Archivi categoria: Star Wars

Star Wars: L’Alba Della Ribellione. Il Commento Conclusivo.

1514896469-picsay

Bentrovati Ragassuoli, oggi partiamo con il primo post dell’anno e iniziamo subito guidati dalla (s)forza, scrivendo fregnacce su quella galassia lontana lontana, con la recensione de “L’Alba Della Ribellione” terzo e ultimo libro della trilogia “non canonica” dedicata al giovane Han Solo che racconta la sua vita da quando era uno schiavo su una nave di contrabbandieri fino all’istante prima di sedersi al tavolo con un certo pischello ed un signore anzianotto.

Parecchi post fa, avevi già scritto le tue classiche fregnacce a riguardo del primo libro e del secondo. In quest’altro post avevi scritto come la tua “missione” per le vacanze di Natale era quella di leggere tre libri, uno di questi era proprio questo, peccato che sia stato l’unico che tu sia riuscito a concludere. Vabbè dai, uno è meglio di niente.

Hai terminato la lettura con una doppia sessione infilata a scrocco tra 31 dicembre e l’1 ritagliandoti alcune ore per riuscire a farcela in tempo per nuovo anno e questo primo post. Ne è valsa la pena?

Pronti Noi Zi Va

Partiamo con il dire che questa trilogia è perfettamente integrata con le avventure che successivamente coinvolgeranno Han nella trilogia classica. Il debito con Jabba, la storia della vincita al gioco d’azzardo del Falcon e il rapporto non troppo amichevole con Lando che come sapete ne l’impero colpisce ancora incasinerà le vite nei nostri eroi. Inoltre, faranno anche la loro comparsa Boba Fett e Dash Rendar. È proprio sul rapporto tra Han e gli Hutt che si sviluppa l’intera trama ed è solo sul finire del terzo libro che fa la sua comparsa in maniera significativa l’alleanza ribelle.

Il lavoro dell’autrice Ann Carol Crispin è molto interessante. La trama sviluppata nei tre romanzi apre, sviluppa e chiude tutte le sue diramazioni. Ad ogni domanda avremo una risposta e tutto si lascia leggere piacevolmente. Alcuni momenti sono magari troppo lenti come ad esempio la parte centrale di questo libro che fatica a decollare mentre sul finale è veramente appassionante e adrenalinico. Grazie a questa trilogia sarà possibile anche apprezzare il codice etico di Boba Fett e soprattutto sarà esplorata in maniera significativa la comunità degli Hutt, vere e proprie famiglie o clan dedicate alla malavita organizzata spesso anche in contrasto tra di loro.

In questo terzo libro “L’alba della Ribellione” hai trovato (e per trovarli tu significa che erano belli evidenti) qualche refuso e qualche errore di impaginazione. Niente che ne pregiudichi la lettura ma forse si poteva correggere prima di andare in stampa. Vabbè, pazienza.

Il punto chiave di questo libro e di alcuni suoi personaggi, in particolare della donna amata da Han, Brian Tharen è che se prima avevi un sospetto su una cosa, ieri ne hai avuto la certa certezza.

Da questo punto seguono spoiler sulla trama per cui se non volete rovinarvi la sorpresa, saltate i prossimi paragrafi.

memescreenlocker

Guardando il film di Rogue One hai sempre avuto la sensazione che Cassian Andor fosse Han Solo e che Jyn Erso sia Bria ed ora  leggendo il terzo libro nei hai avuto la conferma. Rogue One è ispirato in maniera significativa alla parte centrale di questo terzo libro. Jyn è diversa caratterialmente da Bria perché le sue origini e quindi le motivazioni, sono diverse ma lo scopo della loro missione è praticamente lo stesso ed entrambe perderanno la vita nel farlo.  Rogue One è una versione meno cinica seppur più shakespeariana delle ultime ore di Brian Tharen e della sua squadra di ribelli i Red Hand. Resta in piedi invece tutta la parte di critica alla guerra e alla guerriglia su cui anche la Disney ha deciso di schierarsi. Impero o Ribelli indipendentemente dalla parte li si guardi sono due sistema portatori di morte e distruzione.

Tutto questo per dire che con buona probabilità tanto del materiale che ormai è finito “fuori” dal canone della Disney è fonte continua per il nuovo corso. Ok forse non vedremo mai Mara Jade o le tentazioni di Luke verso il lato oscuro ma ciò non toglie che in qualche modo possano aver influenzato o influenzeranno le nuove e le futuro storie di Star Wars.

