Archivi Blog

Castlevania. La serie TV di Netflix è davvero un Flop?

1495695662-picsay

Bentrovati ragassuoli. Oggi schiacceremo tasti a caso sulla tastiera cercando di parlare, ovviamente a sproposito, della prima stagione (Ehm ma son solo quattro Episodi!!!) apparsa su Netflix pochi giorni fa.

La premessa fondamentale è che tu sei un grandissimo fan (La tua suoneria del Cellulare è proprio Vampire Kiss) di questa serie fin dai suoi esordi sul tuo primo nintendo, il mai troppo amato NES. Hai proseguito poi con il Super Nintendo con il quarto episodio per poi tornare indietro giocando Simon Quest (senza mai finirlo) e Dracula’s Curse (completandolo). Il capitolo per Nintendo 64 lo hai recuperato da poco soltanto assaggiandolo mentre il meraviglio Symphony Of The Night lo hai terminato più volte. Hai ancora amato il capitolo per PS2 (peccato che dovrebbe averlo una tua ex, chissà che fine gli ha fatto fare!) nel quale si è vista nascere la guerra tra i Belmont e Dracula e ti sei divertito tantissimo con gli ultimi due Castlevania usciti per PS3 che sono stai un po’ delle storie a se in cui un Belmont diventerà niente meno che… (Vabbè non è uno spoiler scriverlo, infondo il gioco ha già parecchi anni sul groppone) Dracula!

Hai anche giocato due dei tre capitoli per Nintendo DS cercando di recuperare le emozioni del titolo che vedeva protagonista Alucard senza riuscirci nonostante i giuochi fossero comunque degli ottimi Metroidvania.

Dopo aver sfoderato il pedigree da castelvanofilo è lecito aspettarsi che le tue aspettative fossero piuttosto alte per questa seria Netflix. naturale quindi che gli abbia dedicato il tuo sabato sera preparando la moglie illustrandogli per bene tutte le cose che avrebbe dovuto sapere per capire cosa stesse per iniziare vedere.

Ma quindi dopo tutto ‘sto pippone malefico la serie ti è piaciuta?

Resized pictures - c

Le mie chicche!

Pronti Noi Zi Va 

Beh, dunque a Carlotta si è piaciuta. Per lei è stato anche un peccato che sia durata poco. In effetti cento minuti scarsi sono davvero pochi. Castlevania è onestamente un pilota non una serie tv (poi possono mettercela come vogliono ma la realtà è questa) e sostanzialmente spiega come si incontrato i protagonisti della storia e del perché Draculino avesse le palle girate. Ah l’ammore!

Prima di scrivere questo post hai anche cercato sull’internet altri commenti per capire com’era la temperatura attorno a questa serie e hai letto i commenti più disparati ma si sa che lo web è un posto carico di gggente repressa a cui piace parlare più a caso di come lo facciamo qua, che poi va di moda criticare fa Snob, fa persona preparata. Si ma non corriamo troppo nel dire “We Johnny hai ragione” va anche di moda parlare di “il capolavoro” seeee vabbè. Le vie di mezzo dove sono finite? Non vanno di moda? Vero?

Ecco, Castlevania è una via di mezzo. è un buon sei, magari anche sei e mezzo. Ci sono cose buone e ci sono cose che non ti sono piaciute di cui tra l’altro è anche più facile parlare. Sostanzialmente le cose che non ti sono andate giù sono i disegni dei personaggi che li hai trovati un po’ trascurati, troppo frettolosi e mediocremente espressivi. è un peccato, anche per i fondali invece e la fotografia erano suoi livelli più che accettabili.  Inoltre non ti sono piaciuti i momenti forzatamente ironici come all’inizio del secondo episodio perché secondo te erano davvero superflui.

Sicuramente il finale della stagione è la parte migliore. Il combattimento tra i due personaggi che guideranno il proseguo della trama ossia Trevor Belmont e Alucard (No non è uno spoiler perchè si vede nella locandina della serie e all’inizio del primo episodio quindi non c’è niente di wuaaooo), è la parte realizzata meglio e come al solito il figlio di Dracula dimostra di essere sempre il personaggio più carismatico di tutto il party. Lo stile è stile! Niente da dire.

