Archivi Blog

Star Wars Il Risveglio Della Forza. Il Foto Unboxing del Beginner Game del Gioco di Ruolo.

Bentrovati ragassuoli, in questo secondo appuntamento settimanale il Cornerhouse, la vostra appassionata webbettola de Borgata, vi sollazza lo spirito tutto per pochi minuti, mostrandovi il foto unboxing della scatola del Beginner Game del gioco di ruolo di Star Wars.

Stando alle indicazioni, questa versione dovrebbe essere un buon entry level per introdurre al gioco di ruolo un bel numero di niubbi, quindi hai pensato di acquistarla che, ovviamente, non si sa mai.

Anzi, se tra alcuni di voi risiede la voglia di provare un Gioco di Ruolo o più in generale ha voglia, sentiamoci che potremmo organizzare delle sessioni online tramite Skype e/o simili.

Pronti Noi Zi Va

1516792879-picsay.jpg

Star Wars il gioco di ruolo è sviluppato dalla Fantasy Flight Games e edito in italia grazie ad Asmodee Italia. Questo set è uscito da poco infatti è arrivato nel nostro italico idioma poco prima di natale.

Tenete ben presente che aldilà della posizione temporale di questo set, il sistema di regole che imparerete è perfettamente compatibile con i sistemi di gioco già realizzati su Star Wars sempre da parte di Fantasy Flight. Questi regolamenti sono stati annunciati anche per il mercato italiano quindi non è improbabile che nel 2018 arrivino le pubblicazioni nella lingua di Dante.

La confezione è rettangolare con dimensioni simili a quella di Sherlock Holmes Consulente investigativo

1516792981-picsay.jpg

Il primo fascicolo è dedicato ai giocatori in cui vengono introdotti i concetti base su che cos’è un gioco di ruolo e le prime regole per iniziare a giocare.

dav

Il secondo manuale è il cuore di questa scatola, ossia il Libro Dell’Avventura. La lettura è consigliata soltanto al giocatore che si diletterà come Game Master in modo che nessun giocatore si rovini la sorpresa di conoscere i dettagli della storia che dovrà affrontare.

dav

A corredo del Libro Dell’Avventura c’è un foglio piegato in 4 stampato su entrambi i lati che mostra tre mappe. In ogni gioco di ruolo come in ogni libro d’avventura è essenziale una mappa. Dite quello che volete ma senza un minimo di geografia secondo te non si va da nessuna parte.

Il fatto che quest’edizione ne sia provvista è sicuramente un aspetto per te muy gradito.

Le tre mappe che troverete rappresentano la porzione di galassia dove è ambientata la storia. La prima da una visione astronomica di insieme.

dav

La seconda rappresenta una parte del deserto di Jakku dove sono stati ritrovati dei resti di un’astronave imperiale.

dav

La terza è ultima mappa rappresenta l’Hangar di una nave del Primo Ordine.

dav

Il gioco è affrontabile da 2 a 4 avventurieri più il game master. Per l’occasione sono stati già creati quattro personaggi pronti all’uso. Ovviamente tra i quattro non compare direttamente un personaggio sensibile alla forza. Ci sta, l’ambientazione lo prevede.

dav

Ogni fascicolo contiene numerose informazioni sul personaggio e sulle abilità che può guadagnare nel corso delle partite.

dav

Nella quarta copertina è invece riportata la storia di ciascun personaggio. Quel sano background che non guasta mai.

dav

Sono presenti tutta una serie di segnalini su cui devi indagarne lo scopo. Probabilmente servono per indicare le posizioni sulla mappa. Non avendo a disposizione miniature è un’ottima cosa.

dav

L’ultimo fascicolo è il manuale più completo. L’obiettivo di questo set base è di insegnare a giocare di ruolo, quindi volutamente alcune regole sono state omesse per permettere una introduzione graduale in questo mondo.  Poi per chi volesse continuare l’esperienza almeno ci sono delle regole più precise per sviluppare le proprie storie.

dav

Infine come in tanti giochi di ruolo ci sono i dati qui son tutti personalizzati per l’occasione.

Quando proverai tutta questa popo di robba? Boh ancora non lo sai. Speri presto. Come hai già scritto Carlotta è in fase “Proviamo Proviamo Proviamo” infatti non per Star Wars per altro di stai pian piano organizzando.

Il 2018 potrebbe essere un anno dal punto di vista ludico decisamente interessante. Vediamo cosa succederà.

Annunci

Star Wars Legion. La vera battaglia è il commercio!

1503157188-picsay

In questi giorni (per chi non lo sapesse) si sta tenendo sul suolo amerriggano la GenCon ossia la più importante fiera di giochi da tavolo al mondo (o poco ci manca) diciamo che è tra le due più importanti al mondo e si gioca il primo posto con la fiera di Essen. Meglio Così?

