Archivi Blog

Double Duck Volume 2. Disney Definitive Collection

1519041958-picsay

Buon inizio settimana ragassuoli, dopo una breve digressione artistica (sappiate che non sarà l’ultima) oggi torniamo a fare quello che voi fanciulli vi aspettate giornalmente, ossia scrive le solite fregnacce a caso a proposito di una delle tante varie ed eventuali nerdità con cui ti relazioni ogni giorno.

Come il titolo sicuramente vi suggerisce oggi battiamo le grassocce dita a salsiccia a casaccio sulla tastiera cercando di commentare alla come viene viene il secondo volume della Definitive Collection di Double Duck.

Qualche tempo avevamo già parlato del primo volume che se vi sollazza lo spirito tutto potete gustarvelo esattamente qui e come avete letto ne eri rimasto fortemente complito. Quindi con grande entusiasmo e slancio ottimistico ti sei buttato nella lettura del secondo volume, come è andata? scopriamolo immediately!

Pronti Noi Zi Va.

Ehm, lo sapete che non è facile scrivere qualcosa che abbia senso su questo albo? Andiamo con ordine. Il primo volume ha rappresentato la novità, il trovarsi davanti ad un fumetto per pupini ma che ha saputo inserire tutti quei cliché, quei rovesciamenti di fronte e colpi di scena, che hanno reso così divertenti i vari Mission Impossibile con Tommasino Crociera o i Giacomino Bond con Daniel Craig. Quindi tac, amore a prima vista.

Il secondo volume per certi versi, un po’ ti ha deluso, wait non accanitevi, probabilmente solo perché non ha saputo stupirti come il primo. Non c’è niente di male o no? Cercando di infilarci una analisi lontanamente seriosa in realtà DD 2 non è stato da meno in quanto tutti quegli elementi di cui abbiamo parlato sopra alla fine erano tutti presenti.

Non credi neanche fosse l’obiettivo degli autori andare “oltre” rispetto a quanto già si era visto nelle prime storie. Fortuna che in questo tipo di letteratura non c’è la ricerca dello stupore a prescindere o del morto di giornata.

L’agente doppia d, ha viaggiato in europa e in egitto attraverso (solo) tre storie e ha avuto a che fare con molti personaggi ricorrenti già presenti nelle avventure precedenti. Doppi tripli colpi di scena hanno portato paperino ad affrontare a modo suo dei grandi intrighi e seppur in modo blando, la trama orizzontale che collega l’intera vicenda è andata avanti e da parte tua è già iniziato il totoscommesse per capire chi possa essere il capo dell’agenzia o qual’è il vero ruolo di Kay K?

Certo, è difficile immaginare che Paperino sia agente segreto e il grande Paperink nel medesimo universo ed è comprensibile che non a tutti possa andar bene. Ci sta, ci sta. Insomma il tempo libero per la sua tanto amata amaca dove mai lo troverà?

I disegni sopratttutto nella seconda e nella terza storia sono davvero di buon livello e molto dinamici. Per quello che eri abituato tu da piccolino con i tuoi topolino trovarti a leggere storie così curate anche graficamente è davvero un wow accipicchia! Però c’è da dire che questa considerazione vale pe il momento per tutti gli albi della definitive collection. Certo qualcosa più o qualcosa bene però oh ci semo capiti.

Per questi motivi, tutto sommato nonostante il mancato stupore, possiamo dire che Double Duck Volume 2 è un discreto prodotto che divertirà i più piccoli con i suoi intrecci gagliardi e carichi  di colpi di scena.

Per gli adulti anagrafici ma pischelli inside quindi un po’ più esigenti, diciamo che avrebbero potuto fare molto di peggio e quindi ci sta bene così e continueremo a portare avanti la collezione di questi albi.

 

Annunci

Giusto Una scappata in fumetteria. Febbraio 2018

dav

Bentrovati ragassuoli, oggi è il giorno che tanto stavate aspettando. L’appuntamento mensile più amato da grandi e piccini, più desiderato di Sasha Grey ovvero il momento il cui quel pirla di Johnny racconta come anche questo mese a sprecato soldi comprando fumetti.

Benvenuto scappamento di febbraio! Olè!

