Archivi Blog

The Flash 3×22 Le barry bruschette

picsay-1483530022

Bentrovati ragassuoli questa settimana partiamo belli arzilli arzilli con il nostro amatissimo chiacchericcio a proposito del nostro turbo pischello della velocità finalmente pronto ad affrontare il suo doppio, la sua versione villanzona, il Barry Sfregiato a.k.a Savitar.

Sono circa dodici puntate che gli sceneggiatori allungano il brodo che spesso ci siamo dovuti sorbire brodini da ospedale, ammori alla sbrutiful e dichiarazioni alla membro di segugio ah Malfoy Malfoy Malfoy ma per fortuna ci siamo arrivati: Flash salverà la sua amata? Coronerà il suo idilio puccioso? No ma davvero vi aspettate un lieto fine dopo tutto quello che avete visto?

Pronti noi zi va.

Ma è chiaro che Iris nun se sarva! Ma come avrebbe potuto essere diversamente?, Barry in tutta la stagione non ha fatto altro che combinare una stronzata dietro l’altra, in fondo Flashpoint lo ha creato lui, tutto ‘sto casino è conseguenza dei suoi capricetti gne gne, di che stiamo a parla’! Su su.

Il problema più grosso è che mentre guardavi la puntata uno stormo di bruschette alla barry ti è piombata in casa e si è lanciata a tuffo carpiato con avvitamento a destra prima dentro gli occhi di Carlotta poi in quelli tuoi. La sfiga alle volte è così balenga. Accipicchia.

Oh ma d’altronde cosa dovevamo farci? Iris nei fumetti muore e capita anche in un contesto molto meno drammatico, la storia potete trovarla nel primo volume di Flash Classics edito in italico idioma dalla Rw Lion. Poi grazie al multiverso Iris tornerà però beh però avete presente Crisi Sulle Terre Infinite ecco… la felicità per Barry non durerà a lungo. I’ve been there, Barry.

Poco importa se l’episodio ci congeda anche da un Captain Cold sempre più scalciaculi “niente mi ferma” dice lui, tranne un King Shark con potere Rigenera classe armatura -3 e resistenza al gelo. L’elogio alla Barry bontà, ridicolo tutto l’assalto furtivo all’A.r.g.u.s con un finale ancora peggiore e vabbè.

Cosa aspettarsi per il funerale delle dolce e pucciosa Iris? Assisteremo alla Barry fuga in qualche altra linea temporale così nella quarta stagione ci becchiamo due Savitar e ci teniamo il Malfoy? Probabile almeno per la fuga. Qualcuno crede che ci sorbiremo invece la Barry Decadenza?Alzate la mano e fatevi vede’

Eppure basterebbe un finale agrodolce, Barry che torna indietro nel tempo per avvertire H.R. di non dire nulla sul nascondiglio di Iris. Non staranno mai più insieme ma lei vivrà giusto il tempo per permettere al Team Flash di sconfiggere davvero Savitar. è chiedere troppo un finale così? Sarebbe pheeego.

Che poi, da qualche parte nelle bozze del blog, c’è tutta la recensione della quinta stagione delle lotte di condominio de Grande Inverno. Andrebbe ritirata su, rimessa online che era gagliarda e soprattutto avevi istituito il premio de “Ma che Meeenchia hai fatto” vinto proprio da Elaria Martell. Con la puntata di sabato, indubbiamente,  H.R. si è praticamente aggiudicato la vittoria del premio. Altro che cambiare il futuro sarebbe bastato non far niente e far star zitto il nostro amico per salvare capre e cavoli. E già.

Congediamoci anche noi con il nostro appuntamento settimanale, il penultimo di questa stagione con la turboposta del cuore con H.R. in cui ci troviamo due scene degne di nota. Proprio HR fa la dichiarazione alla dottoressa del suo cuore. Ammore, tesero, chicco di caffè della mia vita, vuoi tu entrare nel team Flash e farti di caffè con me finché morte non ci separi? Oh malfoy malfoy malfoyvma che ci tocca sentire!

