Archivi categoria: Rinascita

The Flash – La Velocità del Buio

1511183629-picsay

Bentrovati ragassuoli, fedeli appassionati di questa giovine webbettola. Oggi Torniamo a parlare di uno dei tuoi super eroi preferiti commentando a casaccio, pigiano stilosamente con le tue dita a salsiccia dei tasti sulla tastiera, i numeri undici, dodici e tredici di Flash. Avevi parlato delle prima run del velocista scarlatto nel nuovo universo rinascita già in un occasione e quindi a distanza di qualche mese hai pensato fosse un bene riprendere il discorso.

La Velocità Del Buio è una storia suddivisa in tre parti uscita tra giugno e luglio di quest’anno (il 2017 per chi verrà) e vede Flash e Kid Flash  affrontare un personaggio il quale era da un po’ che non si faceva più vedere da queste parti ossia Richard Swift conosciuto come L’ombra. Ta Dan!

L’ombra è un personaggio che risale alla Golden Age, nascque come avversario di Jay Garrick ma divenne un po’ più famoso come anti eroe nella serie Starman scritta da James Robinson. Solo nel 1994 vengono ridefiniti la sua immagine vittoriana e i suoi poteri di controllo delle ombre i quali vengono riproposti fedelmente in questa storia. Stando a wikipedia l’ombra è anche presente nella classifica dei 100 migliori villanzoni dei fumetti.  Ma pensa un po’! Non male davvero.

La Velocità del Buio è una storia piacevole con alcuni risvolti romantici, non sarà certo una storia indimenticabile ma tiene compagnia e  in qualche modo, urca urca, si collega ad alcuni personaggi comparsi ne La Notte Più Profonda. Il contrasto luce e ombra, è una buona metafora per raccontare la classica dicotomia tra bene e male ( Johnny che hai mangiato oggi per scrivere un parolone del genere?). Nelle pagine finali poi ci sarà un chiaro messaggio a Flash su come gli eventi di Flashpoint avrebbero intaccato il presente, il passato e il futuro.

A livello generale ti sta piacendo molto l’impostazione che Joshua Williamson ha dato alle avventure di Barry Allen. La presenza di due Kid Flash, quello storico da cui parte la saga rinascita e uno nuovo Kid da addestrare, dà la possibilità a Flash di essere un super eroe mentore con il suo team e tutti i problemi che comporta un po’ come negli anni è successo a Batman.

Anche il rapporto con Iris West, praticamente da ricostruire da zero, ti da sempre un motivo per continuare a leggere la storia così come accade in tanti altri media dove si sa che prima o poi i due protagonisti si devono innamorare, l’importante è rendere appassionante il come arrivano a farlo.

Questi scorci di vita quotidiana di Barry Allen non c’è niente da fare, ti garbano parecchio e quindi speri che la strada futura rimanga la stessa.

A livello tennico le tavole sono state affidate per due numeri a Felipe Watanabe e non più a Carmine Di Giandomenico. Lo stile è rimasto simile ma un meno spigoloso e più morbido. Da un certo punto di vista siamo passati a qualcosa di più classico. Nel numero tredici, infine,  è stato il turno di Davide Gianfelice. In questo caso forse ci siamo avvicinati di nuovo allo stile dei primi numeri.

Tutto sommato quindi c’è una certa continuità tra i vari albi nonostante ci sia un discreto turnover per la lavorazione delle tavole. C’è spazio per tutti (oggi paroloni e citazioni waaaaa che meraviglia) pur mantenendo uno stile uniforme. Ottimo ci piace!

Eri rimasto un po’ indietro con la lettura degli albi DC Comics ma hai ricominciato volentieri, di fatti sicuramente vi sarete accorti che non ne scrivevi più tanto. Dopo l’abbuffata per scrivere i commenti a tutti i primi numeri di tutta la serie rinascita hai dovuto staccare perché si, tante cose che hai letto erano di qualità, ma altra robba ti aveva davvero annoiato.  Tutto sommato, devi essere onesto, aver variato per un periodo tra Disney e Bonelli ha dato i suoi frutti facendoti tornare la voglia di leggere le avventure di questi tizi con tutine aderenti e poteri speciali. Olè!

