Archivi Blog

Top 5 2017. I migliori Film visti usciti nel 2017

1515493083-picsay

Bentrovati  ragassuoli, oggi per sollazzarci lo spirito e brindare alla salute di chi ci vuole male, spendiamo qualche istante della giornata a ciarlare in allegria a proposito di quelli che secondo te e Carlotta sono i migliori cinque film usciti in Italia.

Questa Top 5 è costruita con i films visti da entrambi quindi dato che Blade Runner, The Last Jedi e Justice League Carlotta non li ha visti sono stati esclusi dalla classifica. Magari di questi spendiamo due parole alla fine se avanza tempo.

Pronti Noi Zi Va

1514108772-picsay

Bright.

Ebbene si al quinto posto ci mettiamo un film su cui l’internet tutta (o quasi) non ha creduto ma che invece a voi è piaciuto. Bad Boys in Fantasy Style, Bright, diretto da David Ayer vi è sembrato migliore di Suicide Squad e di tante altre pellicole uscite nel corso dell’anno. Deriso e maltrattato, Bright secondo voi merita una possibilità qui c’è il commento del Cornerhouse. Se avete Netflix è un attimo.

1493193797-picsay

Guardiani Della Galassia Vol 2.

I Guardiani della Galassia sono sempre stati un prodotto Marvel che non ti ha mai detto un gran che. Invece questi due film vi sono davvero piaciuti. Il secondo in particolare uscito nel 2017, ha saputo migliorare tutto il buon che era già presente nel primo film. Insieme a Avengers (il primo, solo il primo) è, per  te e Carlotta, il miglior film del Marvel Cinematic Universe.

Se da un lato vi siete rotti di tutti i cinecomics Marvel da Civil War in poi, si Civil War ve sta sul pazzo, questa è l’unica serie che guardate sempre volentieri.  Qua se ne gradite c’è il commento di questa appassionata webbettola.

1496499285-picsay

Wonder Woman

Al terzo posto, sul gradino più basso del podio di questa frescaccia di classifica sconclusionata ci mettiamo Diana Prince e il primo film a lei dedicato. Wonder Woman è il perfetto compromesso tra la cupositudine di Batman V Superman e la freschezza dei prodotti Marvel. Wonder Woman è probabilmente il primo film del DC Extended Universe che ha quasi –si ho scritto quasi- messo d’accordo la critica, i blogger e il pubblico. Anche in questo caso abbiamo scritto una fregnaccia a riguardo.

1489400881-picsay

Logan.

Sul primo e sul secondo posto tu e carlotta avete discusso parecchio, in maniera civile non temete. Nessun insulto e nessun orso sono stati maltrattati state tranquilli. Logan è stato un gran film, proprio bello bello bello. Figoso in modo assurdo direbbe il buon Derek Zoolander. Logan è il congedo che ogni grande eroe meriterebbe per passare il testimone alle nuove generazioni. Il Canto del cigno di un personaggio che Hugh Jackman ha saputo portare con forza e capacità negli schermi dei vostri cinematografi preferiti negli ultimi vent’anni. Non nascondiamo una lacrimuccia sul finale mentre siamo ancora in piedi ad applaudire.

Chiaramente qui trovate l’opinione di questa webbettolaccia.

1500014642-picsay

The War Il Pianeta Delle Scimmie.

Già, proprio così al primo posto, il film che tra le novità del 2017 vi ha emozionato di più. Già i primi due capitoli delle serie vi avevano entusiasmato  e The War è, per voi, la giusta conclusione di una trilogia molto avvincente.  Perché è meglio di Logan? Perché semplicemente vi ha commesso di più. L’abramo Cesare che completa il suo compito salvando il suo popolo, “scimmie insieme forti” che si spegne solo quando il suo branco è al sicuro è ah… ma che lo dici a fare… ecco, “leggendario” direbbe Barney Stinson.

Aldilà dell’emotività The War è un film costruito bene, con personaggi credibili un villanzone interessante un comparto tecnico ottimamente realizzato. Forse nel contesto storico cinematograficamente parlando, non ha saputo conquistare la platea che secondo voi avrebbe meritato, però, si alla fine al più bel film uscito nell’anno appena concluso che avete visto.

Qui la relativa fregnaccia.

Due parole sugli esclusi? Beh dai se avete voglia proseguiamo ancora un po’. Justice League, Star Wars, Blade Runner 2049 e Thor Ragnarok li avresti messi in classifica se Carlotta li avesse visti? Eh non è facile dirlo. Se conosci bene i gusti di Carlotta nella Top 5 quasi certamente Bright rischierebbe la testa a favore di Last Jedi o di Thor dipende da come potrebbe prendere alcune cose.

Last Jedi ha il pregio di consacrare uno dei migliori villanzoni del cinema di intrattenimento moderno. Kylo Ren Rulez (come parlano i giovini d’oggi)  senza se e senza ma non sarà mai Darth Vader anche lui lo ha capito e va oltre. Noi si deve a malincuore fare lo stesso. Oh che dolor…

Justice League è un buon film, divertente, tutto quello che volete però boh, c’è stato di meglio.