E poi finalmente la danza ghiacciata tra Cisco e Frostina, desiderio finalmente espresso di farlo strano tra i due. Chi vince sta sopra. è questa la posta che tanto proprio sul finale hanno fatto sparire Indiana Malfoy, chissà poi dove l’hanno messo! Vabbè.

Ragassuoli che dire di più. ancora un post e poi questa turbocavalcata è  finita, un po’ spiace ad esser sinceri. Certo tra poco arriva anche il Trono però ti mancherà il turbo team, già già. Manca una settimana daje per scoprire se Frostina continuerà  a giocare a far subzero e come e se raddrizzeranno il Barry umore.

Ci vediamo tra una settimana! Cia!

The Flash 3×21 Il Barry Smemorello

picsay-1483530022Dopo la pausa per la ciampionslig in cui ha trionfato chi meritava di più (dai dai che ora ti picchiano) è tornato anche su canale del Re del Bunga Bunga, la serata dedicata ai pischelli in calzamaglia e qui al Cornerhouse non possiamo fare a meno di guardare The Flash la serie che vede protagonista il nostro carissimo turbopischello della velocità alle prese con la versione arrostita di se stesso incacchiata perchè non vuole essere trattato come l’ultimo dei Toyboy. Ovviamente volete non dargli ragione?

Pronti Noi Zi Va

Avete presente il momento in cui “Amicici ho avuto un’idea un’idea eccezionale veramente! Ascoltatemi”

“Se Savitar è il Barry  sacrificabile creato da un loop temporale con scappellamento a destro come antani allora è evidentemente lapalissiano che se Barry perde i ricordi, Savitar passerà le sue giornate a domandarsi ma che accipicchia -si userà questa parola- ci faccio qui.”

“Grande Giove” gli avete risposto entusiasti. “Facciamolo, è un piano geniale”

Ecco, le cose vanno storte perchè Cisco e Indiana Malfoy non capiscono una fava di neurobiologia e quindi manca fossero al Benny Hill combinano un casino facendo Format C: sulla memoria del nostro turbo pischello. Ai ai ai ai. 

L’episodio quindi è stato utilizzato per mostrare come il Barry dell’Arrowverse si sia incupito, sia diventato un musone durante questi tre anni tra alti e bassi. Hanno mostrato come i super poteri e le responsabilità da turbopischello siano un fardello. Come i saggi zietti dicono “per una parete grande ci vuole un grande pennello” ehm no “La patata attira” ehm no, dicono “a grandi poteri corrispondono grandi responsabilità” si questa è meglio.

La serie TV che matura e cresce insieme al suo pubblico, uaooooooo che geni.

Come se non bastasse vi beccate anche la morale. Dentro di noi c’è una parte malvagia di villanzone che una volta scoperta fa fare crack a tutti il resto. Beh sfidi chiunque a essere il toyboy del turbo pischello e poi ne riparliamo se non ti arriva qualche scompenso.

Ma non perdiamoci in altre ciance e parliamo della rubrica che ormai scalda tutti i vostri cuori anche nel calde nottate afose di questi giorni, che riempi di miele i vostri sogni, che vi fa sentire ogni giorno meno soli. La turborubrica del cuore a cura di H.R Wells.

In quest’episodio abbiamo due momenti dedicati a tutti voi smielati ascoltatori. Il primo è il classico corteggiamento “quando ti vedo mi si scatta il durello, ma non voglio distrarti ma so che lo sai, sai che io lo so, lo so che lo vuoi anche tu. Ti porto un caffè, lo senti com’è caldo, muy caliente el fuego della passion, roar!” Ecco come prosegue il detto-non-detto tra HR e la dott.ssa Brand.

