Archivi Blog

Giochi Uniti Regional: ci vediamo a Roma

Giochi_Uniti_Gioco_Organizzato-logo.jpg

Ciao ragassuoli, oggi un post di servizio che ogni tanto non fanno mai male e soprattutto può tornare utile per incontrarsi e svelare i volti che ci sono sotto le nostre maschere da super eroi.

Sabato 8 e domenica 9 Luglio qui all’ombra del cupolone al Macro (il museo d’arte contemporanea in via nizza -zona viale regina margherita, fermato metro B “Policlinico” e un pezzetto a piedi-) la giochi uniti organizza un evento torneistico e dimostrativo. Vi riporto la comunicazione ufficiale presa dal sito della casa editrice:

Board-Italian-gamersLogo.jpg

Giochi Uniti, in collaborazione con Ludomaniacs, Homo Ludens, Il Gufo e BIG, è lieta di annunciare la nuova tappa dell’evento che, come ogni anno, accompagna tutti gli appassionati di giochi da tavolo alla finale nazionale che si terrà a Modena il 2 e 3 settembre.

Un weekend all’insegna del gioco pensato per soddisfare i gusti dei giocatori più competitivi, ma anche dei più piccoli e delle loro famiglie grazie alla grande area di gioco e dimostrazioni allestita appositamente all’interno del Museo di Arte Contemporanea di Roma. Una occasione per riscoprire i bestseller del catalogo Giochi Uniti, Carcassonne, Catan, Fantascatti, Puerto Rico, Alta Tensione, Passa la Bomba, Acivity passando per tutti i titoli del catalogo Stratelibri tra cui non potranno mancare tutte le ultime novità e scoprire qualche succosa anteprima. Come sempre, per tutti coloro che avranno voglia di sfidarsi all’ultima partita non potrà mancare la ormai classica maratona boardgame e la sfida Fast&Play per divertirsi in compagnia dei propri amici.

Questi gli orari e il programma completo dell’evento

Sabato 8 luglio

ore 14,00 apertura dell’evento

ore 15,00 Dominion – torneo valido per il campionato nazionale

ore 15,30 Pathfinder – torneo & demo no stop

ore 16,00 Saboteur – torneo

ore 16,30 Kingsburg seconda edizione – presentazione in anteprima mondiale

ore 17,00 Deadland – presentazione in anteprima mondiale

ore 18,00 Carcassonne – torneo valido per il campionato nazionale

ore 20,00 Guilds – torneo

Dalle ore 14 alle ore 22 sarà possibile provare tutti i titoli in dimostrazione

Domenica 9 luglio

Ore 10,30 apertura dell’evento

Ore 11,00 Catan – torneo valido per il campionato nazionale

Ore 11,30 Pathfinder torneo & demo no stop

ore 12,00 Deadland – presentazione in anteprima mondiale

Ore 12,30 Kingsburg seconda edizione – presentazione in anteprima mondiale

Ore 14,00 Marco Polo – torneo valido per il campionato nazionale

Ore 16,00 Torneo BG Team – Fast&Play

Dalle ore 10,30 alle ore 19,30 sarà possibile provare tutti i titoli in dimostrazione

La preiscrizione a tutte le attività torneistiche per i circuiti nazionali è obbligatoria, eventuali iscrizioni fatte in loco non garantiranno la partecipazione ai tornei.

Per ulteriori informazioni sui tornei e iscrizioni potete contattare l’indirizzo eventi@giochiuniti.it

Per i tornei di Catan e Dominion e tutte le informazioni riguardanti le regole:giancarlo_roberto@fastwebnet.it

Per i tornei di Carcassonne e Marco Polo e tutte le informazioni riguardanti le regole:

info@boarditaliangamers.it

Salvo imprevisti tutto il Cornerhouse quindi sia Carlotta che io saremo presenti almeno per la giornata di Domenica per assistere alle presentazioni dei nuovi giochi e magari per riuscire a provare qualcosa che ancora non conosciamo.

Non credo che parteciperemo a tornei anche se Carlotta a Carcassonne è davvero imbattibile e potrebbe sculacciare un po’ di chiappette!

Quindi se avete piacere, se siete a Roma, se non avete di meglio da fare possiamo vederci li. Noi vi si aspetta! Cià

Le Case Della Follia 2ed Analisi Scenari della scatola base.

 

Love-Cthulhu-T-Shirt

Bentrovati ragassuoli, questa settimana come avete capito vi beccate un sacco di post dedicati ai giochi da tavolo che per ora la scorpacciata di cinema e finita e dobbiamo aspettare almeno sino a Spider Man prima di trovare al cinematografo di quartiere qualcosa che ci garbi.