Su Blade Runner penso che sareste d’accordo, bello, carino, ottima fotografia, ottimo audio ma 2049 ha la sfiga di portare il nome del tuo film preferito di sempre. La scena di Roy che va dal creatore, la metafora dell’uomo che implora Dio di avere più vita, ah stai applaudendo ancora da trent’anni a questa parte. Philip Dick è il tuo scrittore Sci-Fi preferito. Blade Runner non è un poliziesco è filosofia allo stato puro. Blade Runner risponde pessimisticamente alle domande che l’uomo si pone da quando ha inventato le religioni. “Dio ho paura della morte, non farmi morire”

Qui, in Blade Runner 2049 si parla di ricordi e ci si interroga sul significato dell’amore e se si può amare il proprio aifon. Si gioca anche con qualche Twist Plot in cui tu per primo sei cascato. Non si poteva fare di meglio, probabilmente. Ma sorry guys per te non basta. Nessuno si è sentito insultato come dopo The Force Awakens Ma niente almeno nella Top 5 no. Il 9 Febbraio uscirà il raggioblue del film quindi Carlotta lo vedrà e troveremo modo di riparlarne e nel frattempo potete trovare le fregnaccia dell’otto ottobre in cui si parla del film proprio qui.

Poi lo sapete perfettamente, nella webbettola dove c’è la famosissima Turbo Rubrica Del Cuore di HR Wells non puoi che non esserci pace e amore. Qualcuno pensa che The War si na’ cagata pazzesca, oh, ma ben venga. Ci sta tutto. Quindi non fatevi problemi anche a scriverlo se la pensate diversamente, davvero, finché c’è rispetto va sempre tutto bene!

Annunci

Er Mejo Der Nostro Meno Peggio 2017 Edition

1514718828-picsay

Ragassuoli e anche quest’anno è finito! Per te il 2017 è stato un’anno duro ma emozionante che ha saputo regalarti momenti incredibili. Il Cornerhouse incredibilmente è cresciuto raggiungendo finalmente la sua completa immaturità! Olè!

Tanti, tantissimi post sono andati alla grande compresi quelli scritti negli anni precedenti, nonostante -evviva- la tua famossissima ortografia in liberté. c’è da ammettere che rispetto al passato, credi, speri, aiuto, di prestare un po’ più attenzione a come le tue dita tozze a salsiccia, solcano i tasti delle tastiere che giornalmente utilizzi per scrivere tutte ‘ste fregnacce. Portate pazienza un giorno non lontano gli strafalcioni spariranno come i jedi.

L’internet è un bel posto specialmente quando la gente che lo frequenta è come quella che spesso passa di qua. Grazie di cuore a tutti.

Non vuoi far perdere troppo tempo a nessuno, che lo sai, son tutti qua per il grande gruppo musicale che Lego Darth Vader ha ingaggiato per l’ultimo dell’anno quindi godetevi la classifica der mejo der nostro meno peggio 2017 edition!

Al decimo posto c’è subito un parimerito tra la recensione del cartone animato Netflix di Castlevania e la recensione del film di Lego Batman.

Al nono posto troviamo il primo di una serie di post che ha quasi monopolizzato la classifica generale, segno che evidentemente questi articoli ti riescono particolarmente bene o che in generale piacciono. Questa posizione è occupata da 10 Curiosità su I Guardiani Della Galassia. Subito a seguire all’ottavo posto vi cuccate 10 Curiosità su Wonder Woman, post dedicato più alla Diana Prince fumettosa che alla versione cinematografia per la quale basterebbe mettere una bella foto di Gal Gadot per chiudere baracca e burattini.

Al settimo posto, una fregnaccia molto controversa. Il post molto ispirato dalla pagina facebook di Rrobbe (Roberto Recchioni) a proposito di Alien Covenant. Pessimo film ma che evidentemente ha generato molto, moltissimo traffico.

Saliamo ancora di un gradino per trovare 10 Curiosità su Il Pianeta Delle Scimmie.

Apriamo la Top five con il primo Post dedicato ai giochi da tavolo. La recensione di Ticket To Ride Germania. A quanto pare, i giocatori da tavolo sono venuti su questa webbettolaccia e l’hanno schifata e… beh, l’hanno schifata in tanti a giudicare dai numeri.

Al quarto posto ancora un articolo di curiosità questa volta dedicato ai Pirati Dei Caraibi.

Ed eccoci ai primi tre, tre post di cui per due vai molto fiero perché sono stati scritti a proposito di temi che ti stanno particolarmente a cuore.

Al terzo posto, il mejo post dedicato ai giochi da tavolo: ‘na fregnaccia dedicata all’analisi degli scenari de Le Case Della Follia 2Edizione. Uno dei più belli tra i giochi da tavolo collaborativi e ispirati alla narrativa di Lovecraft. Vale lo stesso discorso di prima, ai Boardgames stai sul pazzo però di qua passano. Vomitano e poi tornano!

Primo tra i perdenti la recensione de The War. Il pianeta delle scimmie. Sicuramente uno dei film più belli che ai visto quest’anno. Un capolavoro! Si lo hai detto! Beccatevelo!

