[Magic] 1 – Ricominciare a Giocare a Magic. Mazzo che vince… Life Gain Deck

Cari Ragassuoli e deliziose donzelle ben trovati e ben trovate, io, il vostro affezionato Johnny oste di questa virtuale bettola dell’internet, sono lieto di accogliervi anche oggi qui nel Cornerhouse per condividere questo post colmo di ciance e facezie dall’ortografia spesso libertina, ispirato a tutti quei temi figosi che ci piacciono tanto tanto, ma suvvia, non prolunghiamoci eccessivamente in questi educatamente frivoli convenevoli che fanno danni ingenti alla SEO per cui ciancio alle bande noi zi va!

Ultimamente in tutti i progetti legati al Cornerhouse che poco alla volta si muovono sto cercando di mantenere un basso profilo. Niente “social annuziaziò” come capitava negli early days di questo blog ma solo quando l’esperienza e un bricciolo di competenza vengono fuori inizio a parlarne. Ebbene, ho iniziato a giocare di nuovo a Magic con un certa costanza, ta dan! Non in presenza, dal vivo, ma su Magic Arena, il videogioco online che in qualche modo tenta di replicare con pro e contro l’esperienza del gioco di carte fisico. Per me che sono padre, con sempre meno tempo a disposizione, marito e lavoratore sfruttato è un toccasana, Certo potrebbe non essere la stessa come vedere delle persone e giocare con loro, ma: “Hey si fa quel che si può”.

Magic è un po’ un dei miei padri nerd, come D&D, Mario e Zelda. Ho iniziato a giocare a Magic L’adunanza che andavo alle medie quindi posso dirvi che sono quasi trent’anni che conosco il gioco e lo frequento. Tuttavia negli ultimi vent’anni vi confesso di averlo abbandonato. Poi da un amico venni introdotto a Hearthstone due anni fa e da li il mio percorso per “tornare a casa” è stato segnato: Giocavo a Hearthstone ma compravo le bustine di magic, una ogni tanto che male non fa perché mi mancava l’aspetto della tattilità. Ho avuto anche una breve ma divertente parentesi con i Pokemon che sicuramente non si chiuderà visto che alla miniCornerhouse questi mostricciatoli piacciono ma magari la dirotterò verso i videogiochi. Ad ogni modo era scritto nelle stelle che qualcosa dentro di me si stava risvegliando.

Nel 2021 ho iniziato a spendere un po’ di più comprando interi box all’uscita dell’espansione e alla fine ho iniziato a passare ore su Magic Arena riscoprendo perché per me Magic è e resterà sempre uno dei migliori giochi di sempre.

Ciò che ho sempre amato e che ho cercato anche in altri giochi senza riuscire mai a colmare quella mancanza di sollazzo che che Magic mi dava era il deckbuilding. Mi è sempre piaciuto inventare o scoprire combinazioni di carte interessanti. Non sono mai stato un grande giocatore ma per altri limiti miei non per la qualità dei mazzi che ero in grado di “montare”. Non è un caso che tutti i living card game prodotti dalla Fantasy Flight Games siano passati tra le mie mani così come Keyforge senza però garbarmi allo stesso modo, mancava sempre qualcosa. L’unica eccezione per quanto mi riguarda è il gioco dedicato al Trono Di Spade che nella sua complessità e nelle sue varie sfaccettature, forse anche per una questione affettiva, mi è piaciuto parecchio.

Per questi motivi eccomi a tirare le somme della mia prima esperienza su Magic Arena con i due mazzi che ho costruito e con cui per due volte mi sono classificato “Oro” nei ranked Match. Niente di eclatante e che chiunque può raggiungere ma intanto abbiamo iniziato a togliere la polvere dalle mie capacità.