Altre cose che hanno funzionato sono le motivazioni gotico-romantiche alla base della storia. Un po’ Ann Rice, un po’ Twlight. Alcuni degli episodio migliori come Lament Of Innocents e Lords Of Shadow in fondo fanno proprio leva su questi aspetti chissà se La Turborubrica del Cuore di H.R. Wells avrebbe potuto curare il cuore ferito Vladimiro Tapes.

La trama della serie è “abbastanza” a se stante prendendo spunto da diversi episodi dei videogiochi ispirandosi però in maniera piuttosto marcata al terzo episodio uscito per NES ovvero Dracula Curse. infatti Sypha Belnades, Trevor Belmont e Alucard arrivano proprio da quel gioco. Così come il fatto che Dracula voglia conquistare e distruggere l’Europa dell’Est, cambia il motivo ma il senso è quello.

Hai letto in parecchie recensioni piuttosto critiche per il fatto che la serie sembra essere troppo logorroica e prolissa come se Warren Ellis (L’autore noto per i suoi fumetti Marvel/DC/Image) avesse paura di non essere capito. Alcuni addirittura l’hanno anche definita lenta. Secondo te invece come hai già scritto hai trovato alcuni momenti eccessivamente lunghi per cercare di fare i simpaticoni. Impostazione cara anche al mondo dei comics ameriggani La Taverna, ma perché hanno speso tutto quel tempo alla taverna? Mentre in altri avrebbero dovuto forse indugiare qualche istante in più per aumentare la carica drammatica di alcune scene.

Neanche a dire che Castlevania è un serie per tutti. C’è una percentuale di gore piuttosto alta, sangue e interiora si vedono spesso come vuole la tradizione degli horror quindi spezzare il ritmo con delle sciocche situazioni comiche è stato davvero superfluo.

Ora, dopo questo assaggio, speri presto di vedere una seconda stagione realizzata tecnicamente meglio in cui i personaggi possano essere sviluppati in maniera più meritevole ma non dimentichiamoci una cosa per te essenziale: Vogliamo davvero dare una profondità psicologica e narrativamente importante a dei personaggi creati con l’unico scopo di uccidere Dracula? Perché oh, il videogioco è questo! Draculino vuole bersi tutti in un sol fiato. La famiglia Belmont da la caccia ai vampiri con la loro frusta magica. Si parte per il castello e si sconfigge Dracula (se ci si riesce) Fine Stop e gioco voto 9. Davvero dici davvero, qualche volta un po’ di leggerezza non guasterebbe. D’altronde criticare questa serie approcciandolo come fosse un romanzo russo di inizio secolo, potrebbe, forse ci mancherebbe, anche per caritè, non essere la chiave giusta per interpretare e analizzare questa serie. Oh poi fate voi!

 

 

Castlevania Teaser Trailer Netflix

1495695662-picsay.jpg

Questa mattina aprendo il feed dei siti che segui quotidianamente per sfamare la tua scimmia hai scoperto che è uscito il primo teaser trailer della serie animata dedicata a Castlevania che andrà in onda su Netflix a partire dal 7 Luglio di quest’anno.

La prima stagione sarà composta da quattro episodi di trenta minuti ciascuno mentre la seconda stagione è già in programma per il prossimo anno.

La trama seguirà le vicende dell’ultimo membro ancora in vita del clan Belmont, impegnato in un viaggio per salvare l’Europa dell’Est dall’estinzione a opera di Dracula.

Il Cornerhouse è un grande fan della saga della famiglia Belmont fin dai tempi più remoti che risalgono a quel gioiello del primo gioco per il NES e quindi non si vede l’ora di poterla vedere. Siamo molti curiosi del risultato finale.

Voi cosa ne pensate? Vi piace la serie Castlevania?

Vintage Friday: Nintendo 64 e i venti del cambiamento

Nes-Wallpaper-picsay_1

L’ultima console che hai acquistato quest’anno (giusto un mesetto fa sulla baia) è niente meno che un nintendo 64 ancora con box. Questa console è stata vittima di un cambio generazionale da cui Nintendo probabilmente non si è ancora ripresa o dal quale continua cocciuta con le sue strategie di Marketing alle volte suicide. Venti Anni Fa videogiochi erano sinonimi di Mario e Sonic oggi si parla solo più di Ps4.

