Archivi Blog

Assalto Imperiale – Legends of the Alliance

1511254309-picsay

Alleluja Alleluja Alleluja cantava uno struggente Jeff Buckley nella sua reinterpretazione del capolavoro di Leonard Cohen. Qui al Cornerhouse, invece, mixando il tutto sul tema di John Williams che suonerebbe tipo Aaaa Aaaa A Alleluja A Alleluja Allelujaaaaa annunciamo con giubilo, classe e tifo da stadio per la vittoria del Derby della madonnina, che quei mattacchioni amerrrigani della Fantasy Flight hanno finalmente sparato la news che tra rumors e smentite in tanti aspettavano.

L’app che rende assalto imperiale un gioco completamente collaborativo è stata annunciata e uscirà -in inglese- a breve. Evviva Evviva. Asmodee Italia non ha ancora fatto sapere nulla a proposito dell’adattamento in italico idioma ma beh… è piuttosto scontato che nel 2018 avremo una gradita sorpresa.

Chi segue il blog dalle sue vetuste origini, sa che per buona parte del 2015 e del 2016, Assalto Imperiale è stato uno dei tuoi giochi preferiti. Avete fatto due campagne una terminata con la tua vittoria come Imperiale, la seconda non l’avete terminate perché purtroppo i tuoi avversari avevano trovato il modo di “rompere” il gioco e quindi vi eravate un po’ scocciati.

Beh ora cambia tutto, finalmente puoi giocare da ribelle senza più il problema di fare il “master” che come hai scritto in più occasioni ti aveva stufato per due motivi collegati tra di loro: Nella tua testa il master è un po’ come quello di D&D o di Heroquest il cui scopo è far divertire il party, non aveva condizioni di vittoria se non il piacere di vedere i proprio amici diverti intorno al tavolo. Poi grazie (o a causa, fate voi) della rivoluzione introdotta in Descent seconda Edizione il ruolo del cattivo è diventato un ruolo attivo che deve giocare per vincere e non per far divertire il gruppo di eroi.

Il rischio era che in funzione dell’abilità dei giocatori (quattro contro uno può essere pesante) e in funzione di alcuni scenari mal bilanciati, si potesse perdere un po’ l’interesse nel gioco, come poi è stato

Ora ci sono concrete possibilità che Assalto Imperiale torni presto sul tuo tavolo e perché no, nella classifica dei migliori Dungeon Crawler in circolazione.

 

Annunci

Fallout The Boardgame

1502303192-picsay.jpg

Pochi giorni fa, dopo l’interessante notizia dell’annuncio del primo “Librogame” da tavolo Legacy Of Dragonholt (ne abbiamo parlato aqui) , l’ammerigana Fantasy Flight Games spara fuori dal suo cilindro un nuovo gioco su una nuova licenza: Fallout The Boardgame.

Fallout The Boardgame è un gioco esplorativo in cui da uno a quattro giocatori (quindi è prevista fin da subito una modalità solitario) si muoveranno su una mappa composta da tessere esagonali con lo scopo di risolvere missioni e recuperare risorse e equipaggiamenti.

Ci saranno alleanze con le varie fazioni, nuovi alleati, equipaggiamento vario, sviluppo del personaggio simile a quello del videogame quindi le abilità avranno un peso sul gameplay che si sceglierà di sviluppare. Ci sara’ anche il VATS. La parte più interessante sembra essere la risoluzione delle varie situazioni, un sistema a scelta che avrà conseguenze che metteranno certe carte in gioco che saranno poi diventeranno poi  incontri e cosi’ via cambiando l’esperienza di gioco (es. se liberi dei supermutanti poi te li ritroverai nel deck come possibili incontri dovuti al fatto che sono stati liberati etc.).

Il gioco non sembra essere un collaborativo ma ti ricorda per certi versi Runebound il gioco d’avventura: In pratica vince chi per primo riesce a ottenere o soddisfare le condizioni di vittoria. L’interazione a naso potrebbe essere quasi principalmente indiretta a meno di qualcosa non salti fuori di cui al momento non hanno parlato.

