Archivi categoria: snes

Super Nintendo Classic Mini

1506598168-picsay.jpg

Evviva, giubilo e fuochi d’artificio! Per la seconda volta quest’anno il fidato Amazon, ti ha consegnato una console Nintendo. Olè Questa volta è arrivato pochi minuti fa, il Super Nintendo Classic Mini. Il gingillo da Collezione” che alla modica cifra di 80 crediti imperiali ti permette di giocare ad alcuni (ben o solo, decidete voi, venti) tra i più rappresentativi titoli del catalogo della console Nintendo.

Dopo non essere riuscito a procurarti il Nes Classic Mini hai veramente pedinato Amazon manco fossi una spia del MI6 pur di non rimanere fregato. Ad un certo punto eri riuscito perfino a procurarti una seconda prenotazione per sicurezza” o per darla a qualche amico nel caso in cui non fosse riuscito a prenotarla.

L’elenco dei titoli è succoso ma forse incompleto diciamo che dal tuo punto di vista di sono due grandi mancanze ossia Batman Returns e TMNT Turtles In Time, secondo altri ne mancano altri e come tutte le cose la verità è nel mezzo. L’unica certezza è che Nintendo ha fregato tutti facendoci sentire la romantica necessità di avere questa console, questo piccolo soprammobile che forse per tanti non vuol dire niente ma per te invece ha il sapore amaro del rimpianto.

Lo hai scritto in lungo e in largo su questa webbettola: Il SNES è uno dei tuoi più grandi rimpianti videoludici. è un rimpianto perché non te lo sei goduto. Era il tempo delle scuole medie e con tuo padre che ti faceva già frequentare il Politecnico di Torino stavi entrando nella fase smanettona di smontare e montare il tuoi primi pc, installavi i primi modem e non dormivi la notte pensando al giorno in cui avresti avuto un 386 o addirittura una SoundBlaster. Altri tempi. Certo. Così alla fine il tuo SNES lo hai avuto per poco tempo per poi rivenderlo, hai giocato a parecchi giochi ma ne hai posseduti solo tre: Super Mario World, Street Fighter 2 e Street Fighter 2 Turbo. Oggi rimpiangi di non averlo tenuto, ma prima o poi, la baia te ne farà arrivare uno da mettere sotto alla tv a far presenza insieme a tutte le altre console perché forse Super Mario World è nell’olimpo dei giochi più importanti della tua infanzia.

Questo è l’elenco dei giochi preinstallati nel dispositivo

  • Contra III The Alien Wars
  • Donkey Kong Country
  • EarthBound
  • Final Fantasy III (in occidente: Final Fantasy VI)
  • F-ZERO
  • Kirby Super Star
  • Kirby’s Dream Course
  • The Legend of Zelda: A Link to the Past
  • Mega Man® X
  • Secret of Mana
  • Star Fox
  • Star Fox 2
  • Street Fighter® II Turbo: Hyper Fighting
  • Super Castlevania IV
  • Super Ghouls ‘n Ghosts®
  • Super Mario Kart
  • Super Mario RPG: Legend of the Seven Stars
  • Super Mario World
  • Super Metroid
  • Super Punch-Out!!
  • Yoshi’s Island

Alcuni Titoli li hai provati tramite emulazione come Donkey Kong e Yoshi’s Island altri invece saranno per te nuovi incontri come Super Mario RPG. Ma tanto diciamolo c’è MarioWorld, c’è Zelda e Castlevania. Tutto il resto per te è un di più, piacevole certo ma non indispensabile.

Ora qualche informazione tennica:

Nella confezione trovate:

  • SNES mini
  • Cavetto HDMI
  • Cavetto USB per l’alimentazione
  • Due Controller
  • Manuale di Istruzioni.
1506598240-picsay.jpg

Non è bellissimo

Per gli amanti della critica secondo Digital Foundry l’hardware del Mini Nes e di questo Mini Super Nes sarebbero identici. Infatti troviamo la stessa scheda madre Allwinner R16 SoC con quattro ARM Cortex A7 e ARM Mali 400 MP2 come GPU. Il singolo chip di memoria proviene da Hynix e si tratta di un modulo 256MB DDR3, oltre a 512MB di memoria NAND per l’immagazzinamento dati.

Ciò che cambia è certamente il parco software per l’emulazione. Sviluppato da una divisione di Nintendo Europe l’emulatore principale è in grado di emulare non solo il sistema base del Super Nintendo, ma anche una serie di sistemi specifici che hai tempi giravano sul SNES come Super FX e Super FX2, oltre all’upgrade SA1 utilizzato da Super Mario RPG e Kirby Super Star.