Le ultime tre console Nintendo sono sicuramente figlie delle considerazioni del paragrafo precendete tant’è che oggi (vedremo dopo l’uscita di Nintendo NX cosa succederà) Wii e WiiU sono considerate console da affiancare alle ammiraglie Ps4 e XONE però bah….

Pronti Noi Zi Va (Constatazione Orchesta prima di leggere l’ennesimo post nostalgia)

IMG_20150710_085020

I tuoi tempi, quelli in cui c’erano le mezze stagioni, quelle in cui videogiocare era di nicchia e da sfigati quelli in cui in ascensore almeno ci si salutava e non si guardava solo lo schermo del proprio cellulare chiaccherone, furono “scoinvolti” (nerdamente parlando) dalla dirompente diffusione dei lettori CD, dai masterizzatori e dalla opera prima di casa sony in ambito ludico la “Pleistescion”.

Grazie a questa tripletta i videogiochi “piratati” si diffusero a macchia d’olio nella maggior parte delle case dei ragazzini del tempo e il dedicare delle energie a giocare cominciò a diventare quello che è oggi cioè uno degl intrattenimenti casalinghi più diffusi. Tu cominciavi a raderti e le console ti interessavano un po’ meno. moddare il tuo PC era il collettore del tue spese dell’epoca.IMG_20150710_085144

Nintendo scottata dall’interruzione della collaborazione con Sony fece uscire con quasi tre anni di ritardo (era il 1997 in europa) il successore del mai abbastanza amato Super Nintedo (che hai venduto cretino) il Nintendo 64 che da un punto di vista tecnologico era mostruosamente più potente della controparte Sony. Peccato che…

Peccato che il Nintendo che aveva sukato duro per contrastare la SEGA (questa frase è peggio di un film porno) nei dualismo anni 90 Snes VS Megadrive vincendo per lunghi tratti la sfida ma evidentemente la lezione non è mai -ancora oggi- stata imparata.

IMG_20150710_085346

Si perchè Nintendo dormiva, la Sony stringeva accordi commerciali con la maggior case di videogiochi dell’epoca. Sony favoriva la pirateria con i giochi su CD. Nintendo si kakko sotto e continuò a utilizzare le cartucce che -dannazione- hanno capacità inferiore dei cd quindi si pheeeego il N64 ha un Hardware pazzesco, peccato che nessuno lo sfrutti. Ma Santoidddio.

Il pubblico quindi non capì mai cosa aveva tra le mani, forse le migliori versioni dei giochi nintendo tra Mario, Zelda e Donkey Kong ma chissenè con 5 mila lire posso avere un sacco di giochi e quindi il disgraziato N64 morì presto male e con pochi meno di 300 giochi a catalogo.

IMG_20150710_085240

Di nostalgia parlavamo giusto? Beh la Nintendo per te vuol dire videogiuochi e hai trovato bello provare qualcosa che ti sei perso e quindi te lo sei accattato. Eccolo li pronto a farsi fotografare nei quattro scatti che potete vedere sparsi per il post.

Con questo acquisto matto ti sei pure preso: Mario 64, Yoshi Story,Shadow Of Empire e Castlevania 64. Magari nei parliamo nei prossimi post.

Vintage Friday: I 10 Videogames che da piccolo ti facevano impazzire

Nes-Wallpaper-picsay_1L’idea per questa puntata del Vintage Friday te la data il blog di un nuovo  follower che recentemente si ha iniziato a frequetare il nostro Corner House Pub. Come te anche lui condivide la passione per i videogame e quindi la tua risposta al suo post hai deciso di pubblicarla anche qui sul tuo blog perchè magari può essere interessante.

Questi sono i dieci videogiochi che ti più di hanno fatto divertire nella tua infanzia:

10) Mortal Kombat

mortal-kombat-1-box-artwork

Non avevi mai visto tutto quel sangue e visto che su PC Street Fighter 2 era veramente inguardabile ti sei fatto regalare questo per il tuo compleanno. Appena arrivato a casa e installato nel PC il gioco non funzionò e tuo padre si incazzò.