La rigiocabilità e la longevità come al solito lasciano supporre che se il titolo farà i numeri preventivati sarà supportato tutta una serie di espansioni con nuove “migliorie” e missioni diverse come da tradizione FFG che munge finché può tutte le sue mucche. Si parte con quattro missioni poi chissà.

Anche in questo Fallout The Boardgame sembra avere un certo peso l’aspetto narrativo. Con gli ultimi annunci la Fantasy Flight sembra aver capito che il giocatore “American” non è solo interessato a tirare valanghe di dadi ma anche a vivere storie importanti e avvincenti. Tutto ciò non fa altro che farti ben sperare!

C’è da tener presente che Fallout non è il primo gioco che pesca a piene mani dal mondo del videogioco. Sempre la FFG aveva prodotto X-COM un collaborativo tratto dal medesimo videogioco. In italia è stato localizzato dalla Giochi Uniti è purtroppo non sembra abbia riscosso particolare successo. Forse in maniera piuttosto immeritata. X-Com ha avuto il pregio/il difetto di essere uno dei primi ad introdurre il digitale nel mondo analogico dei cubetti e legnetti nel gioco da tavolo. Forse l’utenza non era ancora pronta.

Oggi con titoli come Le Case Della Follia e Descent sembra che l’aria stia pian piano cambiando.

Dunque ragassuoli, ora tocca a voi!

Cosa pensate dell’integrazione APP e giochi da tavolo e soprattutto cosa pensate dei giochi da Tavolo che tentano la fortuna ispirandosi a ambientazioni prese dal mondo del videogame?

Pensate che un giorno i due media collasseranno in un unico mezzo di intrattenimento o siete tradizionalisti e guai a chi vi tocca i cubetti?

Dite la vostra!

La mia scimmia ti vuol salvare

BeFunky Collage.jpg

Cari giochi in scatola che state per venir lanciafiammati nello spazio siderale a causa della separazione tra GW e FFG (brutti e cattivi) di cui abbiamo già parlato l’altro giorno, sappiate che alcuni di voi possiamo salvarli. Ma non tutti. Vorremo farvi tutti entrare in questo paradiso ludico che è la nostra collezione ma sorry guys alle volte bisogna scegliere.

Questo post è dedicato a tutte le scimmie che si esaltano nel nostro cervello ogni volta che si apre il portafoglio o si striscia la carta di credito.

Questi sono i giochi che il Cornerhouse salvarebbe:

la-furia-di-dracula-terza-edizione

La Furia di Dracula (59 Eurodollari, Giochi Uniti)

Gioco uno contro quattro che fonda ed evolve le sue meccaniche da quelle di Scotland Yard. Un giocatore impersona Dracula e dovrà nascondersi e cercare di uccidere i suoi inseguitori (gli altri giocatori ) che dovranno scoprire la sua posizione. é uscita da pochissimo la terza edizione del gioco che “dicono” abbia migliorato di parecchio il gioco.

forbidden-star.jpg

Forbidden Stars. (90 Eurini)

Gioco da 2-4 giocatori di colonizzazione spaziale ambientato nell’universo di Warhammer 40000 ci sono “solo” quattro razze Space Marine, Massacratori di Khorne, Eldar e Orki. Avrebbero dovuto espanderlo ma purtroppo la GW ha fatto quello che ha fatto. Forbidden Stars è un bel gioco per games più che per neofiti, ha una durata impegnativa due o tre ore e una componentistica da bava alla bocca. Se qualcuno possiede StarCraft (il gioco da tavolo) potrebbe saltare l’acquisto gli altri interessati al tema potrebbero farci un pensierino anzi un pensierone visto il costo non indifferente.

pic1222746

Blood Bowl Team Manager (35 fiorini)

I Nerd dai trenta in su conosceranno quasi sicuramente il blood bowl il football americano in salsa warhammer fantasy. Una volta era un gioco di miniature GW (e lo hai siiiiiiiiii!) poi quanto la GW ha pensato di dire che schifo i giochi da tavolo lo buttarono via così come con Necromunda, Mordheim e altri.

