Archivi Blog

Le Case Della Follia 2ed Analisi Scenari della scatola base.

 

Love-Cthulhu-T-Shirt

Bentrovati ragassuoli, questa settimana come avete capito vi beccate un sacco di post dedicati ai giochi da tavolo che per ora la scorpacciata di cinema e finita e dobbiamo aspettare almeno sino a Spider Man prima di trovare al cinematografo di quartiere qualcosa che ci garbi.

Che poi lo sapete, l’intrattenimento fatto di dadi, cubetti in legno, miniature e cartoncino è tra i tuoi preferiti quindi, daje, non fate quelle facce che si parla di cose pheeegose (waaaa che rima) e se non trovate nessuno con cui giocare sappiate che da noi la porta l’è sempre aperta.

dark_young_of_shub_niggurath_by_dloliver-d4edrpw

Oggi parliamo ancora una volta di un gioco ambientato nell’universo ideato dallo scrittore HP Lovecraft, l’ideatore de “i miti di Cthulhu”  che tanto ti appassionano. In particolare ci concentriamo non sul fare “la recensione di un gioco” ma bensì spendiamo due parole sugli scenari della scatola base. Il gioco in questione è Le Case Della Follia 2 Edizione edito in italia da Asmodee e vede da 1 a 5 giocatori affrontare degli oscuri scenari guidati dall’app che si occuperà di fare da Master.

La precedente edizione (che si hai anche quella) invece prevedeva che un giocatore facesse il cattivo, ruolo che è sempre toccato a te e che ultimamente (perchè sei un frignone che perde) ti ha stufato quindi preferisci giochi completamente collaborativi o il classico tutti contro tutti.

Oh vi si avvisa già, nello scrivere il post hai cercato di essere il più vago possibile per evitare clamorosi spoilerazzi, ma è inevitabile che qualcosa debba venir fuori. Avvisati per cui:

Pronti Noi Zi Va

Il primo scenario “Il Ciclo Dell’Eternità” lo hai giocato tre volte, la prima in tre giocatori per assaggiare Le Case Della Follia e ne hai registrato subito un video di prime impressioni che potete vedere qui, poi lo hai giocato una seconda volta per saggiare la rigiocabilità  e una terza volta che hai interrotto per registrare il video gameplay che invece sta qui.

Lo scenario è il classico “siete in una casa stregata svelate il mistero prima che sia troppo tardi” che è risultato in tutte e tre le partite piuttosto vario presentando una sfida con diversi gradi di difficoltà. Inserendo il materiale della prima edizione ad un certo punto vi siete trovati a dover affrontare uno shoggoth mentre i cultisti si stavano facendo beatamente li fatti loro, cosa che ovviamente ti ha portato a perdere la partita.

Cornerhouse_tony_ahQuindi Il Ciclo Dell’Eternità risulta un ottimo scenario introduttivo che permette di prendere confidenza con tutti i meccanismi del gioco e permette di ambientarsi in questo modo prossimo alla follia.

Il secondo scenario “Fuga Da Innsmouth” è stato quello che ti ha fatto sudare di più. Lo avete affrontato tre volte e nelle prime due avete perso male anzi de più. Solo al terzo tentativo abbiamo visto la luce in fondo al tunnel ma il sacrificio è stato pesante. Solo un giocatore su quattro è riuscito a salvarsi grazie all’estremo altruismo degli altri che hanno rallentato la folla impazzita.

Anche questo scenario decisamente che d’azione che ha anche alternato fasi stealth è promosso a pieni voti. Forse l’indicazione della difficoltà è sbagliato oppure la verità è che siamo delle pippe immani e ci siamo sempre fatti fregare.

In termini di rigiocabilità nelle tre partite la mappa non è mai cambiata solo la posizione di alcuni PNG veniva alterata ma non le possibilità di interazione.

Il terzo scenario “Legami Infranti” invece è una versione evoluta del primo, diversa trama, con ambientazione simile ma più stimolante. Questa è stata la nostra miglior partita a Le Case Della Follia.  Possiamo tranquillamente dire che abbiamo dominato il gioco risolvendo tutti gli enigmi man mano che ci si paravano davanti. Diciamo che non l’abbiamo finito al 100% ma epicamente parlando è stato davvero un successo. Daje che se non salvi tutta la famiglia ma la bambina si è molto cinematografico!

Lo scenario non l’avete rigiocato anche perché prima di tornarci preferireste completare quelli che vi mancano.

Il quarto scenario “Alta Marea” invece dalla durata improponibile (quattro ore) si avete letto bene quattro ore è stata la missione più deludente ma non per questo lo scenario è necessariamente brutto. La missione si suddivide in due fasi, la prima esclusivamente esplorativa in cui tenta la strada di un gioco prettamente investigativo, non ci sono combattimenti e bisogna solo interagire con un gruppo di sospettati in diversi quartieri della città.