[Fine Spoiler]

In conclusione L’Alba Della Ribellione non è il miglior libro della trilogia ma la conclude egregiamente. Parte fiacco ma poi sul finale si riaccende alla grande con un bel botto. L’intera opera è fedele al lavoro di George Lucas e alle caratteristiche dei suoi personaggi. Ovviamente il consiglio è di recuperare questi libri per tutti gli appassionati della nostra amatissima galassia lontana lontana che rivedranno in azione tanti dei loro personaggi cari. Per tutti gli altri è buona storia d’avventura ricca di colpi di scena e personaggi ben descritti e ben caratterizzati.

Il bollino finale vale per l’intera trilogia!

star-wars-your-empire-needs-you

 

Cià!

Annunci

Star Wars: Il Complotto Degli Hutt

corner_starwars-hansolotrilogy

Hai concluso  da qualche settimana la lettura del secondo libro della trilogia sulle origini di Han Solo, il primo libro (di cui avevi parlati qui) era terminato con Han che si era arruolato tra le fila imperiali entrando in accademia. Eccoci allora, di nuovo a parlare di libri di un certo livello.

Il complotto Degli Hutt (Scritto da A. C. Crispin, edito in italia da Multiplayer edizioni) inizia che “già” il fattaccio si è consumato: Han per salvare la vita ad uno wookie condannato a morte si fa cacciare dall’accademia riuscendo però a scappare insieme a quella palla pelosa. Indovinate un po’ di chi stiamo parlando? Ovviamente del nostro fedele e amato Chewie.

Così come nel primo libro Han da pischelletto era stato salvato dal sacrificio della cuoca wookie della nave dei contrabbandieri Dewlanna,  contrabbandieri che lo avevano allevato a pane e crimini, ora spetta al nostro correliano sdebitarsi simbolicamente che la vera e unica madre che si è presa, con affetto, cura di lui.

Da questo punto in poi il libro diventa un ottimo libro di avventura e azione ambientato con maestria nella galassia lontana lontana. Dapprima Han conoscerà Lando e vedrà per la prima volta il millennium falcon, dovrà poi sfuggire da Boba Fett ed infine si troverà al centro di un pesantissimo conflitto tra i Clan malavitosi degli Hutt e l’Impero stanco dei loschi traffici dei rospi giganti.

Se il primo libro è carino e come hai scritto nel post dedicato avevo come principale difetto un Han era poco riconoscibile qui invece la scrittrice Ann Carol Crispin, aiutata dalla presenza massiccia di molti personaggi noti, riesce con successo a caratterizzare egregiamente tutti i volti che compariranno nella storia. Finalmente si legge un libro davvero dedicato a Star Wars, non un qualcosa che discretamente ci assomiglia. Oltre al rendere perfetto il rapporto d’amicizia tra Han e Chewie  ci sono altre situazioni che sono veramente gagliarde come il sentimento d’amore che Han svilupperà per il millennium falcon e gli intrecci degni di scorsese tra i Clan Hutt in guerra tra di loro e contro l’impero.

Nonostante si tratti di un libro -di mezzo- come l’impero colpisce ancora rappresenta un apice davvero entusiasmante. Non hai ancora letto il terzo libro su cui ora le aspettative e la paura che la qualità scemi non sono poche. L’origine dell’alleanza ribelle poi è un colpo di scena che hai trovato davvero inaspettato e con buona probabilità sarà il punto su cui si svilupperà il terzo e conclusivo capitolo.

Se siete fan di Star Wars la lettura di questo libro è caldamente consigliata spiega moltissime cose, anche se la solita Disney ha trasformato il contenuto in apocrifo. Un po’ come ha fatto il libro Darth Plaguies che se letto insieme alla visione de La Minaccia Fantasma trasforma quel film in qualcosa di meglio strutturato dove gli intrighi politici e la successiva comparsa di Dooku hanno finalmente senso.

E voi cosa dite? Cosa stata leggendo ultimamente? Avete libri o fumetti da consigliare?

Star Wars La Trappola

12768-500x500-01-picsay.jpg

Torna l’appuntamento assolutamente perdibile delle letture del giovedì. Era moltissimo che non scrivevi le tue farlocche facezie a riguardo di un libro forse l’ultima volta è stata qui. Ma vuoi un viaggio in treno vuoi l’argomento ( e ti pareva, sei scontato) e il tempo per leggerti trecento pagine rilegate l’hai finalmente trovato.