La FFG ha pensato bene di realizzare un gioco di carte che simulasse una stagione intera di questo violentissimo sport. Dicono sia un bel gioco. Potresti quasi crederci.

pic1873572

Space Hulk Death Angel. (25 dineri)

Space Hulk Death Angel è la versione card game del vintaggio gioco Games Workshop Space Hulk in cui una squadra di space marine resta incastrata in un astronave infestata da Xenomorfi e deve riuscire a sopravvivere e scappare. In questa versione il gioco è completamente collaborativo e dicono sia molto sfidante.

3253430.jpg

Caos Nel Vecchio Mondo. (59 crediti imperiali, difficile da trovare)

Questo tu lo salti ma perchè hai la versione vikinga prodotta dal Cool Mini Or Not ma in realtà è un ottimo gioco. Piazzamento e Maggioranze in salva demoni del Caos di Warhammer Fantasy. Non vuoi bestemmiare ma per far capire i babbani: Prendete Risiko togliete ogni componente fortunoso (Tutto ciò che rende Risiko = Rosiko) e aggiungete tanta strategia.

pic1405986_md

Relic (60 paperdollari)

Relic il talisman in salsa futuristica. Il talisman come avrebbe dovuto sempre essere per essere un gran gioco. Molti che odiano Talisman lo apprezzano chi già ama Talisman lo troverà fantastico.

pic332870

Talisman (50 corone)

L’hai lasciato per ultimo. Chi segue il blog sa che la partita annuale a Talisman è l’evento che riunisce tutti i tuoi colleghi giocatori una volta l’anno meglio di una finale Italia – Brasile dei mondali. Talisman è un gioco buzzurro, cialtrone e odiato da tanti ma amato da altrettanti. Tiri un dado e speri che esce il numero che vuoi o di pescare la carta che ti potenzia. Si spegne il cervello e via. Ci sono mille giochi migliori di questo ma se c’è la compagnia giusta si trasforma in tre/quattro ore di divertimento puro.

Nei titoli sono stati indicati i prezzi per evitare che qualcuno tentasse di darvi qualche sola, che gli speculatori furbi sono sempre pronti a fregare qualcuno!

Alla fine della fiera è tua intenzione salvarne un paio. Uno perchè oggettivamente potrebbe piacere un po’ a tutti i tuoi gruppi di gioco e l’altra quasi più per scrupolo che altro per poi non pentirtene dopo. Quali? Eccoli La Furia di Dracula e Forbidden Stars.

Il Divorzio tra Games Workshop e Fantasy Flight Games

immagine-1

Sono rare le notizie di News che questa webbettola (Cit RedBavon) pubblica nel suo palinsesto ma su questa oggettivamente non ci si poteva passare sopra.

Fantasy Flight Games e Games Workshop si separano. In pratica tutti i giochi creati dalla FFG su Licenza GW a partire dal 28 febbraio 2016 andranno out of sales.

C’era un po’ da aspettarselo già a partire da da maggio 2016 quando con l’annuncio della nuova edizione di Warhammer Quest (che non sei riuscito a non comprare) la games workshop è rientrata prepotentemente (e discutibilmente) nel mercato dei giochi da tavolo cercando di risollevare le sorti dei suoi wargames le cui vendite erano un po’ in crisi. Age Of Sigmar ha delle miniature pazzesche ma sembra non abbia dato la scossa necessaria. Avrebbe davvero potuto farlo?

Il secondo fondamentale indizio è arrivato con la GenCon di Indianapolis dove la Fantasy Flight Games ha mostrato il suo primo wargames: RuneWars. Gioco di miniature che sfruttando il sistema di regole di X-Wing dovrebbe inserirsi come diretto competitor sia dei prodotti GW che Mantic games, ma soprattutto -questo secondo te è ben più grave- non sono arrivate le attese nuove espansioni di Forbbidden Stars.

