lavoro di Sharp sulle opere al tempo presente comunque migliori delle seconde.

Non va neanche sottovalutato il fatto che quest’anno deve essere l’anno di Wonder Woman per via anche della pellicola in arrivo a giugno. Qui abbiamo parecchie aspettative che però al momento non sono ancora soddisfatte. Ma non c’è dubbio che bisogna avere un attimo di pazienza perché entrambe le run sono solo a metà strada sicuramente nel secondo commento a questa serie che scriverai a conclusione di queste storie magari avrai un’opinione più definita.

poison-ivy-cycle-of-life-and-death-2-dc-comics-ff9456017f2f265230528ac58cb18ef0A completare l’offerta dello spillato italico dedicato alla nostra amazzone, troviamo per questi primi sei numeri una mini storia dedicata a Poison Ivy intitolata Il Ciclo Della Vita e Della Morte.  Onestamente questa mini storia scritta da Amy Chu non è nulla di eccezionale, la salvi solo perché le linee femminili della roscia protagonista velenosa sono di un altro livello molto moltissmo muy bonita. Detto ciò resta una storia per te anonima che difficilmente avresti letto se non piazzata come in questo caso in un albo di più alto rilievo..

Purtroppo non ti ha lasciato nulla, ciò ovviamente non toglie che a qualcuno possa piacere, magari a chi apprezza molto il personaggio, (ad esempio ad un tuo amico è piaciuta) ma credi che sia ricaduta in troppi cliché mainstream di storie dello stesso genere e che si chiuda davvero troppo in fretta in modo davvero scontato senza mai regalare quello scossone, quel colpo di scena (è tutto troppo lineare) che ti fa apprezzare la trama.

Ciò che ti è piaciuto di meno è legato al fatto che la nostra Ivy ormai è più un antieroina che una semplice criminale e nonostante la litigata iniziale con Harley Queen che la rimprovera di essere cambiata un minimo di conflitto interiore in più l’avresti preferito, alla fine le presenze nelle Birds Of Prey e nelle Sirene Di Gotham sembra non averle lasciato nulla. Ivy quindi che ruolo ha in questa storia? Mah…

Sorry, di solito tendi a non bocciare mai nulla anche perché alla fine non hai nessun titolo per farlo ma se da una parte Wonder Woman è una lettura interessante, al momento, la seconda offerta tende e non essere all’altezza. Che fare quindi? Compriamo Wonder Woman?,  Beh fossi in voi aspetterei le edizioni cartonate e lascerei perdere lo spillato almeno per il momento.

Ed ora sotto con le Lanterne!