Il primo mazzo che vi presento qui è un deck bianco con una spruzzatina di verde molto aggressivo (la curva di mana è bassa, ossia ho molte carte che costano poco) composto in prevalenza da chierici e angeli che vanno in combo permettendomi di guadagnare molti punti vita e di “pompare” le mie creaturine. La lista pre-rotazione è questa (nei prossimi post vi racconterò come si evolverà):


2 Condottiero Leonid (ANB) 13
1 Sacerdote Consacrato (ANB) 9
1 Maja, Protettrice di Bretagard (KHM) 222
3 Valchiria Virtuosa (KHM) 24
2 Buco Portatile (AFR) 33
1 Chierica dell’Enclave Celeste (ZNR) 40
3 Oratore Appassionato (ANB) 10
4 Chierico Latore dell’Alba (AFR) 9
2 Prigionia Ridotta (AFR) 24
1 Vincolo di Disciplina (ANB) 4
11 Pianura (AFR) 262
1 Foresta (STX) 375
1 Foresta (AFR) 280
3 Locandiere Facoltoso (AFR) 200
3 Trelasarra, Danzatrice Lunare (AFR) 236
3 Classe del Chierico (AFR) 6
1 Foresta (ELD) 267
3 Celebrante Kor (ZNR) 22
4 Limitare del Bosco Artico (KHM) 249
2 Aspirante Luminarca (ZNR) 24
2 Unicorno Celestiale (AFR) 5
3 Cammino dei Rami Sospesi (ZNR) 258
1 Allontanare (STX) 18
2 Drizzt Do’Urden (AFR) 220

Il cuore del deck è avere in gioco nel più breve tempo possibile quindi possibilmente già in mano durante la pescata iniziale almeno due tipologie di carte: La prima sono le creature che mi permettono di guadagnare punti vita ogni volta che entra una creatura in gioco sotto il mio controllo (una delle più forti è proprio verde) e poi una creatura su cui si mettono segnalini +1+1 ogni volta che guadagno punti vita. La perfezione si ha quando ho anche in gioco l’incantesimo Classe Del Chierico (che mi permette di guadagnare il doppio dei punti di vita) e la Valchiria Virtuosa grazie alla quale se ho più di 27 punti vita pompa tutte le mie creature trasformandole in gente che mena forte.

Questo mazzo è in grado di vincere al quarto turno senza eccessivi sforzi se entrano le carte giuste. Tuttavia gli ho visto andare in difficoltà contro i mazzi che macinano carte o contro deck verdi con molti bestioni calati molto in fretta. Se mi baso sulla classifica di untapped che registra le statistiche del mazzi si riesco a far vedere che il mazzo non è così accio-accio anzi.

Il deck non è completo al 100%, ci sono ancora alcune carte che non mi convincono mentre ne esistono altrettante che mi domando se val la pena aggiungere, così come potrei raggiungere il 4x di alcune di quelle già presenti. Sicuramente se decidessi di affrontare i match classificati con maggior “competitività” dovrei prendere delle decisioni e rinunciare a carte le quali anche se mi piacciono non sono al massimo della performance in questo deck.

Nel prossimo post vi racconterò del secondo mazzo che ho costruito che si basa su un concetto di gioco che ho imparato da Hearthstone e che sulla carte mi piace tantissimo, tuttavia in questo momento, vuoi che io possa essere ancora particolarmente scarso a giocare vuoi che come archetipo non ha al momento carte veramente giocabili, mi sta facendo dannare l’anima.

Ebbene cari ospiti di questa webbettola la chiaccherata numero 747 di questo blog è giunta a termine. Vi si ricorda che stelline e commenti sono la benzina e l’unica moneta che vi verrà richiesta per partecipare a questo gioviale convitto.

Potete supportare questo blog e tutta la produzione Cornerhouse attraverso questo link di affiliazione Amazon: Facendo acquisti su Amazon partendo da questo link. Per voi non cambierà nulla, ma a me Amazon farà avere una minuscola percentuale dell’acquisto che più o meno è circa il valore di un caffè.

Se invece siete ancora più audaci e generosi e se ciò che leggete vi ha sempre sollazzato lo spirito e avete voglia di offrimi un caffè e Cornetto potete farlo qui, sul mio profilo Ko-Fi. Si tratta di un di più non necessario e semplicemente gradito. Nessuno verrà mai bloccato fuori perché non ha lasciato la mancia. Take It Easy.

Inoltre se siete fan dei socialcosi potete trovare il Cornerhouse su:

Se volete invece avere un rapporto diretto con la produzione dei contenuti di questo blog e ricevere news e aggiornamenti su tante iniziative non solo legate a Cornerhouse, potete iscrivervi al canale telegram a questo link: https://t.me/cornerhouse

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...