1274739233827Al termine della prima fase bisognerà indicare un sospettato e se avete indovinato succederanno delle cose se invece sbaglierete (come abbiamo fatto noi) verrete circondati da un sacco di mostri e verrete mangiati. Ops…

Il problema di questo scenario è che è davvero troppo lungo e la fase di investigazione non è resa al meglio. Per deduzione si riesce ad arrivare ad alcune conclusioni ma l’impressioni che hai avuto è che si pheeego abbiamo capito che tizio è figlio di caio e che paolina se la faceva con Sigismondo ma poi? Eh? Che dobbiamo fa?

Per questi motivi è improbabile che questa scenario lo rifarete anche se non avete vinto, dura troppo accidenti dura troppo e salvo occasioni particolari come quella che si era venuta a creare è difficile trovare tutto quel tempo per un singolo gioco.

Ora, si c’è anche una soluzione, una gabola per fregare il tempo, ossia, è possibile salvare la partita è riprenderla in un secondo momento. Molto videogame, molto saggezza ma un po’ si perde quel pathos.

Premesso che il sistema di gioco de Le Case Della Follia 2 Edizione lo hai già promosso e che lo considerate come uno dei vostri giochi preferiti tra quelli ambientati, gli american come ad alcuni piace chiamarli! Gli scenari proposti dalla scatola base sono almeno per 3 su 4 fatti bene e molto coinvolgenti. Risultano impegnativi ma mai troppo frustranti e grazie all’App a cui proposito hai anche scritto un articolo pubblicato su Lega Nerd riesce ad essere proponibile a chiunque perché basta spiegare i concetti base e poi tutto il resto viene demandato all’app.

Ma visto che amiamo tante le classifiche ecco quella degli scenari della scatola base.

  1. Legami Infranti
  2. Fuga da Innsmouth
  3. Il Ciclo Dell’Eternità
  4. Alta Marea

Nei prossimi mesi sicuramente affronterete anche i due scenari aggiuntivi gratuiti (per chi ha il materiale della prima edizione) e quello singolo a pagamento. Di tutti è tre hai già sentito parlare un gran bene per cui non vedi l’ora di poterli giocare.

Campionato Del Mondo di Formula D. Gara 1.

1494178786-picsay.jpgRagassuoli, è con immenso piacere che questa webbettola Il Cornerhouse’s Pub vi comunica che il grande campionato di Formula D 2017 è finalmente iniziato. L’evento che l’anno scorso ha visto la trionfare la Cornerhouse Gp all’ultima gara è iniziato con alcune modifiche al regolamento per rendere ancora più interessante il mondiale.

Formula D è un gioco da tavolo di cui potete trovare la recensione qui in ogni giocatore controlla una monoposto di Formula 1. Il gioco essendo guidato dai dadi in cui ogni dado (con un numero di facce sempre maggiore) rappresenta una marcia diversa è fortemente dipendente dalla fortuna ma per certi aspetti è comunque possibile controllare il fato. Certo contro la serata storta con i tiri di dado non c’è appiglio ma quando e quanto azzardare sarà a discrezione del giocatore.

Il nostro mondiale ha anche quest’anno cinque iscritti e un sistema di punteggio similare a quello attuale della Formula 1. Il numero di giri è stato alzato a tre per garantire anche un certo livello di strategia per la gestione dei box. (Prima giocavamo su due giri)

Formula D è uno dei giochi più apprezzati da Suocero che non manca mai di proporlo e  inoltre non perde mai occasione di vantare i suoi successi con amici e parenti.

La prima tappa del mondiale si è tenuta in India sulla pista di Buddh (oh è scritto bene così fidatevi) e ha avuto la seguente griglia di partenza:

  • Suocero
  • Pollofifo
  • Mary
  • Carlotta
  • Cornerhouse

Primo giro.

Alla prima curva, Suocero tiene la testa della corsa, mentre Carlotta riesce a risalire in terza posizione e a combattere per tutto il primo giro per la seconda posizione con Pollofifo. La battaglia infatti ha visto i primi tre consumare maggiormente le gomme obbligandoli a considerare la sosta ai box.

Suocero decide quindi di fermarsi ai box mentre Carlotta e Pollofifo hanno proseguito pensando di poter gestire comunque le gomme.

Anche Mari e la Cornerhouse sono obbligati a fermarsi i box che nel frattempo erano rimasti indietro. (Lego Darth Vader era già inferocito per la pessima gara sin qui disputata dal suo team).

IMG_20170508_093132_674-614x614.jpg

La Cornerhouse GP

Secondo Giro.

Il secondo giro ha visto Suocero recuperare il distacco dalla coppia di testa la quale ha dovuto mantenere un guida piu prudente per non consumare i propri punti gomma, mentre nelle retrovie la Cornerhouse gp riesce finalmente a ingranare e a recuperare una posizione sulla Mari. (Nel frattempo ai Box Lego Darth Vader aveva già fatto le prime vittime) Ma è proprio al termine del secondo giro che si determina gran parte del risultato di gara. Carlotta si ferma ai box riuscendo a tagliare il traguardo ancora in testa seguito da pollofifo che a sorpresa azzarda una strategia senza sosta ai box e da suocero che ha ricucito completamente il gap con i primi due. Veramente un gran giro di Suocero, complimenti a lui!