Che poi lo sapete, l’intrattenimento fatto di dadi, cubetti in legno, miniature e cartoncino è tra i tuoi preferiti quindi, daje, non fate quelle facce che si parla di cose pheeegose (waaaa che rima) e se non trovate nessuno con cui giocare sappiate che da noi la porta l’è sempre aperta.

dark_young_of_shub_niggurath_by_dloliver-d4edrpw

Oggi parliamo ancora una volta di un gioco ambientato nell’universo ideato dallo scrittore HP Lovecraft, l’ideatore de “i miti di Cthulhu”  che tanto ti appassionano. In particolare ci concentriamo non sul fare “la recensione di un gioco” ma bensì spendiamo due parole sugli scenari della scatola base. Il gioco in questione è Le Case Della Follia 2 Edizione edito in italia da Asmodee e vede da 1 a 5 giocatori affrontare degli oscuri scenari guidati dall’app che si occuperà di fare da Master.

La precedente edizione (che si hai anche quella) invece prevedeva che un giocatore facesse il cattivo, ruolo che è sempre toccato a te e che ultimamente (perchè sei un frignone che perde) ti ha stufato quindi preferisci giochi completamente collaborativi o il classico tutti contro tutti.

Oh vi si avvisa già, nello scrivere il post hai cercato di essere il più vago possibile per evitare clamorosi spoilerazzi, ma è inevitabile che qualcosa debba venir fuori. Avvisati per cui:

Pronti Noi Zi Va

Il primo scenario “Il Ciclo Dell’Eternità” lo hai giocato tre volte, la prima in tre giocatori per assaggiare Le Case Della Follia e ne hai registrato subito un video di prime impressioni che potete vedere qui, poi lo hai giocato una seconda volta per saggiare la rigiocabilità  e una terza volta che hai interrotto per registrare il video gameplay che invece sta qui.

Lo scenario è il classico “siete in una casa stregata svelate il mistero prima che sia troppo tardi” che è risultato in tutte e tre le partite piuttosto vario presentando una sfida con diversi gradi di difficoltà. Inserendo il materiale della prima edizione ad un certo punto vi siete trovati a dover affrontare uno shoggoth mentre i cultisti si stavano facendo beatamente li fatti loro, cosa che ovviamente ti ha portato a perdere la partita.

Cornerhouse_tony_ahQuindi Il Ciclo Dell’Eternità risulta un ottimo scenario introduttivo che permette di prendere confidenza con tutti i meccanismi del gioco e permette di ambientarsi in questo modo prossimo alla follia.

Il secondo scenario “Fuga Da Innsmouth” è stato quello che ti ha fatto sudare di più. Lo avete affrontato tre volte e nelle prime due avete perso male anzi de più. Solo al terzo tentativo abbiamo visto la luce in fondo al tunnel ma il sacrificio è stato pesante. Solo un giocatore su quattro è riuscito a salvarsi grazie all’estremo altruismo degli altri che hanno rallentato la folla impazzita.

Anche questo scenario decisamente che d’azione che ha anche alternato fasi stealth è promosso a pieni voti. Forse l’indicazione della difficoltà è sbagliato oppure la verità è che siamo delle pippe immani e ci siamo sempre fatti fregare.

In termini di rigiocabilità nelle tre partite la mappa non è mai cambiata solo la posizione di alcuni PNG veniva alterata ma non le possibilità di interazione.

Il terzo scenario “Legami Infranti” invece è una versione evoluta del primo, diversa trama, con ambientazione simile ma più stimolante. Questa è stata la nostra miglior partita a Le Case Della Follia.  Possiamo tranquillamente dire che abbiamo dominato il gioco risolvendo tutti gli enigmi man mano che ci si paravano davanti. Diciamo che non l’abbiamo finito al 100% ma epicamente parlando è stato davvero un successo. Daje che se non salvi tutta la famiglia ma la bambina si è molto cinematografico!

Lo scenario non l’avete rigiocato anche perché prima di tornarci preferireste completare quelli che vi mancano.

Il quarto scenario “Alta Marea” invece dalla durata improponibile (quattro ore) si avete letto bene quattro ore è stata la missione più deludente ma non per questo lo scenario è necessariamente brutto. La missione si suddivide in due fasi, la prima esclusivamente esplorativa in cui tenta la strada di un gioco prettamente investigativo, non ci sono combattimenti e bisogna solo interagire con un gruppo di sospettati in diversi quartieri della città.