Quali sono i giochi che andranno fuori mercato? Ovviamente tutti quelli ambientati negli universi di Warhammer 40000 (Ad esempio, Forbidden Stars e Death Angel), quelli ambientati nell’universo di Warhammer Fantasy (Blood Bowl Team Manager), i classici come Talisman e La Furia di Dracula e tutti i giochi di ruolo ambientati in quei mondi. L’elenco completo potete trovarlo sul sito della FFG.

Lo ammetti ora la scimmia di riuscire ad infilare alcuni di quei giochi nella tua collezione è oggettivamente tanta anche perchè alcuni sono meritevoli e prima che la GW faccia qualche casino andrebbero salvati.  Salvaci Johnny Salvaci! 

Yog-Sothoth è caduto!

Love-Cthulhu-T-Shirt-picsay

Lo smilzo aveva lasciato casa vostra dopo aver inaugurato L’orrore di Innsmouth (Espansione di Arkham Horror) con un po’ di amaro in bocca.

“Si Abbiamo vinto, però è finito anche tutto troppo presto”

“Ma è questo il gioco che ti piace tanto” Gli ha chiesto la moglie scandalizzata dallo stupore per una partita così mediocre.

Qualcosa non aveva funzionato, era andato tutto troppo bene e all’improvviso anche l’ultimo portale dimensionale era stato chiudo. Partita Vinta.

“Io non l’ho ricordavo così accipicchia che delusione.” 

L’altra sera è scattata l’ennesima Nerd Night con un po’ di incertezza su cosa giocare.

Caverna? Village? Zombicide. Beh ho anche la quarta possibilità: Possiamo rifare Arkham Horror. Dici le tue proposte.

Gli occhi dei tuoi commensali si illuminano e luccicano come l’inter ha vinto la Champions.

“Si dobbiamo fare una partita seria ad Arkham”. conferma la smilzo

Allora giochiamo contro Yog-Sothoth e con l’araldo dell’orrore di Dunwich. Dice Carlotta spavalda a fuori di se.

“Seee vabbè allora vogliamo perdere”. Il tuo commento sconsolato

Apparecchiamo il tavolo, Arkham ha dei tempi di preparazione un po’ lunghetti servono almeno dieci minuti per sistemare tutto soprattutto perchè tu sei maniaco: Ogni carta, ogni segnalino e ogni altra cosa è messo nella sua scatola quindi devi aprirle tutte per prendere le cose giuste.

Scegliete un team maschio di impavidi seduttori, gente che non ha paura a premere il grilletto per sparare in faccia ad una strega o a infrattarsi nei boschi con la gang di Sheldon chissà a cosa fare poi non si sa! Uomini duri che hanno visto cose che voi umani non potreste neanche immaginare. Testosterone e proiettili. Die Hard! Bruce Ce-fai-na-pippa! Roland Banks l’uomo del FBI, Il Signor Anderson l’uomo delle spedizioni e Bob “Vendimi questa penna” l’amante piccante di Mandy che questa sera è rimasta a casa a fare la mayonese.

Si stappa la prima birra, si aprono le patatine al BBQ e si comincia la partita.

Yoggy (Così chiameremo il nostro simpatico grande antico) è famoso per averne sempre una per tutti. Cotanta malvagità fatta cartoncino che mettiamo in serio dubbio che non ci sia la sfiga a pilotare i nostri turni ma bensì la sua oscura volontà.

Sbagliamo tiri a ripetizione. Bob più volte si ferma sul lago Hali nella perduta Carcosa a pescare mentre il mondo va puttane e Anderson più volte fa visita al manicomio di Arkham che inzia ad andare in giro dicendo solo più Hodor Hodor Hodor. Solo Roland sembra affidabile peccato che passa almeno la prima metà di partita a sbagliare ogni tiro di dado.

“Tiro nove dadi non posso fallire” avesse fatto un tiro più alto del tre.

La gente di Arkham capisce che non è aria e dopo pochi turni chiudono i negozi troppa brutta gente in giro “Hodor” Hodor” e la situazione è davvero drammatica.