Infine proprio sul finale cupido ancora un volta vola intorno al nostro Indiana Malfoy che nella speranza di far tornare Miss Tacco dodici ghiacciato dalla parte dei buoni se ne esce con un inopportuno “Ma io ti amo!” Ma come! Così davanti a Cisco! Nun se fa, nun se fa Malfoy. Per sciogliere la nostra ghiacciolina ci va ben altro che le classiche tre paroline alla “Suole, Duole, Ammmore”. Potevi giocartela meglio. Eddai! Non prendertela se poi Frostina ti risponde con un glaciale “Io non ti amo e non ho mai amato nessuno”

Oh mo te tocca fa qualcosa de serio altrimenti, caro Malfoy continuerà il tuo gioco in solitaria!

Ragassuoli, ormai mancano due puntate alla fine, Iris la vedi spacciata perché il turboteam sembra davvero in difficoltà. No, aspe, forse sono gli autori che stanno allungando il brodo. Mmmm com’è difficile la vita. Insomma e tutti i mano ad HR che dovrà mantenere alta la tensione con la sua spasimante per fargli trovare la soluzione per poter usare il turbocannone della turbocità o come cavolo si chiama.

Vabbè next week, vedremo a che punto sono!

The Flash 3×15 Barry agitato e ben mescolato

picsay-1483530022

Eccoci ancora una volta in questa vostra amatissima webbettola a sparlare del nostro super pischello della velocità, commentando un episodio che, finalmente lo possiamo dire: The Flash 3×15 è un proprio bel episodio, olè!

Una delle tecniche per riuscire a tenere in piedi fan e acquisirne di nuovi è quello di creare dei punti di rottura o dei capovolgimenti così forti da creare interesse o da stimolare chi quell’interesse aveva e lo sta perdendo.

The Walking dead è una serie maestra in questa tennica, pensate alla settima stagione che inizia con un twist magistrale e per tutta la stagione non succede una beneamata meeeeenchia ma poi tutti a vedere l’ultimo episodio. Oppure un altro esempio banalissimo: i due recenti “reboot” Marvel e DC in cui per tirar dentro nuovi lettori e non perdere quelli presenti si mette un bel punto e si comincia un paragrafo nuovo.

In The Flash terza stagione stava più o meno succedendo la stessa cosa, stavi trovando la serie piuttosto noiosetta e un po’ calante sul fronte della qualità delle trame. Se non fosse stata per la divertente trovata di Indiana Malfoy che ti ha regalato un po’ di verve nello scrivere i post anche questi sarebbe stati così meh…

Si Grodd aveva tirato un po’ su il morale ma è soprattutto con questo, il quindicesimo episodio, e non è la prima volta che accade la produzione CW guidata da quel mattacchione di Greg Berlanti lo fa, risolleva un po’ le sorti della stagione ridonando un po’ di voglia di proseguire la visione della serie anche se è trasmessa davvero ad un orario improponibile.

Va vediamo cosa succede a Central City. Pronti Noi Zi Va

Il piano geniale di Barry prevede che sia Wally e non lui a coprire con la super velocità la distanza per salvare Iris da Savitar quindi ovviamente il focus è concentrato sul rapporto Allievo e pessimo e  orgoglione maestro.

Non solo, se ricordate bene nel puntata del fantasma del natale futuro che potete leggere qui, qualcuno (che ovviamente sappiamo tutti chi) avrebbe dovuto tradire il team (fortunatamente va come non ti aspetti, cioè tradisce chi sapete voi ma lo fa in modo che non avevi previsto. Greg cinque alto per te. bravo!)

Terzo elemento Barry ha fatto lo splendido e ha chiesto ad Iris di sposarlo.

Ora che abbiamo questi tre elementi importanti agitiamo bene il tutto e incasiniamo per bene la situazione.

Savitar inzia a fare gli scherzetti a Wally West comparendogli in sonno, in bagno, quando fa le cosacce con Jessi e sopratutto gli fa gli sgambetti quando corre. La scena dello sgambetto ti ha dato da pensare per come hanno gestito la fotografia….mmm ma vuoi vedere che…beh vediamo come va…

A quanto pare Savitar sta tentando di scappare dalla forza della velocità e tornare sulla terra, evidentemente la pietra filosofale non è sparita o almeno non del tutto. Sorry guys vi ho traditi io! Già proprio così.