1274739233827Al termine della prima fase bisognerà indicare un sospettato e se avete indovinato succederanno delle cose se invece sbaglierete (come abbiamo fatto noi) verrete circondati da un sacco di mostri e verrete mangiati. Ops…

Il problema di questo scenario è che è davvero troppo lungo e la fase di investigazione non è resa al meglio. Per deduzione si riesce ad arrivare ad alcune conclusioni ma l’impressioni che hai avuto è che si pheeego abbiamo capito che tizio è figlio di caio e che paolina se la faceva con Sigismondo ma poi? Eh? Che dobbiamo fa?

Per questi motivi è improbabile che questa scenario lo rifarete anche se non avete vinto, dura troppo accidenti dura troppo e salvo occasioni particolari come quella che si era venuta a creare è difficile trovare tutto quel tempo per un singolo gioco.

Ora, si c’è anche una soluzione, una gabola per fregare il tempo, ossia, è possibile salvare la partita è riprenderla in un secondo momento. Molto videogame, molto saggezza ma un po’ si perde quel pathos.

Premesso che il sistema di gioco de Le Case Della Follia 2 Edizione lo hai già promosso e che lo considerate come uno dei vostri giochi preferiti tra quelli ambientati, gli american come ad alcuni piace chiamarli! Gli scenari proposti dalla scatola base sono almeno per 3 su 4 fatti bene e molto coinvolgenti. Risultano impegnativi ma mai troppo frustranti e grazie all’App a cui proposito hai anche scritto un articolo pubblicato su Lega Nerd riesce ad essere proponibile a chiunque perché basta spiegare i concetti base e poi tutto il resto viene demandato all’app.

Ma visto che amiamo tante le classifiche ecco quella degli scenari della scatola base.

  1. Legami Infranti
  2. Fuga da Innsmouth
  3. Il Ciclo Dell’Eternità
  4. Alta Marea

Nei prossimi mesi sicuramente affronterete anche i due scenari aggiuntivi gratuiti (per chi ha il materiale della prima edizione) e quello singolo a pagamento. Di tutti è tre hai già sentito parlare un gran bene per cui non vedi l’ora di poterli giocare.

Honshù Prime Impressioni

vlog.jpg

Bentrovati ragassuoli, oggi torniamo sul tutubo per chiaccherare a sproposito di un gioco da tavolo che abbiamo scoperto alla play di quest’anno dopo che avevo commesso il gravissimissimo errore di non parlarne della casa editrice in questione nel video anteprima della fiera.

Ricordate sempre che queste non sono vere recensioni ne video tutorial sono solo degli aperitivi, delle prime impressioni sui giochi che piacciono e che giochiamo qui al Cornerhouse quindi nun famo i precisini delle meenchia che tanto non serve.

Il gioco è Honshù edito in italico idioma da Playagames edizioni per 2-5 giocatori della durata di circa 30-40 minuti.

Honshù prende alcune meccaniche di giochi che già apprezzi e ne confeziona una versione “tascabile” di titoli come Quadropolis e Carcassonne in cui al posto di piazzare tessere si dovranno piazzare carte.

Lo scopo per ogni giocatore di Honshù è quello di costruire il villaggio più importante accumulando punto vittoria che vengono generati tramite le combinazioni di carte che potranno essere piazzate una sull’altra senza mai coprirsi completamente come mostri nel video.

Ogni carta rappresenta sei zone ogni tipologia di zona assegna punti in maniera diversa.

All’inizio di ogni turno c’è un’asta che determina l’ordine di gioco. L’asta si fa utilizzando la forza di una delle carte che si ha in mano che verrà giocata scoperta al centro del tavolo.

Di solito le carte che hanno un valore di forza maggiore sono un po’ meno efficaci in termini di piazzamento ma permettono di guadagnare posizioni nell’ordine di gioco.

Honshù è quindi un gradevole filler dal costo contenuto (in fiera l’abbiamo preso a quindici eurini) è facile da imparare e funziona sia con il minimo numero di giocatori sia al massimo.

Il fatto che poi si trasportabile o giocabile in qualsiasi momento lo rende un titolo davvero apprezzabile.

Ed ora godetevi il video!

Il Gioco Reale di Ur

1496648469-picsay.jpg

Bentrovati ragassuoli, il Cornerhouse, la vostra webbettola malfamata e mal scritta di fiducia vi da il benvenuto e vi invita a leggere un post dedicato ai giochi da tavolo che è tanto che non scriviamo due fregnacce a tal proposito.

Oggi racconti ai tuoi commensali e mastri bevitori di un gioco antico, ma antico, antico antico di cui la versione che hai messo in foto è quella che il tuo testimone di nozze di ha creato con le sue manine, come regalo per il tuo prossimo compleanno che arriverà a giorni.  Il gioco è Il Gioco Reale di Ur.