Come se non bastasse pure a Dunwich succedo cose indegne. Feste in giardino con uomini ciccioni in mutande e Tre mostri entrano nei vortici dallo spavento. Così l’orrore di casa Whateley si risveglia pronto a seminare panico e puzza per quella città di collina. Frack!

“Dai cerchiamo di prendere almeno una benedizione, per la madonna” Esponi Il tuo piano. Un catenacciaro ecco cosa sei.  Nereo Rocco dei miei stivali! Pensi tra te e te.

“No! C’è quel cazzo di ragno di Leng che dal primo turno gioca a fare Godzilla per tutta Arkham non ci posso arrivare” 

“Vabbè compriamo qualcosa”

“macchè non ho soldi, lo spaccio generale è chiuso e poi Yoggy ha immunità magica, gli oggetti unici non servono a niente.” La famosa beneamata minchia!

Dopo due dicerie fallite la situazione è ormai compromessa. In un solo colpo Yoggi spalanca tre portali e ci dona gentilmente una carte ferita ed una carta pazzia ciascuno. Che gentile!

“Ma perchè sei dentro un portale se ti manca un segnalino indizio?”

“volevo andare a pesca” Per quarta volta perdi un turno dentro ad un portale.

“Dai che mo lo trovo”

Ci restano due turni (a occhio e croce) se si apre un altro cavolo di portale è finita. Yoggi si sveglia e si introdurrà con violenza nel nostro ano.

Vabbè proviamo a sigillare quello che possiamo a vediamo che  succede.

Incredibile perdiamo Arkham completamente invasa dai mostri che organizzano un rawe party con Ragno di Leng DJ. Il livello di terrore sale a sette. Arriviamo all’ultimo turno.

Se esce un portale Yoggi ci fotte, altrimenti vinciamo noi. (Forse).

Giri la carta miti

“Daje è un altra invasione di mostri”

“Vabbè Arkham era già andata prima, spalma dei mostri a caso ovunque”.

“Noooo cazzo, il primo giocatore devo superare un tiro di fortuna altrimenti Yoggi lo maledice”

Sei tu il primo giocatore!

“Ma per idddio, frack!” Al posto del Frack metteteci qualsiasi bestemmia sia di vostro gradimento.

“Quattro dadi, dai si può fare. Qual’è la probabilità che tiranno quattro dadi almeno uno sia un cinque o un sei!”

“Ma porca paletta”

Hai fallito. Sudi freddo. Se vieni maledetto sai che il portale sicuro non lo chiuderai.

“Criste, usa un segnalino indizio tanto ne hai sei”  L’accento veneto dello Smilzo aggiunge il pathos necessario.

tiri il dado e “ssssssseiiiiiii”

probabilmente anche tutto il palazzo ha saputo che hai fatto sei.

“Siiiiiiiiiiiiii”

Vai smilzo chiudi quel portale a famola finita!

“Siiiiiiiiiii”

Sei portali sigillati, una città andata in vacca ma abbiamo vinto. Se pensavate che i vendicatori nei loro film abbiano fatto troppi danni beh non avete visto noi.

Le patatine sono finite così come le 6 bottiglie di birra gentilmente offerte dallo smilzo.

Ci siamo riusciti. Yoggi per la prima volta ha perso.

Censuriamo la scena dove uno sfacciato gesto dell’ombrello viene lanciato in direzione di Yoggi! L’adrenalina, è colpa dell’adrenalina.

La mattina dopo o meglio, dopo solo tre ore di sonno, ci svegliamo, mettiamo mano al cellulare e ci scriviamo su whatapp.

“questa mattina mi sono svegliato soddisfatto” ti scrive lo smilzo.

Neanche dopo una notte brava con qualche pischella sedotta e lasciata andare senti il tuo ego così appagato. Per noi Nerd è così. è più importante salvare il mondo che ciularsi la prima bionda che passa. Noi siamo veri eroi. Uomini d’altri tempi.

Il mondo ci ringrazierà.

Ora prendi la paletta che c’è una città da ricostruire dopo il rawe del Ragno di Leng!

Hodor Hodor!