Wally (no no il giuda non è lui) quindi sta venendo manipolato alla perfezione da Savitar e fa tutto quello che non deve fare nell’ordine giusto per farlo tornare sulla terra e rimetterci le penne, mandando completamente in vacca tutti i piani del nostro monarca della velocità.

Iris completamente incazzata decide che, beh, questo matrimonio nun sa da’ fa’ e dicendogli che se la vuole ancora vedere dovrà trovare il modo di salvare Kid Flash che in questo momento proprio bene non se la passa.

Daje, hai di nuovo voglia di continuare a vedere le serie. Meno Male! Ci si legge next week per questa e altre cialtronerie!

The Flash 3×13 Indiana Malfoy e L’arena Maledetta

picsay-1483530022

Indiana Malfoy e l’arena Maledetta. Si passeresti tutto il post a riscrivere il titolo perché ti garba davvero tanto. L’illuminazione del sabato sera sulla via del divano, davvero un’epifania di un certo livello.

Ad ogni modo dopo aver saltato la puntata precedente perché eri in quel di Modena alla Play (puntata che tra l’altro hai recuperato con un po’ di spezzoni in giro qua e la, la quale è sembrata pure carina) sei finalmente tornato carico per i post a proposito del nostro amatissimo pischello della velocità, che comunque la storia del sabato sera è davvero una palla al piede poiché è davvero limitante organizzarsi per non perdere l’episodio settimanale. ‘Tacci vostra!

Malfoy dopo essere stato messo in cassa integrazione da Savitar ha deciso di tornare al suo campo d’interesse ovvero la zoologia e quale migliore occasione per mostrare le sue grandissime capacità al team Flash se non con una bella gita in Africa a trovare le scimmie?

Ecco, quello che forse Malfuccio non ha valutato oggettivamente bene è che le scimmie in questione sono in realtà gorilla incazzati e argutamente intelligenti con poteri mentali assai sviluppati. Ops! Your Bad!  In realtà però abbiamo scoperto a fine puntata che il nostro indomito Indiana Malfoy era più interessato ad un altro tipo di scienza sociale, ovvero, l’arte del corteggiamento in quanto è ormai sempre più soggetto a durelli continui ogni volta che pensa alla nostra potenzialmente glaciale e pericolosa biondina Killer ehm Caitlin Snow.

Dato che nessuno si può esimere dal vedere in faccia il nostro eroe, che seguiate la serie o meno, eccovi colui che fa apparire Harrison Ford come una fighetta. Ta Dan!

TheFlashGorillaCity.jpg

Per bacco esto Hombre es muy bonito!

A contorno a queste eccitanti inquadrature del nostro Indiana Malfoy (si ogni pretesto è buono per scriverlo) ci siamo cuccati una puntata davvero gradevole, la quale mette in risalto ciò che vai dicendo da anni a questa parte su questa webbettola (cit RedBavon) ovvero se in una storia di gente con le mutande sopra la calzamaglia mettete un villanzone di un certo livello allora il vostro super eroe funzionerà, la storia sarà fantasticamente parlando, credibile e i fan saranno contenti

Grodd ha carisma da vendere ed è sicuramente uno dei tre migliori cattivi che abbia mai avuto la serie di pischello Flash. Il carattere del pacioccoso gorillone è molto fedele alla sua controparte fumettosa così come i suoi intendi di conquista verso Gorilla City e il desiderio di sconfitta del nostro velocista scarlatto.

Il malvagissimo piano del Villanzone Gorillone è quello di invadere Terra Uno per vendicarsi del trattamento ricevuto  dallo stesso Grodd, però, Solovar il Re dei gorilla non sembra intenzionato a muovere guerra. Grodd ha quindi bisogno di un bel pretesto e mette in atto un piano fatto come si deve, riuscendo prima a spodestare Solovar e poi a trovare qualcuno disposto ad aprire un portale per far partire il suo esercito.