Da questa volta in poi questo tipo di post sarà più schematica perché, soprattutto per te, è un buon sistema per capire quando hai comprato cosa, che non ci crederete ma quando ti domandi “da dove è uscito questo fumetto” questi post sono sempre la risposta all’arcano.

Pronti noi zi va!

DC Comics.

Il mondo DC dopo essere stato esplorato ha finalmente trovato la sua quadra. Tre sono le testate che segui e che seguirai. Sorry per tutto il resto ma va bene così perché in fondo non senti la mancanza di quello che non stai più comprando.

Sono quindi arrivati in libreria:

  • Flash (26)
  • Lanterna Verde (23,24,25)
  • Batman (26)

Disney/Panini

Prosegue il tuo accumulo di Storie di Paperinik stai cominciando a valutare l’idea di smettere ma per ora non danno troppo fastidio quindi si prosegue.
Inoltre è uscito a gennaio il secondo numero di Double Duck per la Disney Definitive Collection la collana che ti sta danno un sacco di soddisfazioni. Non vedi l’ora di leggere l’albo.

  • Paperink (14)
  • Double Duck 2 (Disney Definitive Collection)

Panini 9L

Dopo esserti letteralmente innamorato dalla storia della guardia dei topi non hai saputo resistere e hai dovuto prendere il seguito Inverno 1159.  Un passo alla volta sicuramente comprerai l’intero ciclo di storie.

  • La Guardia Dei Topi Inverno 1159

Editoriale Cosmo

Finalmente ricomparsi in fumetteria hai trovato questa storia che cercavi da un sacco di tempo. Avete presente il videogioco Cadilac & Dinosaurs, un vecchio action picchiaduro a scorrimento, ecco questo è il fumetto da cui ci si è ispirato. Il fumetto di Mark Shulz è sicuramente una delle saga più interessanti e originali tra i fumetti d’avventura degli anni 80.
La cosmo ha stampato questi due volumetti in formato bonellide ma con il doppio delle pagine in cui sono stati aggiunti parecchi contenuti speciali. Ecco, come andrebbe presentato un fumetto.

  • Xenozoic 1
  • Xenozoic 2

Senza andare troppo fuori tema, ti sei anche comprato un libro a tema Star Wars, eh ti serviva una coccola. Si tratta del secondo volume della serie Aftermath che racconta cosa è successo nella galassia lontana lontana dopo Il Ritorno Dello Jedi. Devi ancora iniziare a leggerlo. Speri di farlo presto.

Wishlist.

Nella tua wishlist come potete immaginare c’è una catasta di roba davvero imbarazzante e di ogni genere. Diciamo che se dobbiamo fare una Top 3 di quello che appena puoi ti comprerai potresti indicare: Il Porto Proibito, La Fine Della Ragione (si vuoi leggere ‘sto benedetto fumetto di Recchioni)  e infine vorresti prendere il volume della Giunti dedicato a Dragon Lords uno dei fantasy Disney.

Ed adesso come sempre la parola passa a voi? Cosa state leggendo ultimamente? Parliamone nei commenti!

Giusto una scappata in fumetteria. Gli acquisti di dicembre 2017.

1512318080-picsay.jpg

Buona domenica ragassuoli, ecco il primo post di dicembre che arriva trullo trullo quacchio quacchio a allietarvi la domenica sera prima di ricominciare una delle ultime settimane lavorative dell’anno. Per fortuna ti hanno approvato le ferie e quindi inizi a vedere la luce sotto al tunnel e soprattutto questo è il mese di Episodio VIII di cui tra l’altro non abbiamo ancora mai parlato su questa appassionata webbettola e non lo faremo sino all’uscita del film. Quindi Shhhhhh…

Primo sabato del mese, prima gita in fumetteria del mese. Il piatto come vedete non è troppo ricco ma qualcosa di interessante c’è.

Tra tutti spicca il cofanetto di Paperinik che alla cifra di 20 crediti imperiali vi consegna tra le mani i numeri 1 e 2 di Paperink le origini che da soli valgono 16 crediti quindi, insomma, per due spicci vi portate a casa il cofanetto. Tenetelo a mente per voi o per qualche regalo, secondo te può essere una buona idea.