Pronti Noi Zi Va (Gli Orki contro l’analfabetismo)

Star Wars La Trappola titolo originale “The Paradise Snare” traducibile con la Trappola ( o tranello)  del Paradiso scritto da Ann Carol Crispin e edito in italia da Edizioni Multiplayer (si proprio quella di quel discutibile sito di videogiochi) è il primo libro di una trilogia che ha come protagonista un giovine e sbarbatello Han Solo. Vi siete sempre chiesti perchè  Jabba e tutto il clan degli Hutt odiano il nostro eroe (puzzza più di loro?) oppure come è nata l’amicizia con Chewie (sarà per la puzza?) oppure come è andata quella volta che Han ha vinto il millennium falcon? Avrà barato? Ecco questa trilogia racconta proprio tutto questo.

La trama di questo primo libro è interessante, il libro è tradotto bene e si legge con facilità la sera prima di addormentarsi (se l’hai finito tu in poco tempo vuol dire che se po fa), che fa sempre piacere leggere di Star Wars, ed è degno di nota lo studio sulla galassia lontana lontana che l’autrice ha dovuto fare per poter inquadrare correttamente la sua storia con l’universo ideato di Lucas evitando il linciaggio su pubblica piazza da parte dei fan frignetta di guerre stellari. Le lotte interne ai clan degli Hutt (le gare di rutti) piuttosto che Corruscant sono descritte ottimamente esattamente come te le aspetti. L’unica cosa che un po’ di ha fatto storcere il naso sono stati alcuni modi di dire, frasi caratteristiche ormai note a cui han solo ci ha abituato nei film ma che in questo libro spuntano così senza un perchè, facendo un po’ contrasto con l’evoluzione del personaggio a tratti simpatica canaglia a tratti ambizioso pilota che vuole arruolarsi nell’impero.

Si tratti di piccole cose che non inficiano sul risultato finale, in fondo lo scopo dell’autrice era rendere più riconoscibile possibile il suo protagonista.  Bene per le intenzioni un pelo meno per il risultato.

Sicuramente leggerai gli altri due romanzi anche perché proprio quando le cose si fanno interessanti il libro finisce lasciandoti con la voglia di prendere il prima possibile anche gli altri due libri.

Ovviamente la Disney quando ha comprato la lucas ha chiuso la porta in faccia anche a questa trilogia, ormai lo sappiamo, loro sono il male e non abbiamo nessun modo per sconfiggerli anche perché è inutile dirlo episodio VII ha più o meno conquistato tutti, forse quando faranno il film sulle “origini” di Han Solo si ispireranno a parte di questa storia anche se inevitabilmente hanno già cambiato alcune cose come hanno raccontato nella serie a fumetti da maggio dell’anno scorso ci sta accompagnando nel vangelo di star wars secondo la Disney.

 

Ann Carol Crispin si è spenta nel 2013 a causa di un brutto male a 63 anni. è stata autrice di molte storie di fantascienza. Ha scritto per Star Wars e per Star Trek ed ha ideato la sua serie StarBridge. Oltre all’attività di scrittrice ha partecipato attivamente all’associazione americana  Science Fiction and Fantasy Writers of America. e ha fondato il gruppo “Watchdog” per aiutare gli scrittori emergenti contro editori, gli agenti e altri pericoli del mestiere.

Comic’s Thursday: Sfida Alla Nuova Repubblica

picsay-1433401432

Hai ricevuto questo fumetto in regalo grazie alla gentilezza di una fumetteria di Bologna che non potendolo vendere perchè rovinato all’interno ha lasciato che tu lo portassi via. In realtà eri disposto a pagarlo ma loro sono stati davvero onesti. Che bello che bello che bello.

Pronti Noi Zi Va (Motto orchesco per un ringraziamento collettivo)

cornerhouse_Dfrtpb

Basato sul libro: Dark Forces Rising scritto da quel Guascone di Timothy Zahn famoso per aver scritto la terza trilogia di Star Wars che millioni e millioni di fan avrebbe voluto vedere al cinema, Lego Darth Vader compreso, Sfida Alla Nuova Repubblica è l’episodio di mezzo della trilogia ma come per l’Impero Colpisce Ancora, si  rimane inconcluso, ma racconta una storia veramente avvincente.

La trilogia è ambientata circa cinque anni dopo la conclusione de Il Ritorno Dello Jedi e vede un nuovo terribile avversario per la giovane repubblica l’ammiraglio imperiale Thrawn. Mitth’raw’nuruodo è il suo nome completo, Mitch Nudo per gli amici è uno dei docici ammiragli di alto rango della flotta di Palpatine. L’unico tra l’altro a non essere umano. Prima della battaglia finale in cui il povero fratello del papà razzinchier morì, Thrawn era stato inviato lontano ai bordi della galassia e quindi al suo ritorno dopo gli eventi di Endor cerco di rimettere in piedi ciò che rimaneva dell’impero avvalendosi dei poteri mentali del Jedi Clone C’Baoth il cui scopo era mettere le mani sui figli prossimi nascituri di Leia per creare una nuova stirpe di Sith.