A contorno del contorno gorillesco o gorillante (mettete quello che vi piace di più) ci siamo pure dovuti sorbire la love story proibita per questioni di oscillazioni e frequenze tra Kid Flash e Jessi Quick, se pensavate che Suppaghirl fosse gagliarda proponendo in tivi una relazione gaia e una interplanetaria, The Flash vince con la sua storia multidimensionale. Ah viva l’integrazione!

No dai, fuori di cazzate, in Supergirl la gestione di una storia omosessuale è un passo importante per una serie tv da teenager molto politically correct, qui invece abbiamo i soliti ragazzini che vogliono fare quelli dell’amore non consumato perché lontani che si struggono perché ora che hanno i super poteri hanno paura di filarsi più ma ricordate sempre, Batman è single!

In conclusione La puntata di sabato si annuncia interessante, sei davvero ansioso di rivedere Malfoy con il borsalino e la borsetta alle prese con il gorillone più cazzuto che c’è! Sorry Kong ma Grodd è molto, molto più avanti!

DC Comics Rinascita

1489746101-picsay.jpg

Dopo aver concluso la lettura dei primi numeri del nuovo corso DC Comics è giunto il momento anche per la webbettola del Cornerhouse di dire la propria a proposito di questo nuovo reboot delle serie di Suppaman & Co ovvero DC Comics Rebirth o se preferite DC Comics Rinascita.

Circa due anni fa hai ripreso a rileggere fumetti amerrigani dopo la tua separazione dal mondo degli xmen avvenuta circa dieci anni fa, spulciando un po’ di qua e un po’ di la tra le principali serie DC. Il mondo Marvel ad eccezione appunto dei mutanti non ti aveva davvero mai preso soprattutto la nuova linea editoriale All New Marvel Now per via di alcuni cambiamenti piuttosto pesanti.

Buona parte delle cose che sai le hai apprese dopo aver visto i vari cinecomics approfondendo le storie da cui essi erano tratti ma è sempre mancata quella scintilla, quell’innamoramento che ai tempi avevi per i ragazzi del Professor X.

Così nonostante il pessimo film di Lanterna Verde e la serie per pischelli di Flash, il tuo interesse verso il mondo dei super eroi raccontati con l’arte dei disegni sequenziali era diventato quasi un urgenza. Si perché qualcosa che ancora non ti era chiaro in quei personaggi ti gasava sempre di più mentre quello della casa delle idee faceva un’orribile fine.

Altro elemento da non sottovalutare è sempre stato il tuo amore per Batman, il tuo super eroe preferito al pari di Wolverine, gli unici due eroi in maschera che anche solo per vie trasversali hai sempre seguito.

I tre film di Nolan ti hanno rinconciliato con il cavaliere oscuro del cinematografo e proprio riflettendo sul lavoro del registra che hai iniziato a comprendere perchè il tuo gusto pendeva più da una parte che dall’altra. Villanzoni sempre ben definiti, carismatici e ambientazioni cupo, dark e “verosimili” erano gli elementi che ti portavano a scegliere sempre a favore di un albo piuttosto che di un altro.

Eppure, pensavi, oltre a Batman li altri che fanno? Boh? Così hai recuperato albi famosi e non, raccolte e ristampe delle storie più importanti dei membri della Justice League scoprendo quanto anche fumetti che mai pensavi di poter leggere ti hanno meravigliato e appassionato.

Accidenti la nuova serie la New 52 era già fuori da un po’, sarebbe stato difficile recuperare quanto era già uscito negli ultimi anni, ti serviva un nuovo punto di ingresso una nuova parte forse quel mondo e così la fortuna (e il ciclico mercato) ha fatto si che un nuovo reboot fosse necessario per dare nuovo lustro ai protagonisti DC Comics.

