Archivi categoria: Google Android

The Last Door Episodio 1.

1505979978-picsay.jpg

Un po’ di tempo fa hai letto sulla webettola della Cupa Voliera gestita dal sempre ospitale Conte Gracula di un giochino che ti aveva subito colpito.

Si trattava di The Last Door un’avventura grafica punta e clicca tremendamente old school. L’avverbio non è messo così a caso e tra pochissimo vedremo perché. Detto ciò ti eri scaricato il primo capitolo per il tuo tablet con l’androide verde ma poi per un motivo o per un altro non ti ci sei mai messo per vedere se The Last Door potesse piacerti o meno. Questa settimana però, hai dedicato due pause pranzo per cercare di venire a capo di questa demo” per decidere se comprare tutto il pacchetto sullo store di google.

The Last Door nasce come progetto Kickstart a episodi a cura di The Kitchen Door. La Compagna è durata trenta giorni e ha raccolto £4,690 attraverso 285 finanziatori tra il novembre 2012 e il dicembre dello stesso anno.

La trama del gioco si ispira ai classici dell’orrore del 800 in particolare sembrano molto forti i riferimenti a Edgar Allan Poe. Ambientato nella Londra vittoriana impersoneremo Jeremiah Devitt il quale riceverà una strana lettera da parte di un suo caro amico Anthony Beechworth. Il suo scopo sarà quello di indagare su quanto accaduto.

tips-medium-11200-1393013267

Il comparto tennico è di difficile giudizio. Ogni riferimento è ovviamente legato alla versione Android che è quella che hai provato. Magari la verione PC è diversa. Siamo di fronte ad una decisa spinta verso il mondo 8Bit con una grafica davvero retrò che potenzialmente può spiazzare e non piacere in quanto davvero davvero low res e che spesso si rivela di difficile lettura. Il sonoro invece, è piuttosto moderno con tracce audio molto inquietanti ed effetti sonori accettabili.

Il sistema di controllo su touch screen per Androide non è perfettissimo e forse manca un po’ di precisione sull’interpretazione dei comandi, in ogni caso niente che non si possa sistemare con un aggiornamento.

A proposito gli sviluppatori hanno rilasciato da poco un aggiornamento che rispetto alla versione che avevi scaricato tu, hanno aggiunto l’italiano e migliorato un po’ di cose. Segno che non hanno proprio smesso di lavorarci. Meglio così.

images (1).jpg

Il cuore di ogni avventura punta e clicca è certamente la parte dedicata agli enigmi. Non siamo chiaramente ai livelli di una avventura Lucas come Fate Of Atlantis o Monkey Island anche se un po’ di enigmi ti hanno fatto perdere un po’ di tempo. La questione dei corvi su tutto. Per il resto sono risultati tutti abbastanza lineari e facilmente risolvibili.

Hai risolto il primo capitolo in circa un’oretta e mezza, restando incastrato una volta quindi possibile che il gioco abbia una durata complessiva tra tutti gli episodi di circa cinque, sei ore al massimo, che tutto sommato non sono malaccio per il costo richiesto.

Ciò che ti ha stupito davvero però è l’atmosfera di The Last Door. Nonostante una grafica che non può mettere paura ma al più imbarazzare, l’audio e le situazioni rendono davvero bene. Chiunque abbia letto Poe o Lovecraft ritroverà una certa inquietante familiarità che in qualche modo restituisce il senso di horror e mistero su cui si poggia la storia.

Per chi è interessato il gioco è acquistabile su GOG e Steam e Play Store di Google e Itunes Store per il melafono.

Su Androide che è la versione che stai per acquistare, il pacchetto completo costa 4,27 crediti imperiali, mentre su GOG ci viene richiesta una spesa di 8,49 crediti per la versione completa.

Annunci