Pronti Noi Vi Za

Il Gioco Reale di UR si riferisce ad un gioco il cui tabellone è stato ritrovato nelle tombe di Ur che collocano questo gioco a circa 2500 anni prima di Cristo. è considerato, per tanto, uno dei più antichi giochi del mondo conosciuti ed insieme al Senet è chiaramente uno degli ispiratori per il backgammon.

Il Gioco Reale di Ur si è diffuso per buona parte del medio oriente, sono stati ritrovati anche tavole  in Iran, Siria, Egitto, Libano, Sri Lanka, Cipro e Creta. Oggi l’originale tavola è contenuta al British Museum.

Table_royal_game_of_Ur_(III_millennium_bc).svg.png

Dato che non sono mai stati ritrovate le regole “ufficiali” non è possibile ricostruire esattamente le meccaniche di gioco. Lo studioso Irving Finkel, studiando delle tavole datate circa duecento anni prima prima di Cristo, lo ha definito come un gioco di percorso e azzardo in cui ogni giocatore deve far entrare le sue pedine in una casella della sua zona di entrata e farle arrivare alla sua zona d’uscita. Il movimento è determinato dai dadi tetraedrici che possono assumere solo due valori, diciamo o bianco o nero (ci sono due facce bianche e due nere). Le pedine dei giocatori non possono occupare caselle già impegnate da altre pedine e se terminano il movimento in una casella occupata da una pedina avversaria la potranno mangiare sostituendo quella pedina con la propria.

La pedina mangiata dovrà essere rimessa nella riserva del giocatore proprietario che dovrà ricominciare il cammino di quella pedina. Il giocatore che per primo riuscirà a portare fuori tutte le sue pedine è il vincitore.

Secondo come ha riportato Finkel nel suo libro “On the Rules for the Royal Game of Ur” è possibile che il gruppo di pedine venisse chiamato Branco di Cani e per tanto il gioco potrebbe rappresentare “la corsa di due branchi di Cani”.

Hai provato il Gioco Reale di Ur per due partite e devi ammettere che un po’ per la gioia del regalo, un po’ perché giocavi con il tuo amicone alla fine ti è piaciuto. La sfiga ai dadi è un elemento che ha un peso ma l’aspetto tattico si sente. è impossibile fare piani a lungo termine ma decidere come impostare l’ingresso delle pedine, piuttosto che darsi all’attacco di quelle avversarie, piuttosto che darsi alla fuga con le proprie, hanno un suo peso certamente rilevante per il proseguo della partita. Entrambe le partite sono durate circa una mezz’oretta rendendo l’esperienza accettabile e anche avvincente.

Chiaramente oggi ci sono tantissimi giochi che hanno evoluto il concetto di giochi di percorso arricchendo un regolamento oltremodo banale con tante sfaccettature divertenti si passa dal fantasy di Talisman, ai giochi di corse e scommesse come Camel Up o alle corse automobilistiche più o meno simulate come Formula D o Rush and Bash.

Quello che ti ha davvero colpito è pensare che quattromila anni fa, si avete letto bene, quattromila, quattro zero zero zero, i sumeri (in questo caso) ma più in generale gli uomini avessero già inventato dei giochi così strutturati. D’altronde siamo abituati a pensare ai pochi ma maestosi monumenti che ci sono rimasti da ammirare e salvaguardare come le Piramidi in Egitto o la incredibile Petra che spesso alcuni aspetti cosi interessanti come “ma che facevano nel tempo libero?” vengono trascurati.

Invece, ma guarda un po’, anche loro avevano capito quando il gioco da tavolo fosse una pratica così importante da considerare di metterlo nelle proprie tombe.

Alta Tensione Unboxing

at_cover.jpg

Buongiorno Ragassuoli, quest’oggi vi tocca sopportare il tuo facciotto alle prese con lo discatolamento di un gioco da tavolo davvero gagliardo. Si tratta di Alta Tensione qui in edizione Deluxe.

Alta Tensione è un gestionale che utilizza meccaniche di asta, gestione risorse e ha un interessante sistema che simula l’andamento dei prezzi delle risorse, il cui scopo per ogni giocatore è quello di gestire un impresa che produce energia elettrica al fine di portare elettricità al maggior numero di città.

Il gioco risale al 2004 ma non per questo non riesce a reggere il confronto con titoli gestionali più moderni, anzi è decisamente migliore (almeno secondo te).

Come hai scritto sulla paggina feisbuk (ah se non siete iscritti provvedete subito) questo è il primo di una serie di video che hai registrato quest’inverno ma che per un motivo o per un altro non sei riuscito a far uscire prima. Sarà un bel giugno per il Cornerhouse sul tubo.

Enjoy It