Terzo giro

Alla prima curva Suocero passa in testa e per tutto il giro non farà altro che amministrare il distacco mentre la Cornerhouse Gp arriva giù come un treno per tentare di giocarsi un posto sul podio. Ad un certo punto hai addirittura pensato di poter arrivare secondo ma non te la sei sentita di azzardare troppo su una curva e quindi Carlotta è riuscita a starti davanti. (Buuu hai avuto paura Buuuuu)

Suocero taglia il traguardo in testa, seguito da Carlotta mentre è solo all’ultima curva che si decide l’ultimo gradino del podio in cui la Cornerhouse Gp uscendo più forte da quella curva riesce ad agguantare un insperato posto sul podio.

IMG_20170507_024906_891-614x587.jpg

L’ordine d’arrivo

La classifica dopo la prima gara

  • 25 – Suocero
  • 18 – Carlotta
  • 15 – Cornerhouse
  • 12 – Pollofifo
  • 10 – Mari

L’albo d’oro del tracciato

  • 2016 – Cornerhouse
  • 2017 – Suocero

Considerazioni sulla pista.

Pack Espansione 5

La pista di Buddh è un tracciato veloce che ha due punti chiave, il primo tratto composto da un brevissimo rettilineo di partenza e due curve lente. Affrontare bene questo tratto può essere determinante per scappare via.il secondo invece è il tratto lento che arriva subito dopo il rettilineo opposto ai box. Riuscire a fare bene quel tratto può invece essere un buon sistema per recuperare posizioni.

A tuoi gusto personale preferisci circuiti più lenti come Monaco e Valencia che avendo molte curve lente generano sempre gare tirate sull’ultimo.

Le due gare che avete disputato su questa pista, hanno visto sempre vincere chi è partito meglio e che fosse in testa dopo il primo tratto di gara.

Il Pack cinque contiene anche la difficilissima pista di Baltimora un tracciato lento e molto tortuoso di cui parleremo quando ci sarà la terza gara del campionato.

Vlog Febbraio 2017

VLOG6

Eh si, già lo sai, questa volta sei andato lungo, lunghissimo. Praticamente ti hanno doppiato però dai alla fine il video è uscito.

Ecchice affezionatissimi frequentatori di webbettole nerd, tra un sorso di grog e di birra è arrivato il nuovo video del Cornerhouse Nerd Channel l’appendice del tutubo di questo luogo dimenticato da tutti le persone che hanno dimenticato che smettere di giocare è l’unico modo di invecchiare, male per giunta.

Di questo video sei particolarmente soddisfatto, perchè te stai a sforza’ de porta’ lo stile gagliardo del tuo pessimo modo di scrivere anche in sul tubbo.

Via quei musi lunghi da professore del lo web, qui vogliamo cialtroni e cazzarelloni doc, meglio un sorriso che una recensione fatta come l’etichetta imporrebbe, meglio una chiaccherata tra amici che tanta formalitè.

Se ve piace, siete in benvenuti, sempre. Se nun ve sta bene, oh e daje su!

Mi raccomando, piaciate la paggina sul facciabook e iscrivetevi sul tutubo che male non fa!

The Others Ira – Unboxing

wrath.jpg

Ciao ragassuoli, sul canale del tutubo del Cornerhouse continuano gli unboxing dedicati alle espansioni del gioco The Others 7 Sins, titolo realizzato da Eric Lang edito da CMON uscito in Italia grazia a Asmodee.

Oggi ci siamo fatti una delle prime espansioni dedicate al giocatore del peccato. L’ira.

Ira obbliga i giocatori dell’agenzia Faith a valutare bene quando uccidere uno dei mostri del giocatore del peccato perché il giocatore del peccato potrà spostare i suoi mostri ogni volta che uno di loro verrà ucciso. Davvero terribile.

Per affrontare questo peccato abbiamo visto che sia appropriato un approccio rapido e silenzioso.

Per chi non sapesse di che gioco si sta parlando nella descrizione del video trovate tutte le info per la recensione e l’unboxing di The Others 7 Sins.

Modena Play 2017

play2017

Ragassuoli, come molti di voi già sanno, il Cornerhouse è stato a Modena il weekend scorso in veste ufficiale ospitato dall’ufficio stampa della Play 2017.

Per quei due o tre pischelli che non sanno cosa sia, semplicemente la Play di Modena e la Lucca Comics dei giochi da tavolo, la più grande fiera italiana dedicata a questa forma magnifica di intrattenimento.

Abbiamo trascorso due giorni stupendi, facendo solo un po’ troppa coda per sederci ai tavoli (accidenti 35000 capocce son tante) ma tutto è andato bene anche se non siamo riusciti a fare proprio tutto quello che volevamo. Ma niente di grave.

Questo video è il nostro racconto, spero piaccia!

Enjoy It