Il lunedì il babbo andò in ufficio e i suoi studenti all’università gli spiegarono che doveva fare un disco di boot per liberare tutta una parte della ram che rimaneva bloccata dal sistema operativo. Da li iniziò la tua carriera di smanettone informatico. hai cominciato a capire i primi rudimenti del sistemi operativi DOS. Forse è il gioco che in questa lista c’entra di meno non a casa sta all’ultimo posto ma è significativo ricordalo per tutto ciò che venne dopo.

9) Sam & Max (PC)

Sam_&_Max_Hit_the_Road_artwork

é stato breve ma intenso, un weekend bellissimo (ti hanno regalato il gioco il sabato e la domenica l’avevi già finito) di cui ancora oggi ricordi perfettamente la scena più bella: Tua madre e tuo padre che ti guardavano sorridere come poche altre volte mentre il bianco coniglio ti faceva ridere come in pochi altri videogiochi.

Sam & Max è stata una dell’ultime avventure grafiche a cui hai giocato, forse dopo hai soltanto giocato a Grim Fandango,sviluppato come è ovvio che sia dalla Lucas Arts aveva una grafica migliorata rispetto a Day Of The Tentacle ma ne rispecchiava l’impostazione molto demenziale.

8)Super Mario Land (Gameboy)

Super_Mario_Land_box_art

Il titolo per gameboy uscito in europa nel 1990 sviluppato bensì da Gunpei Yokoi, già creatore di Donkey Kong è ed il primo titolo di Mario che sei riuscito a finire peccato che solo che hai che tuo cugino l’ha finito esattamente una partita prima di te.

Non essendo stato sviluppato dal suo vero padre Shigeru Miyamoto, il gioco rispetto al classico Mario Bros presenta alcune differenze con la possibilità di guidare un sottomarino e un aeroplano che non verranno più prese in cosiderazione.

7)Golden Axe

url-5

Al settimo posto c’è una piccola variazione rispetto al lista che avevi già fatto ma ti eri dimenticato di lui. Come per la posizione numero due che attende qui sotto, i gettoni spesi in sala giochi si sono sprecati. Hai invidiato i tuoi amici che avevano le console SEGA perchè poteva giocarci da casa. Da grande con uno stipendio tuo sei riuscito a superare il trauma. Ora hai una playstation ed un nintendo così non ti perdi più nulla.

6)Super Mario World

super_mario_world_box

Il Super Nintendo è stata la console più bella di sempre anche meglio della PSone. Super Mario World ti ha conquistato e hai perso il conto di quante volte hai finito il gioco. Yoshi, che chiamavi sempre “Yoshi caro” è stato il tuo animale da guardia per molto tempo.

5)Castlevania

vsCastlevaniaTitle

Ne abbiamo già parlato insieme qui. è Il gioco più difficile a cui tu abbia mai giocato. Il gioco che ha fatto nascere il tuo amore per il mondo gotico. Non sta sul podio perchè troppe volte ti ha fatto arrabbiare non riuscendo mai a superare il quarto livello ma ancora oggi se c’è un action che sempre ti garba è proprio questo.

4)Indiana Jones e Il Destino di Atlantide

Fate_of_Atlantis_artwork

Una delle migliori storie di Indiana Jones. Hai sognato per anni che ne facessero il film. Peccato che questo sogno non sia mai divenuto realtà. Ma la storia merita davvero tanto. Sai che ne esiste un fumetto uscito a metà degli anni 90 ma magari a trovarlo.

Nel gioco c’è la possibilità di risolverlo in tre modalità diverse che alla fine ad atlantide si ricongiungevano. Un sistema incredibile per l’epoca.

3)Super Mario Bros

Super_Mario_Bros_cover

La prima volta che sei arrivato a completare il primo mondo, la prima volta che hai sconfitto Broswer sei corso a svegliare tuo padre che al posto di ucciderti perchè l’avevi svegliato l’unico giorno in cui poteva dormire ti ha detto: “Bravo solo i migliori ci arrivano”. Vivevi nella casa piccola dei tuo genitori. Stiamo parlando di più di vent’anni fa. Commovente.