Hanno detto che la New 52 aveva tradito le origini dei personaggi della Justice League e lo scopo di questa nuova rinascita era quello di riportare indietro ai fasti prima di Flash Point. Per quel poco che tu hai letto in realtà alcune delle storia tra le cinquantadue testate DC ti sono piaciute ma come dovrebbe essere chiaro non sei un testimone obiettivo, il classico autorevole recensore attento perché non sei mai stato un lettore fisso per cui la tua opinione può fare ben poco testo ma d’altronde cosa c’è realmente serio in questo blog?

Sei quindi entrato in questa nuova DC rinascita per quel poco che vale hai i tuoi albi che partono dal numero uno e dal ventordici e con tutto il tuo entusiasmo ecco quello che pensi del nuovo corso DC.

L’albo introduttivo di DC Comics Rebirth scritto dal mastro tessitore Geoff Johns serve un po’ da collante per far capire quali sono stati gli impatti di Flashpoint nel mondo DC e dopo quasi cinque anni di storie, a cosa si è arrivati. Flashpoint aveva azzerato praticamente tutto, non solo un nuovo inizio, ma un vero punto zero perchè Barry (Flash) aveva incasinato completamente la linea temporale tornando indietro e salvando sua madre.

Tutti gli “inizi” della DC comics hanno sempre previsto l’impiego di Flash come personaggio chiave per mettere ordine o come supremo sacrificio per rendere epico il finale e anche in questo caso buona parte della storia di Rebirth si concentra sulla saga dei velocitisti.

Non scriverai particolari spoiler nelle prossime righe se un breve riassunto della trama che vede come protagonista Wally -Kid Flash- West tentare di riemergere dalla spirito della velocità in quanto nella linea temporale New 52 l’unico Flash era appunto Barry Allen.

Per poter tornare nel mondo reale, Wally ha bisogno che qualcuno si ricordi di lui ma data la nuova linea temporale nessuno si riesce a ricordare di lui neppure la sua storica amata Linda Parker solo il suo più grande alleato alla fine si ricorderà di lui.

Nel frattempo Batman scopre una spilletta con un disegno piuttosto strano facendo intendere quello che potrebbe essere una delle motivazioni per le quali ai nostri eroi sono stati rubati gli anni e soprattutto su chi possa essere stato. Per alcuni lettori il collegamento con un altro fumetto è pressoché palese, in ogni caso le possibilità offerte da questa scelta narrativa sono davvero infinite.

Questo numero introduttivo alla nuova linea “DC comics Rinascita” ti è davvero piaciuto. Lo hai riletto una seconda volta proprio qualche sera fa, per poter scrivere questo post e inquadrare meglio lo sviluppo della trama avendo letto anche i numeri successivi delle altre testate.

Le tavole sono tutte ben disegnate e colorate in maniera eccellente. Il ritmo con cui si alternano le scene e i pensieri di Wally sono ben orchestrati e soprattutto i testi non risaltano mai eccessivamente pesanti, ma anzi, permettono a qualsiasi lettore di avere un punto di riferimento per iniziare a leggere questi fumetti. Tutto viene spiegato chiaramente senza tralasciare i punti salienti ed essenziali di cosa ha significato Flashpoint che non viene cancellato ma anzi viene integrato nella corretta sequenza degli eventi.

Al momento stai seguendo tutte le testate e nei prossimi giorni parleremo più o meno di tutte quante dopo i primi quattro-cinque numeri. Pensi che almeno fino a settembre o ottobre le seguirai tutte per aver chiaro che taglio avranno, dopo di che potresti iniziare a fare i primi tagli su alcune testate se non dovessero essere di tuo gradimento.

Al momento è tutto bello ma anche tutto nuovo e le cose nuove piacciono sempre. Detto questo se qualcuno di voi ragassuoli è interessato ai fumetti DC questi mesi sono i mesi giusti per iniziare.

star-wars-your-empire-needs-you