Insomma per farla breve. A loro non è costato quasi nulla realizzarlo a noi costa più del Mini Nes. Ma dato che ti stanno vendendo un ricordo, beh alla fine sei felice di aver speso sti dannati crediti imperiali.

Annunci

Vintage Friday – Donkey Kong, Fallimenti e Fango e Futurismo

Nes-Wallpaper-picsay_1

Si, finalmente ritorna anche il Venerdì retrò, quello in cui si parla dei giochi vintaggi che va così di moda oggi giorno. Buuuu piessequattro non si fanno i giochi belli come quelli di una volta, quelli veri, quelli divertenti, quelli che quando pollofifo (quindici anni) ti guarda e ti dice ma che merda di grafica!

Oggi una bella carrellata di tre titoli per la console più bella di sempre il Super Nintendo (SNES): Partiamo con due giochi di corse ed infine con quello che per il momento è un tuo snervante e stressante fallimento ludico.

Come i più zuzzurrelloni avranno notato nel titolo del post ci sono tre “Effe” Fallimento, Fango e Futurismo beh ad ogni parola il suo giuochino.

F-Zero.

2363818-snes_fzero_gb

La prima “F” non sta solo per F-Zero ma ovviamente per futurismo, un gioco arcade di corse futuristiche nettamente al di sopra di ogni altro gioco di corse del tempo. Adrenalico e gagliardo si è perso dopo la terza versione su gamecube, chi è sempre stato convinto che wipeout fosse un gran gioco beh… questo è mille ma mille volte meglio e ancora oggi è divertente giocarci. Questo insieme a Mario Kart (il primo) è il miglior gioco di Corse su SNES.

Il gioco è difficile il giusto e ti stai divertendo non poco.

Super Off-Road

30945_front.jpg

Seconda Effe, Effe di Fango, Effe sporca di olio motore e sterrato, Super Off Road è la trasposizione per SNES di un giochino che hai divorato sul tuo “386”. Ti ricordi ancora quanto ti ci divertivi, ripreso vent’anni dopo, è andata un po’ meno bene. Si, è divertente ma decisamente ripetitivo. Purtroppo si invecchia e il tempo con Super Off -Road non è stato particolarmente clemente.

Donkey Kong Country

69847-donkey-kong-country-snes-front-cover.jpg

A detta della stampa -specializzata- Donkey Kong Contry è uno dei migliori Platform di sempre e fu anche graficamente un evento pazzesco quando usci per la gloriosa console nintendo. Oggi il platform bidimensionale è un genere che non esiste praticamente più forse solo qualche “giochino” per smartform cerca di ricrearne l’atmosfera ma di quelli che hai provato nessuno ha lo stesso sapore, vuoi principalmente per i personaggi, Kong e Mario difficilmente si battono. Dopo questi giochi venne Mario 64 è da li cambio tutto ma questa è un’altra storia.

Questa è la storia della terza e ultima Effe che da il titolo al post; Effe di Fallimento – si, sei dannatamente incastrato a questo gioco- Sei bloccato nel secondo mondo nel suo secondo livello, quello in miniera con i binari ma Frack quant’è difficile. Hai visto molti video sul tubo di gente che supera quel livello ma niente tu non ci sei ancora (dopo mesi) riuscito, ma per iddio ci sono alcuni salti che niente sei vecchio e non riesci a farlo. Shame on You. Ti toccherà camminare smutandato per King’s Landing con il gamberetto di fuori.

Con tutte le volte che hai tentato quel livello avresti certamente terminato tre titoli a caso di Assassin’s creed e questo è un’altro di quei discorsi da anziani che fa sempre piacere ricordare. Ah non ci sono più i giochi di una volta.

Lego Darth Vader è felice che il suo umile scribacchino di fregnacce conosciuto ai più come Mastro Birraio sia tornato a parlare della sua vintaggia fanciullesca ed è convinto che sia cosa gradita anche per voi ragassuoli lettori e affezionati del CornerHouse.

PS.

C’è un vecchio post (questo qui) dove vi si spiega come trasformare il vostro chiaccherone con l’androide in una figosissima console vintage!

Vintage Friday: Turtles In Time e Tournament Fighters (SNES)

Nes-Wallpaper-picsay_1

Complice il recupero da parte di tua madre delle tue action figure delle tartarughe ninja, che pubblicherai su Instagram, hai colto l’occasione per rigiocare a due divertentissimi titoli per SNES: Turtles In Time e Turtles Tournament Fighters..