Invece hai poi scoperto a tue spese che il gioco non era finito ma che anzi c’erano ancora tanti altri mondi da esplorare e segreti da scoprire.

2)Stret Fighter 2

sf2f

Se al posto di giocare in sala giochi a street fighter avessi messo messo da parte i gettoni oggi saresti miliardario. Ogni parola è superflua. Gli unici titoli che hai comprato per il Super Nintendo furono lui e Street Fighter 2 champion edition.

Non pago degli 8 personaggi disponibili un sacco di volte ti sei disegnato i tuoi personaggi su dei fogli di carta li ritagliavi e tramite delle puntine gli davi il movimento. Il piccolo artigiano artista che è in te stava già venendo fuori.

Crescendo l’hai abbandonato in favore prima di Tekken, poi di Soul Calibur, ed infine di Mortal Kombat che ad oggi rappresenta il tuo picchiaduro preferito. Ma un tempo le posizioni erano invertite.

1)Monkey Island 1 e 2

418746b6b2032c1bb4d01557c3217736

Da piccolo le avventure grafiche erano il tuo genere preferito, la presenza di tre titoli su dieci mi sembra una conferma a riguardo e quel pirla di Guybrush Threepwood era il tuo migliore amico. Ancora oggi senti la mancanza di un divertimento così. Io sono la gomma e tu la colla, guarda la una scimmia con tre teste!

hectormara_130303_1419_32

Pirata: Hai le maniere d’un mendicante.
Guybrush: Volevo essere sicuro che tu fossi a tuo agio con me.

Vintage Friday 1. Castlevania

Nes-Wallpaper-picsay_1

Inauguriamo questa rubrica, per ora bisettimanale, in cui racconti dei tuoi primi passi nel mondo videoludico attraverso piccoli commenti trascorsi ai giochi che ti hanno iniziato a questo mondo.

castlevania-wall

Come tutti i bambini nati negli anni 80, la tua prima console è stata una tra il Nintendo 8Bit (Nes) e il Sega Master System. (Per tua fortuna) è stato il Nintendo ad entrare nella tua stanza piccina picciò ricavata dalla camera da letto dei tuoi genitori che pur di darti uno spazio tutto tuo si sono sacrificati il loro. (Eroi).vsCastlevaniaTitle

Se c’è un gioco che ti ha sempre accompagnato ancora oggi con la PS3 (per ora la quattro può restare sugli scaffali dei negozi), prima ancora di Mario è stato Castlevania. Action Platform realizzato nel 1986 dalla Konami che ti vedeva nei panni del coraggioso Belmont il cui scopo era avventurarsi nel castello del vampiro per porre fine alla sua esistenza.

Castlevania_-_NES_-_Prologue

Il mondo Dark ti ha sempre affascinato e forse i primi passi nel genere li hai mossi proprio quando esploravi quel castello. Il gioco poi lo hai avuto anche per super nintendo, hai giocato a Symphony Of The Night per PSone (forse il migliore di tutti) per una settimana intera in una vacanza in campagna con amici dove Havana al posto di imboscarsi con la sua fanciulla andava in giro per la casa ad urlare “Super Level Up” . Castlevania_-_NES_-_Stage_1

Hai amato l’ormai perduto  Castlevania (Lament oF innocense) per PS2 (dovrebbe averlo una tua ex) e ti sei quasi commosso a Castlevania – Lord Of Shadows per PS3 quando in sottofondo mentre risolvevi uno dei puzzle del gioco si sentiva la musica originale del giochino nintendo. Purtroppo l’anno scorso ti hanno rubato in casa e il nintendo DS e i giochi PS3 sono stati portati via, maledetti. La violenza che il bimbo dentro di te ha dovuto subire (oltre a tutti gli altri danni) è un ferita che forse mai ti guarirà. Ma benedetto sia l’emulatore per Android per le Rom Nes almeno ora a Castlevania ci puoi giocare!

Castlevania_Hero_vf1