In questo weekend è stato anche organizzato il Panini Free Comics Day e hai preso i due albi gratise della Disney tra i quali ti ha molto incuriosito Donald Quest. Potrebbe essere una pheeegata pazzesca o una colossale fregnaccia, non lo sai, ma lo leggerai volentieri. Peccato che la serie uscirà prima su Topolino e chissà quanto la vedrai stampata in un formato alternativo tipo Definitive Collections. Forse giusto in tempo affinchè la tua scimmia se ne dimentichi.

L’ultimo triste punto prima di chiudere questo post è legato allo “Spilla Pack 1” della DC Comics, ovvero come la Rw Lion prende per il culo i lettori italici della DC. No, dici davvero, stiamo parlando del pezzo di storia che si ricollega all’albo “Rinascita” e che finalmente inizia a mettere in chiaro il collegamento con i Watchmen e la casa editrice italiana si limita a vendere insieme ad un prezzo “scontato” (ma vaaafanchiurlo) i due numeri regolari di Batman e Flash. Ridicoli.

E vabbè. Ad ogni modo questa potrebbe non essere l’unica incursione in fumetteria per questo mese. Vuoi non andare a fare gli auguri a baldi giovani che ogni mese ti mettono da parte i fumetti? Vuoi che non ci scappi qualche autoregalo di Natale? Giusto?

E voi ragassuoli cosa state leggendo ultimamente? Al solito, visto che siamo il mejo gruppo dell’internet scrivetelo nei commenti e perché no, se siete a conoscenza di qualche potenziale edizione carina per fare qualche regalo di Natale, scrivetelo che magari può tornare utile un po’ a tutti!

Cià!

 

Giusto una scappata in fumetteria. Gli acquisti di novembre 2017.

dav

Missione compiuta. Ce l’hai fatta! Daje Johnny. Sei finalmente riuscito a contenere significativamente le spese in fumetteria senza (troppi) eccessivi rimpianti. Con somma gioia di Carlotta e probabilmente altrettanto poca gioia della tua fumetteria di fiducia che ha visto uno dei loro clienti più spendaccioni chiudere pian piano il portafoglio, la quota mensile dell’abbonamento fumettaro è finalmente scesa ad una cifra ragionevole, sufficiente per evitare il divorzio. Oh l’arte del compromesso è fondamentale, Cristiano porta pazienza!

Ma non solo, esiste infatti anche la concreta possibilità che la quota fissa mensile scenda ancora grazie al fatto che le Mini Serie (che ora puoi leggere) dedicate a Nathan Never e Martin Mystere sono giunte a conclusione.

Allo stesso modo, quando ti sarai messo in pari con Paperinik (ammesso che continui a comprarlo) anche quella sarà una spesa decisamente più abbordabile e dovresti farcela per la spesa di gennaio.

Sei soddisfatto perché ora puoi dedicarti anche ad altre letture (tempo permettendo chiaramente, che come sapete in questo momento non al massimo della disponibilità) come stai già facendo con il filone Disney che tutto sommato ti sta sollazzando, o puoi recuperare albi da qualche mese avevi tolto dall’abbonamento. Qualcuno sta parlando di Wonder Woman? Rucka perdonaci per averti abbandonato.

Dai Superman, per ora, tu sei salvo!

Nel bancone delle proposte free hai trovato l’albo gratuito di Second Sight una nuova testata Saldapress. La leggerai a breve e poi sicuramente ne parliamo qui su questa Webbettola, magari già in settimana.

Non stai a chiedervi cosa avete comprato questo mese in fumetteria o cosa state leggendo.I più fortunati tra di voi si saranno venduti reni e altri inutili organi in quel di Lucca, quindi dato che è il momento di concentrarsi sul backlog delle letture, vi prego non invogliate questo povero lettore spendaccione a comprare tante di quelle figherrime cose che avete letto anche voi! Ma ovviamente siete liberi di dirlo, anzi dovete! Non date retta a questo povero Johnny neanche lui ci crede davvero a quello che vi dice!

Una piccola nota in chiusura: Certo che a rileggere questo post prima di pubblicarlo sembra proprio un post di un povero ciccino affetto da shopping compulsivo. Davvero oh! Eh, ognuno ha i suoi vizi! Ve Vojo bene ma che ve devo dì?

Salve mi chiamo Johnny, compro cose su Amazon e nei negozi come se non ci fosse un domani. Ho un problema, ma so che seduti vicino a me tanti mi possono capire!