Annunci

Il Miglior fumetto DC Comics Rinascita

Bentrovati ragassuoli. Agosto sta finendo e un anno se ne va, di diventare grande proprio non mi va cantavano i Righeira anche se purtroppo il caldo sembra non lasciarci un attimo di sosta. Qui al Cornerhouse, però, ci si deve far forza e andare avanti lo stesso. 

è giunto il momento di chiudere il primo sondaggio di questa gagliarda webbettola. Il primo esperimento socialcoso del Cornerhouse ha riguardato una semplice domanda dedicata al mondo del fumetto: Delle nuove testate DC Comics Rinascita, quali sono quelle che vi sono piaciute di più?”.

Per quanto ti riguarda, l’esperimento è stato un successo, un grande successo. Subitissimamente va un doveroso ringraziamento speciale a tutto coloro che hanno partecipato lasciando il proprio voto segno che il tema è stato molto apprezzato.

Tutto questo ti ha spinto a decidere di continuare a cercare di coinvolgere i commensali di questa webbettola. Evviva dunque! Proverai con almeno un sondaggio al mese e alcuni dei quali avranno anche lo scopo di indirizzare il lavoro di pubblicazione dei post e perché no anche dell’appendice sul tubo.

Speri che tutto questo venga apprezzato.

Ma adesso ciancio alla bande e vediamo un po’ i risultati.

L’ultimo posto è occupato da Justice League a seguire Justice League of America segno che forse il super team Bats e soci non ha confermato le aspettative.

Un gradino sopra di loro (ma davvero?) c’è la Suicide Squad non te lo aspettavi ma poco male.

Continuando a scorrere la classifica vediamo a pari merito con suicide squad, Flash e Superman che hanno raccolto il 5,88% delle preferenze. Per Flash ti spiace perché per te è una delle serie intoccabili anche per la combinazione riuscita con Arrow e Aquaman. Anche su Superman ti aspettavi qualcosa in più.

Siamo arrivati al podio. Ta dan! Media di bronzo per due albi molto diversi tra loro. Sul gradino più basso un pari tra Cavaliere Oscuro e Lanterna Verde. Sapevi della qualità dell’albo delle Lanterne ma non ti aspettavi che la seconda testata di Batman raccogliesse quasi il 12% delle preferenze.

Al secondo posto troviamo Wonder Woman secondo Greg Rucka, accidenti era una delle prossime che volevi abbandonare ma così un po’ di dubbi ti vengono. Diana Prince ottiene il 18% delle preferenze. Un gran risultato.

Al primo posto c’è lui, colui che da solo potrebbe far campare una casa editrice (e forse in parte lo fa davvero) il nottambulo di Gotham. l’esperto di Gadget ed effetti speciali, l’allenatore di ragazzi meraviglia: Batman!

Quasi la totalità dei votanti hanno espresso la loro preferenza verso il crociato incappucciato che ha dominato la classifica con il 36% dei voti.

89f8caec0136985f9f22769345a90bae.jpg

Che dire, un risultato finale che in generale ti ha sorpreso e che certamente terrai presente per il tuo obiettivo finale ossia tagliare purtroppamente- alcune testate DC. Su JL e JLA e Cavaliere Oscuro (nonostante il piazzamento positivo) non hai quasi più dubbi, siamo a saluti anche se ti spiace per i Titani e Batman Beyond ma probabilmente si troverà modo di recuperare.

Il risultato di Wonder Woman invece ti sta mettendo in una posizione piuttosto traballante tra il continuare o il fermarsi. L’aumento di prezzo però ti fa pendere verso il lasciar andare la donna meraviglia. Superman fin dove hai letto ti era piaciuto quindi sei ancora disposto a fare un piccolo sforzo.

Con questo è tutto, grazie di cuore davvero a tutti.

 

Cornerhouse’s Call To Action! (1)

1502262669-picsay

Ragassuoli oggi è un giorno importante e di sperimentazioni. Ispirato dal lavoro dell’Orso Chiaccherone, oggi arriva il primo sondaggio der Cornerhouse!

Era da un po’ di tempo che pensavi di aumentare la partecipazione di voi ragassuoli in questa webbetola, i sondaggi possono essere in primo passo per sondare il terreno e scaldare i motori. Certo che essendo questa una webbettola molto trasversale che parla di un sacco di cose non ti aspetti che tutti votino anche perché magari chi segue il Cornerhouse per le stronzate che scrive di cinema non lo fa per i fumetti e viceversa.