Pronto Noi Zi Va (che in lingua orkesca vuol più o meno dire Cowabunga)

cornerhouse_Turtles_in_Time_(SNES_cover)

Turtles In time, sviluppato da Konami, uscito prima nelle sale giochi nel 1991 e poi convertito, sempre da Konami nel 1992 per Super Nintendo, è un picchiaduro a scorrimento orizzontale (i classici giochi di un tempo) in cui le nostre amate tartarughe ninja viaggeranno nel tempo per cercare di tornare a casa e salvare New York (e la sua statua) da Kraag e Shredder.

Questa genialata dei viaggi del tempo ha dato modo alla konami di realizzare un picchiaduro, che per loro natura sono inevitabilmente ripetitivi, molto vario dal punto di vista grafico e quindi il senso di dejavù che riempie questo genere di giochi si fa decisamente sentire meno.

cornerhouse21211.jpg

Turtles In Time ha stile da vendere ed è molto molto divertente. Lo stile fumettoso è molto azzeccato, la grafica ricorda molto il cartone animato di cui andavi pazzo da fanciullo e le quattro tartarughe sono ben caratterizzate nel loro stile di combattimento. Donatello che colpisce a distinza ti è sembrato un buon modo per iniziare il gioco nonostante sia Raffaello la tua tartaruga preferita.

Il gioco è piuttosto impegnativo anche a livello Medio in cui ti sono serviti tutti i “Continue”, la sacca dei gettoni, per portarlo a termine in 36 minuti. Ah cavolo era una vita che non pensavi più al Game Over, a quanto il gioco finiva insieme ai tuoi gettoni e ti incavolavi perchè c’erano pezzi davvero frustranti. Sono cambiati in tempi e i modi di giocare sicuro, ma è altrettanto vero che i bambocci di oggi non hanno minimamente idea di cosa voglia dire impazzire dietro a Castlevania o a Ghost’n Goblin.

cornerhouse_turtles-in-time-snes-shredder-fight-boss-battle

Questo gioco è il classico esempio di un prodotto di qualità che nonostante sia un giochino di ben 23 anni quindi quasi di età jurassica, tiene botta ai tanti kili di giochi che escono ogni giorno. Eppure non c’è neanche un poligono.

Sia Lego Darth Vader che Jim se la sono spassata con questo gioco quindi non possono far a meno di approvare e consigliare Turtles In Time.

cornerhouse_ewj8Secondo titolo in gioco questa settimana è Tutles Tournament Fighter. Picchiaduro ad incontri (alla street fighter per capirci) sviluppato da Konami ed edito per Super Nintendo, Megadrive e incredibilmente anche per NES tra il 1993 e il 1994.

2265793-teenage_mutant_ninja_turtles_tournament_fighters

La versione per SNES è maledettanebte pheega e se la può giocare tranquillamente con il mai abbastanza amato Street Fighter 2. Le modalità di gioco sono piuttosto varie: modalità storia, il tournament e il versus contro un giocatore o contro la CPU.

cornerhouse10422

Forse più di Turtles in Time, Tournament Fighters ti è risultato difficile anche ai primi livelli di difficoltà, al quarto livello cioè lo standard è stato davvero duro vincere gli incontri. Gli avversari parano e sanno fare attacchi alti e bassi combinandoli nonostante il gioco mette a disposizione solo quattro testi due per i pugni e due per i calci mentre SF2 ne aveva sei. Tre pugni (leggero,medio,forte) e tre calci.

Anche in questo caso Konami ha svolto un lavoro egregio da un punto di vista grafico e delle animazioni. Certo, tutto puzza di clone, alcuni fondali come lo stesso Shredder che sembra un Ryu pieno di stereoidi, ricordano sempre SF2 ma è innegabile come Tournament Fighters sia la miglior copia in circolazione del titolo Capcom, con pace di tutti gli amanti del Neo Geo. Se proprio dobbiamo trovarne un difetto lo possiamo trovare nella inferiore sensazione di potenza dei colpi andati a segno rispetto a Street Fighter rendendo alle volte quasi inaspettata la vittoria o la sconfitta.

Lego Darth Vader e Earthworm Jim hanno giocato meno a questo gioco rispettto a Tutles In Time ma non possono che consigliarlo a tutti gli amanti dei picchiaduro Old Style.

cornerhouse_ewj8

Vintage Friday: Dov’è finita la mia mucca?