Le storie sono state scritte prima de La Minaccia Fantasma quindi possono contenere alcune incongruenze, non a caso quando la Disney acquistò la Lucas questa trilogia seppur magnifica è finita nelle Legends ovvero fuori dalla palle. Ma vaffancuore Disney. Gei Gei se hai fatto un film di melma maroooooo. Comincia a correre Gei Gei, corri! Corri!

Oltre ai due citati nuovi persoggi, al fianco dell’allegra combricola di Luke, Leia, Han, Chewie e Lando si uniscono altri due personaggi importanti: Il braccio dell’imperatore Miss La rossa Mara Jade per la cui realizzazione grafica si sono ispirati alla modella Shannon McRandle la quale in più occasioni ha sfilato con il custume del suo personaggio e  Talon Karrde un abile contrabbandiere.

Review_MBMaraJade_still

Mara, carina ma non troppo…

La situazione precipita per i nostri amiconi ribelli quando l’ammiraglio Thrawn riesci a mettere la mani sulla flotta Katana (astronavi di classe dreadnought credute ormai disperse dall’impero) e sugli ultimi cloni reduci dalla guerra di quasi quarant’anni fa.

ed è proprio da qui che la storia del terzo volume avrà inizio.

La cosa più bella che stai apprenzando in queste storie è il modo con cui Zahn ha saputo mantenere le caratteristiche perculiari dei personaggi della trilogia classica. Ha fatto davvero un lavoro certosino e accurato per non deludere i Fan che si sa son dei gran rompicocomeri. Ma non solo, ha saputo creare questi nuovi personaggi integrandoli perfettamente con la cumpa garantendo a tutti il giusto spazio nella storia. Mica poco eh!

Il fumetto invece riadattato da Mike Baron e disegnato Terry Dodson è un discreto volume che pur non eccelendo nelle tavole o meglio è un po’ scostante nella qualità. Niente da dire sul ritmo della storia invece che rimane sempre serrato e molto molto comprensibile.

Se amate i fumetti e amate Star Wars questa trilogia (se la trovate) compratela, sulla baia si trova a prezzi accettabili, c’è ancora il prezzo in lire e il logo Magic Press Alcuni utenti sparano grosso ma si dovranno rassegnare.

Se invece preferite i libri sono uscite da poco delle nuove edizioni dei libri. Non le hai ancora prese ma dicono che dovrebbero aver sistemato i difetti di font e ortografia che affliggevano le prime edizioni. L’ortografia in Libertè può stare solo in questo blog che va bene perchè aggggratis se c’è da pagà è meglio che sia corretto.

star-wars-your-empire-needs-you

 

Darth Vader – Il Numero 1

dv-670x684

Oggi nonostante sia il Vintage Friday non parli della tua antologica rubrica sui videogiochi d’annata ma, come ieri, il tema del post di oggi sono i fumetti. Diciamo che si tratta di un’eccezione doverosa dovuta al protagonista indiscusso del fumetto il rettor magnifico Darth Vader sosia del più celebre Lego Darth Vader capo redattore di questo blog.

Avevi lasciato sospeso il giudizio nel precedente post del numero 1 della serie di quei bravi guaglioni di Luke,Han e Leia perchè volevi farti un idea di come le due testate sarebbero state collegate e devi dire che il risultato è davvero eccellente.

Gli eventi di entrambe le serie sono collocate tra “Una Nuova Speranza” e “L’impero Colpisce Ancora” ed in questo momento Darth Vader ha perso la fiducia dell’imperatore Palpatine per commesso un gravissimo errore (no no niente spoiler, tu sei saltato sulla sedia quando hai capito di cosa si trattava ed è giusto che tutti i lettori possano sorprendersi alla notizia) e ora l’asmatico sith sta cercando di riconquistare la fiducia del suo maestro.

Questo numero è decisamente superiore al numero 1 del trio ribelle, il lavoro di collegamento tra il fumetto e i film è stato svolto egregiamente anche alcune tavole sono veramente ben fatte e ricordano tanto alcune scene dei film. La Disney sembra non voler sbagliare perchè sa che non deve sbagliare infatti per questo fumetto ha affidato l’incarico a Kieron Gillen (Thor, Iron Man e X-men) e a Salvador Larroca (X-Men e Fantastici Quattro) due maestri del genere.

L’attesa sino ad agosto sarà molto dura e per la gioia di Ysingrinus finalmente torna sul blog la donna dei nostri sogni a testimonianza della qualità del fumetto. Olè.

star-wars-your-empire-needs-you

Cornerhouse-bollino-04