é tempo di tagli sugli acquisti DC Comics perché come hai scritto in lungo in largo sul blog, il budget è quel che è, e tu vorresti riuscire anche a leggere altro oltre a DC e Bonelli. L’idea sarebbe di tagliare tra i quindici e venti crediti imperiali che equivalgono all’incirca a smettere di seguire due-tre testate DC Comics rinascita.

Il tuo desiderio è recuperare qualche Graphic Novel in cui sei rimasto indietro come la saga della Guarda Dei Topi, Il Porto Proibito o ancora gli adattamenti a fumetti dei racconti di Lovecraft ma ci sono anche tante altre cose magari anche qualche manga di breve durata.

Per questo motivo il Cornerhouse ha bisogno di voi. Dateci un consiglio: Secondo voi quali sono le testate DC Comics Rinascita irrinunciabili? Quali sono quelle che considerate davvero interessanti per cui vale pena continuare ad investire denaro.

Potete votare fino a tre fumetti e il sondaggio sarà valido sino al 23 agosto dopo di che trarremo le conclusioni!

Votate ragassuoli! Daje.

 

La Notte Degli Uomini Mostro

1501157152-picsay.jpg

Bentornati ragassuoli, baldi avventori di questi giocosa webbettola. Oggi, dopo alcuni post dedicati al’universo delle serie tivi, torniamo a parlare di fumetti e lo facciamo dedicandoci ancora una volta al nuovo corso DC ossia “Rinascita” descrivendo sempre a modo del Cornerhouse (quindi ortografia in libertè e fregnacce a ruota libera) il primo Crossover Batmaniano: La Notte Degli Uomini Mostro.

La Notte Degli Uomini Mostro è un storia che potete leggere dal numero 7 al numero 9 della testata di Batman Rinascita (quindi coinvolge Batman, Detective Comics e Nightwing) scritta da Steve Orlando e vede il team batman al completo alle prese con quattro terribili mostri che in una notte assaltano Gotham.

Dietro a tutto questo “casino” si cela la mente criminale di Hugo Strange che nell’intendo di studiare il Venom di Bane ha creato delle mutazioni genetiche che hanno portato alla nascita di quattro terribili mostro-cosi.

Fine. Stop. Trama finita. Eppure nonostante questo apparente nulla narrativo, La Notte Degli Uomini Mostro è un perfetto B-movie Godzilloso con tanta azione, ritmi serratissimi e dialoghi diretti degni di Die Hard.

Si tratta di una storia di puro intrattenimento, zero fronzoli, che si legge tutto di fiato che è un piacere. Se la prima run della Justice League fosse stata così sarebbe stata decisamente migliore.

Tutto funziona tutto gira bene ovviamente se opportunamente contestualizzato ad eccezione dello scontro/incontro tra Batman e Hugo Strange risolto in poche tavole in maniera troppo rapida e confusa. Peccato.

Quindi dopo la mezza delusione del primo arco narrativo “Io Sono Gotham” di cui abbiamo parlato qui, l’antologico di Batman recupera parecchi punti ai tuoi occhi grazie alla sagra del coato in un giorno di pioggia mentre Andrea e Giuliano incontrano Licia per caso.

Justice League Rinascita: Go Titans!

1498917615-picsay.jpgDai ragassuoli, ormai ci siamo! Con Justice League Rinascita abbiamo quasi completato il primo giro delle nuove testate rinascita e così potremo ricominciare a chiaccherare per vedere come gli antologici si sono evoluti o peggiorati a seconda dei casi in tutte le altre testate! (Spoiler: Flash e Superman, sono pheeeegose!)

Come avete letto nel precedente post dedicato al mondo DC, qui al Cornerhouse non proseguiremo l’acquisto degli albi della Suicide Squad perché a dirla tutta non ti sono piaciuti così tanto ma mantere un impegno di 8 crediti imperiale al mese. Oh pace, succede!

A proposito della Justice League, invece, avevi aspettative piuttosto alte. Infatti, già con la linea New52 le storie ti erano piaciute (qui c’è una vecchia recensione) e quindi nel frattempo che recuperavi quella serie volevi dedicarti anche a quella nuova. è giunto il tempo fatidico di rispondere alla domanda ma  Ti è piaciuta la nuova Justice League?

Pronti noi Zi Va.