Nes-Wallpaper-picsay_1

Eccoci al consueto appuntamento del venerdì. Evento Talmente Pheeeego (ETP) che ormai vanta chili e chili di imitazioni riuscite meglio. Ta Tan! Benvenuti al Vintage Friday. Oggi si chiacchera di un giochino per SNES sono i più colti di voi saranno stati capaci di cogliere la citazione! Tutti gli altri: beh…. bh beeeeee Muuuuuuu .

Pronti Noi Zi Va (Motto orchesco quando piazzano una mucca su di una catapulta!)

cornerhouse_earthworm-jim

Earthworm Jim uscito nel 1994 prima per Megadrive e poi convertito per tutte le altri principali piattaforme ludiche del tempo (la tua versione è quella per SNES) è un platform 2D davvero originale e divertente. Il gioco è stato sviluppato da Shiny Entertainment e pubblicato da Virgin Interactive.

La trama del gioco fa capire fin da subito con cosa abbiamo a che fare. Il cacciatore di taglie spazziale Psicorvo (Psy-Crow che si legge quasi come PSAICO) sta portando alla regina “culone da lumaca” la super tuta spaziale dal mirabolante nome di TUTA. Psy-Crow nonostante il suo nome trasudi esperienza e affidabilità, seh beh guarda qui quanta affidabiltà:

cornerhouse_Psycrow-1Dicevi, Il Corvo spaziale viene derubato della sua tutina e accidentalmente la TUTA precipita sulla terra e un insignificante verme ci si infila dentro acquistando degli incredibili super poteri. Da Tan!

Come potere immaginare il corvo farà di tutto per riavere la TUTA da portare alla sederona ma Jim il verme-lombrico ormai intutato oltre a essere una via di mezzo tra se stesso e Mister Fantastic riesce pure ad udire una coversazione tra il corvaccio e la regina tutta culo in cui capisce che sua signoria ha una sorella gemella che al contrario di lei è una gnocca da paura. Jim non può esimersi dal voler tentare un approccio da lumacone con le sorellina pheeeega della regina! Ovvio no?

Earthworm Jim è un gioco che fa dell’ironia uno dei suoi punti di forza. Tutto a partire dai protagonisti ti conquista in un lampo. Il nostro Eroe è talmente folle e bizzaro che potrebbe entrare tranquillamente nello staff del blog. Quasi quasi potremmo proporglielo…

Ad ogni modo, dicevamo, si diceva, si, dunque. Il gioco è un platform di pregevole fattura e dal design piuttosto orginale e colorato che già solo nel primo livello mostra gran parte del suo potenziale e delle sue caratteristiche.

Alcuni passaggi sembrano ostici ma risolti una volta e memorizzato lo schema si superano poi agilmente. Per ora…

In pratica Jim vagherà per lo spazio alla ricerca della principessa gnocca di mondo in mondo nella speranza di trovarla. Ovviamente in ogni livello incontrà dei Boss che saranno interessati alla tuta. Il pupazzo di neve sul pianeta che sembra l’inferno… tiè!

Le animazioni sono molto curate, lasciate Jim per qualche secondo da solo e lo vedrete improvvisare siparietti di un certo livello. Anche gli sfondi  e i nemici sono decisamente fatti bene.

Anche le musiche sono decisamente ispirate!

Il gioco a suo tempo ebbe talmente successo che vennero prodotte delle action figure, dei fumetti realizzati dalla Marvel ed una serie a cartoni animata la cui voce americana è quella di Homer Simpson: Dan Castellaneta. In italia sia sulla baia che su Amazon hai trovato del materiale ma ovviamente solo in inglese.

Il Gioco ha avuto due seguiti Earthworm Jim 2 e Earthworm Jim 3D. Soprattutto la versione 3D per nintendo 64 ti ispira parecchio. Negli ultimi anni il gioco ha stato reso disponibile su Virtuaconsole per Nintendo, su Steam per PC e credi che anche XBOX(360?) e PS(3?) ne abbiamo una versione da scaricare. Nel 2008 girarono voci di un quarto episodio ma fin’ora non si è visto nulla. Quasi è un peccato.

Insomma il Earthworm Jim ti ha riconquistato e a differenza di tanti altri giochi risente molto meno dei suoi anni. Tutti coloro che hanno voglia di provare qualche vecchia gloria di vent’anni fa potrebbero darci uno sguardo. Tra l’altro potremmo anche pensare di far un post su come trasformare il proprio cellullare chiaccherone in una console portatatile di tutto rispetto, cosiccè si possa anche giocarci a spasso o sul cesso…

cornerhouse_ewj8Ah che fine ha fatto la mucca?

cornerhouse_EarthWorm