Stiamoci vicino!

Paperink 1 (Appgrade 52)

1509024699-picsay

Bentrovati ragassuoli, nonostante il poco tempo a disposizione, la vostra appassionata webbettola di fiducia cerca sempre di sollazzarvi lo spirito e l’animo con le sue futili fregnacce. Beh, diciamo che almeno ci proviamo a giorni alterni visto che ultimamente con il lavoro e la Mini Cornerhouse… uh, davvero, che sonno!

Eccoti in pausa pranzo a mangiare di corsa per metterti svelto svelto sul tuo tablet a pigiare il touchscreen per cercare di buttare giù un pensiero per voi amanti del Pop e delle cose belle mentre tu purtroppo,eh si,  rosiki duro perché non hai ancora comprato Super Mario Odyssey. Ebbene niente deiuan!

Detto ciò, oggi passiamo dall’underground delle Tartarughe Ninja di cui abbiamo parlato mercoledì, ai fumetti Disney Super eroistici con Paperinik con il commento al primo numero della sua serie mensile Panini Comics da edicola.

Hai iniziato a prendere questo albo perché ti andava di ficcare un po’ il naso nelle storie del Personaggio di Paperinik (occhio non è PK), sei partito dal numero uno complice l’ennesima (becera) strategia commerciale dell’editore italiano che ormai per tirare nuova gente a bordo da i numeri ogni volta che può. iuppiiiii

In realtà quello che hai tra le mani è il numero 52 della serie APPGRADE una raccolta di storie più o meno vecchie con protagonista il nostro papero mascherato pubblicate su qualsiasi testata Disney a cui viene aggiunta, di grazia, una storia inedita.

1509055523-picsay.jpg

Tutto sommato per un “nuovo” lettore, l’operazione nostalgia o raccolta antologica, chiamatela come ve piace de più, può anche funzionare. Per un appassionato, dubiti fortemente che possa essere di qualche interesse leggere una storia nuova per ben 3,50 crediti imperiale anche perché tu da lettore “alle prime armi” anzi dai, chiamiamoti pure Niubbo, hai apprezzato più alcune storie vecchie che quelle inedite (ora che scrivi hai letto anche l’inedita del numero 2) anche se a livello di tavole i lavori più recenti hanno decisamente una marcia in più e grazie al ciuffo direte voi!

Da un punto di vista tennico non riesci a capire se c’è un qualche filo logico per la scelta delle storie, ti sembra in realtà una soluzione ad minchiam per gestire un certo numero di pagine, che oh va bene, basta saperlo e ci si gode la varietà di situazioni che l’albo offre così come viene.

Infatti in questo numero 1 di Paperink passiamo dai viaggi nello spazio a quelli nel tempo. Sconfiggeremo la banda bassotti o il terribile Spectrus ma ancora una volta, la storia che più ti ha conquistato e quella dove con la sua eterna semplicità e magia il mondo Disney riesce a insegnare qualcosa restando intrattenimento per tutti. C’è una storia che si intitola Paperinik e la minaccia cuginiforme che è davvero un gioiellino. Paperino e quindi Paperinik devono ospitare a casa loro per qualche giorno Paperoga il cugino del nostro caro papero. Potete solo immaginare i pasticci che il papero imbranato riuscirà a combinare. Il finale però è davvero da applausi.

1509055453-picsay.jpg

L’albo in se, ha un costo più che accettabile: Circa duecento pagine con formato e spessore simile a Topolino ma ancora una volta ti secca l’assenza di un pur minimo editoriale. Due righe sul perché la numerazione è ripartita o su qualsiasi cosa un accidenti di redattore avesse avuto voglia di scrivere, è chiedere molto? Panini Comics, che urca urca è tra i primi editori in Italia, un minimo di sforzo dovrebbe pur farlo.

Alla luce di tutto questo non sei completamente soddisfatto del tuo acquisto, ma non credi neanche che la serie avrà una lunga breve nel tuo abbonamento a meno che nei numeri successivi (in fumetteria dovresti avere nella tua casella fino al numero sei) non ti convinca presto del contrario. In ogni caso la serie Definitive Collection ti ha decisamente appagato di più.

Ah se da pischello avessi comprato la serie di PK… accidenti!