Beh, in verità no. Oh,  alcuni dicono stacce! Però è così!  Sei rimasto piuttosto deluso dalle prime storie che hanno introdotto la nuova lega della giustizia, trame davvero quasi brutte quanto quelle della Suicide Squad. Caciarone, fracassone, un sacco di bah e di meh, se non fosse per i nomi dei personaggi che compongono il team l’avresti davvero lanciato dalla finestra. Se le tavole per buona parte si salvano sono le storie di Bryan Hitch ad essere prime di mordente.

L’unico aspetto di interesse e il rapporto tra Batman e il nuovo Superman che si è sostituito a quello della linea temporale new52 però niente che anche il cinema non abbia già proposto. Quindi per carità questa parte di trama è necessaria ma niente di nuovo sotto il sole. Insomma davvero un peccato.

Anche se, per onestà intellettuale va spezzata un lancia a favore di Hitch perchè oggi nel 2017 riuscire a scrivere una storia interessante dovendo creare una minaccia reale per gli esseri più forti e potenti sulla terra è davvero complesso. Forse andrebbe fatto un lavoro più introspettivo (scegliere un autore migliore?), cercare di sconvolgere un po’ la baracca altrimenti diventa solo un semplice fumetto saturo e fracassone. Davvero abbiamo voglia di leggere questo?

Titans-1-DC-Comics-Rebirth-Spoilers-Preview-8-600x922Fortunatamente questo antologico viene salvato dai Titani, la justice league dei giovini apprendisti, scritti da Dan Abnett. Il gruppo de Pischelli (come piace chiamarli qui) che proprio per via della loro natura -giovine e sbarbata- possono permettersi di essere meno infallibili e nei limiti del fumetto, più credibili. Poi la storia di Wally West è decisamente intrigante  e quindi al momento gli albi non vengono lanciafiammati già solo per questa serie.

Come avete letto sull’albo introduttivo Rinascita di cui abbiamo sparlato nella nostra webbettola qui, Wally è stato cancellato dalla linea New 52 post Flashpoint. Ora Wally è ritornato dalla forza della velocità grazie a Barry che si è ricordato di lui. Questa trama avrà sicuramente impatti sulla continuity generale quindi la portiamo avanti (ci sono anche dei collegamenti già con i numeri di Flash, verso la fine della battaglia contro Godspeed).

CYBORG_REB_1COVER_575eeb38bf00c2.46954474.jpgInfine ad accompagnare i due super gruppi, quello Senior e quello dei pischelli troviamo Cyborg -chittesencuncula- serie che vede protagonista il nostro? vostro? di chi? amatissimo Victor Stone alis Robocop DC.

La verità è che manco la volevi leggere la serie sul signor robottino di Detroit, ma se fosse andata così ti saresti perso una storia (scritta da John Semper JR) per il momento gagliarda, che mai avresti pensato di leggere perchè onestamente di Cyborg non sai praticamente, passate il termine- una beata meeenchia. Forse l’ignoranza forse l’afa, o il caldo ti avranno dato alla testa ma alla fine anche questa serie ti sta piaciucchiando.

Che dire, dopo aver stroncato Suicide Squad e non aver particolarmente apprezzato questo nuovo corso iniziale della Justice League pare evidente -almeno per il tuo gusto- che riuscire a scrivere storie sensate di gruppi di super gente in calzamaglia è decisamente difficile e spesso, troppo spesso, si finisce con il buttarla in caciara. Le uniche storie che si salvano alla fine sono sempre quelle legate alle origini dei super team. Ma non vale solo per la letteratura vale anche per il cinematografo, il primo film degli Avengers è nel bene o nel male il migliore dei tre (si anche Civil War è ‘na cagata pazzesca lo hai scritto qui). Finchè c’è la possibilità di esplorare i limiti umani di questi team si riesce sempre a tessere qualche trama interessante ma quando il gruppo è affiatato come si fa a fermare Wonder Woman e Superman? Ecco serve Doomsday! Ma non si possono fare storie tutte uguali all’altra.

Dai ragassuoli, fate i bravi, passate una buona domenica che ci si legge presto. Prima di andare però come la pensate sulla faccenda dei Super Team? Anche voi credete che sia difficile costruire delle trame decenti con loro una vola che il team è affiatato o sei tu che come al solito non ci capisci ‘na beata?

Parliamone!