Rullo di tamburi, scoreggie tonanti e urla di terrore il post più letto del 2017 è 10 Curiosità su Prometheus. Ta Dan! Due post sulla serie di Alien, complice anche il fatto che è stato trasmesso da poco tutto il ciclo di film in tivi e nessuno su Star Wars o sul pischello della velocità in classifica. Oh che peccato.

Ebbene ragassuoli, buona fine e buon inizio. Per deludere i propositi del 2018 c’è tempo quindi ne parliamo tra qualche giorno ora gozzovigliate, festeggiate, beveteve tutto quel che ve pare e fate attenzione co i botti!

Siori e siore ecco a voi i grandi: Johnny and the Imperial Singers!

IMG_20150723_000942-picsay

In esclusiva per voi!

The War. Il Pianeta Delle Scimmie. Spoiler Free

1500014642-picsay.jpg

Bentrovati ragassuoli, come anticipato dal post di ieri 10 Curiosità Su Il Pianeta Delle Scimmie 10 Curiosità Su Il Pianeta Delle Scimmie, oggi, in questa pessima webbettola piena di fregnacce e dabbenaggini, parliamo del terzo e conclusivo film della trilogia di Cesare e delle sue scimmie: The War. Il Pianeta Delle Scimmie.

Pronti Noi Zi Va

La saga scimmiesca ha avuto un cambio di regista in corso passando a partire dal secondo film a  Matt Reeves che gli ha dato un cambio di tono molto più cupo e duro. Anche il protagonista James Franco ha lasciato il suo personaggio perché la storia da raccontare era un’altra: Tutto gira in torno a Cesare, ai suoi fantasmi e ai suoi conflitti interiori. In questo film non c’è guerra, o meglio, non è la guerra che vi potreste aspettare. La guerra è tutta dentro Cesare, la sua lotta tra l’istinto, l’odio, la vendetta e la pietà.

The War (Vabbè usiamo il titolo di quei mattacchioni che si sono occupati della traduzione) è un western dai toni intimi, decadenti e oscuri che racconta di personaggi stanchi al limite delle loro forze. L’ape-calypse c’è già stato. Siamo dunque davvero alla fine di tutto. In alcuni istanti hai quasi avuto l’impressione che gli umani non sapessero più davvero perché stessero combattendo. Smarriti, ecco l’aggettivo giusto. Uomini smarriti, persi aggrappati a leader fanatici che lottano solo perché fa parte della Routine.

Il film dura tanto quasi centoquaranta minuti quasi a voler (fortunatamente) condensare due film in uno. l’interruzione tra il primo e il secondo tempo è stata fondamentale per una cariatide come te ma è stata anche importante per renderti conto che per una volta il cinema non era pieno di pischelli che puzzavano di ormone in calore e brufoli, il che racconta anche un po’ come il film è stata accolto dai principali amanti della serializzazione cinematografica. A vedere Assassin’s Creed c’era più gente, così per dire.

The War abbraccia tematiche già note nella pellicola precedente come l’ambientalismo, lo spettro del genocidio e l’illusione del uomo di poter dominare la terra. La differenza sostanziale è che diventano un macigno emotivo che fa riflettere per tutto il film. Il punto forte che hai trovato è che i personaggi importanti nella storia hanno tutti un senso, uno scopo. Hanno una caratterizzazione significativa e una loro coerenza. Il personaggio del colonnello (Woody Harrelson) è tra i villanzoni che hai apprezzato di più in questo ultimo periodo. Un personaggio con una sua morale (seppur discutibile) la sua lucida follia intriso di un cinismo massacrante, che agisce sempre secondo il suo codice senza mai risultare caricaturale anche nella sua inevitabile fine.

La prova di Andy Serkis è davvero impressionante, il suo personaggio, Cesare, è davvero interpretato con grande talento. Nel suo sguardo, nelle sue espressioni e nei suoi movimenti è percepibile tutto il fardello che si porta dietro. Non ti stupirebbe davvero se arrivasse almeno la candidatura per l’oscar. Definire il suo lavoro “non recitare” sarebbe davvero poco rispettoso del risultato finale.

A spezzare i toni duri del film, ci sono delle brevi e piccole gag un po’ buffe e un po’ simpatiche che in ogni caso non sono mai eccessive anzi, sei uscito dal cinema, nonostante il peso del film, con la voglia di ricordare e ripetere quei momenti. Era certamente necessari perché e daje su è solo un film.

In conclusione, nonostante il prevedibile finale, il film è un filmone. Sia a tua moglie che a te è piaciuto parecchio. Resta un po’ la malinconia come per Logan perché a modo suo The War è davvero toccate ed è anche il motivo per cui questo post è un pelucchio più serio e hai inserito solo alcuni degli slag tipici di questo postaccio. In ogni ricordate sempre anche i migliori cecchini in questo film al fine diventano scarsi come i soldati imperiali!

Sulla scena finale sarebbe bastato alzare la telecamera pochi secondi prima per rendere il finale più dolce e lasciare che il sottinteso, seppur necessario, rimanesse tale. Infondo la speranza, la nuova speranza c’era già.

Lunga vita a Maurice!