Per questa ragione tutti i blogger seri, i siti web dedicati e questa povera webbettola poco considerata dai giocatori troppo snob, sono alla ricerca compulsiva di niuss, immagini esclusive e qualsiasi cosa pur di essere i primi e guadagnare due click in più. Prima si è spammato a testa bassa con Dragonholt, poi con i tuffi carpiati con Fallout poi con Civilization e ancora più istericamente con la quarta edizione di Twlight Imperium. é stato stupendo vedere come all’annuncio delle due riedizioni di questi due ultmi giochi citati sono apparsi sul mercatino le edizioni attuali in vendita anche a prezzi imbarazzanti. Ma la gente pensa che sono tutti stupidi? Vabbè sorvoliamo che è meglio… che al Cornerhouse i mercatini dell’usato con prezzi quasi pari al nuovo non si son mai capiti.

L’ultima sparata” made in Fantasy Flight Games è Star Wars Legion O-t-t-a-v-o gioco uscito in questi ultimi anni dedicato alla galassia lontanta lontana. Fico no? Beh per noi giocatori direi proprio di si. Anche perchè Legion conterrà una bella secchiata di plastica che andrà a comporre una bella serie di miniature tra cui l’ennesimo Darty e l’ennesimo Luchino pronti a guidare degli eserciti per conquistare ancora una volta la galassia.

Per la niuss ufficiale fatevi un giro sul sito FFG così vi leggete la notizia paro paro a come l’hai letta tu.

swl01_photo_introshot1.jpg

La vera questione però è un’altra, che però oggettivamente, può non interessare a tutti perchè è di natura commerciale e politica, quindi se non vi interessano le manovre di business delle aziende del settore dell’intrattenimento ludico, beh ciao ci si legge presto, anzi prestissimo… per tutti gli altri per di qua. Facciamo strada.

Dopo il divorzo con tra FFG e Games Workshop (la mamma di Warhammer) sembra che la statunitesse FFG si sia lanciata con il coltello tra i denti in una guerra all’ultimo sangue con la casa inglese. Prima Runewars a candidarsi come nuovo warhammer fantasy battle” ora questo Star Wars Legion a tentare di insinuarsi tra i fan dei tabletop futuristici tentando di rubare la scena a Warhammer 40K. Da parte sua la GW sembra non sia rimasta con le mani in mano buttandosi lei stessa nella creazione o ripublicazione di quelli che un tempo venivano chiamati specialist games nel 2016 sono tornati Warhammer Quest e BloodBowl quest’anno dovrebbero arrivare Necromunda e Talisman (No davvero facciamo la guerra con Talisman?).

Da questo punto di vista la FFG sta vincendo a mani basse d’altronde questa società americana può contare su eccellenti game designer e una vagonata di tester (non va certamente sottovalutato il lavoro di bilanciamento dei giochi). Runewars infatti ha davvero un sistema di gioco gagliardo mentre Warhammer Quest e BloodBowl hanno campato grazie al fattore nostalgia ma sono passati un po’ così tra diffidenza e eccessive” critiche verso i loro regolamenti non troppo aggiornati con le nuove mode. La GW ha sempre avuto questo difetto: pessimo se non assente playtesting dei proprio giochi, situazione che ha portato più volte a momenti davvero imbarazzanti a causa di sbilanciamenti davvero pesanti.

Dove però la Games Workshop è ancora troppo forte è sul fronte del modellismo. Dai non c’è nulla da dire, le loro miniature sono da sempre IL livello di riferimento per tutti mentre la FFG per quanto ci stia provando è ancora lontana parecchio da quel livello. La plastica di Runewars è ancora troppo morbida e le sculture sono solo discrete.

Rimanendo in tema modellismo” l’utenza GW è abituata a montare e modificare miniature, i giocatori da tavolo no. Sul forum della tana dei goblins hai letto davvero le domande più disparate e ci sta perché se uno è niubbo è giusto che chieda prima di fare qualche cazzata ma è evidente come il pubblico medio vuole una situazione alla Descent. Tutto deve essere già bello che pronto.

In questa guerra millionaria si è poi infilata anche la CoolMiniOrNot con il gioco di battaglie del trono di spade di cui abbiamo parlato proprio pochi giorni fa. La CMON sta applicando anche lei la sua particolare politica a suon di millioni con i suoi Kickstarter della madonnina, miniature pre assemblate ma di una qualità davvero eccezionale. I loro giochi poi puntano sempre verso un utenza molto eterogena grazie alla creazione di regolamenti molto semplici e dalla forte spinta action.

L’impressione è che il gioco di miniature stia tornando di moda e tutte le società di produzione dei giochi ci si stiano buttando dentro. Chi la spunterà?

A Corollario di questo fiume di parole ti resta ancora una domanda a cui per ora non c’è risposta. Ma in tutto questo Assalto Imperiale che fine farà? Il motivo per cui il titolo è andato alla grande è stata proprio la sua componente Skirmish, Legion proporrà battaglie sia campali che piccole schermaglie. Ci staremo mica dando la zappa sui piedi pur di giocare aggressivi contro i nostri avversari?

E intanto sul fronte APP per giocare Assalto Imperiale Full Coop tutto tace. Accidenti, perdincibacco, urca urca tirulero oggi splende il sol!