Videogames · xbox

[Videogiochi][Xbox][Halo] Halo 4.

Bentrovati ragassuoli oggi vorrei cianciare in vostra compagnia dell’ultimo gioco che ho concluso proprio qualche giorno fa in pausa pranzo: Si tratta di Halo 4.

Halo 4 è il primo titolo sviluppato da 343 Industries team interno di Microsoft costruito dopo che Bungie ha smesso di lavorare alla serie per dedicarsi a Destiny.

Cercando qualche notizia più specifica a riguardo della separazione tra Microsoft e Bungie sono riuscito a capire che la software house sviluppatrice di Halo avesse cercato prima una sorta di indipendenza creativa e per farlo ha dovuto lasciare il gioco che l’ha resa famosa per poi accordarsi con Activision per lo sviluppo di quel gioco che oggi è considerato il migliore tra tutti i Game As Service ossia Destiny.

La libertà tanto cercata da Bungie è finalmente arrivata solo nel 2019 tuttavia adesso che è prima di vincoli sembra che non venga esclusa la possibilità che possa tornare con Microsoft pigliatutto anche se stando alle ultime news, nonostante la presenza di tutto Destiny 2 all’interno del Game Pass, Pete Parsons Ceo di Bungie ha smentito ogni voce di acquisizione.

Ad ogni modo, tornando a parlare di Halo 4 dopo aver concluso la campagna single Player dalla durata non eccelsa di circa 8 ore ma durata che a me in realtà sta benissimo per via del poco tempo che posso dedicare al videogiochi sono pienamente soddisfatto delle sensazioni finali che il gioco mi ha lasciato.

Non ho commesso l’errore di partire prevenuto: “Solo Bungie puoi sviluppare gli Halo, tutti gli altri sono caccapupù” come invece molti hanno fatto quasi dieci anni fa quando uscì il titolo su Xbox 360. In molti davano la serie per spacciata, finita, tuttavia Halo 4 li ha inevitabilmente smentiti.

L’impressione che ho avuto è che 343 Industries abbia studiato bene i precedenti titoli della serie di Halo quasi plagiandoli e esaltando la componente cinematografica, abbia realizzato un gioco che va vicino a prendere il massimo dei voti senza rivoluzionare le meccaniche di gioco nelle quali Halo è sempre stato il top.

Sono evidenti i riferimenti ai primi tre gunplay degli Halo ufficiali così come alcune sequenze siano state prese pari pari da Halo Reach. Halo 4 non inventa nulla se non quello di cercare di modernizzare la giocabilità senza snaturare la sua meccanica di corri-spara-granata-spara-nasconditi-cazzotto facendosi anche ispirare da serie altrettanto importanti come Call Of Duty e inserendo anche qualche piccolo time event e la possibilità di guidare nuovi mezzi come un gigantesco Mech e sul finale una Chiara e precisa citazione all’universo di Star Wars.

Quasi ogni fase di scontro con gli avversari permette al giocatore diverse opportunità di approccio per rispondere al fuoco e già a livello normale la sfida è interessante grazie anche al fatto che i nemici non sparano a caso restando ancorati a degli script sui movimenti ma reagiscono e sfruttano anche loro l’ambiente che li circonda.

Ma come vi dicevo oltre ad un solido e dannatamente divertente gunplay Halo 4 primeggia tra gli FPS grazie ad una narrativa e ad un messa in scena che sa di Hollywood e che pesca diversi spunti dalla narrativa sci-FI più famosa mettendo anche in opera una particolare lovestory platonica ma viva e appassionante tra Master Chief e Cortana che in questo gioco parlano finalmente parecchio.

In questo inizio di una nuova trilogia che si concluderà con Halo Infinite i toni si fanno più cupi e la mitologia di questo franchise si arricchisce con una nuova specie i prometeici discendenti dei precursori danno un po’ di varietà necessaria e non facendo comparire i Flood per la prima volta nella serie principale e rendendo anche gli scontri interessanti per via delle tecniche di difesa e attacco della nuova razza.

Se avessi giocato ad Halo 4 prima di Halo: Reach vi avrei detto che questo sarebbe certamente il miglior Halo di Sempre ora non posso far altro che dirvi che questo è il miglior Halo con Master Chief e Cortana ma il numero due nella mia personalissima classifica personale che vi riporto qua sotto in attesa di concludere anche Halo 3 e Il quinto episodio.

  1. Halo: Reach
  2. Halo 4
  3. Halo Combat Evolved
  4. Halo 2

Ho giocato il titolo per metà su Xbox One S e la seconda metà su Xbox Serie X. Già sulla bianca console della ormai precedente generazione il titolo era fluido e molto bello da vedere considerando che si trattasse di un gioco della Xbox 360 pompato a dovere. Risulta poi incredibile almeno per me, la capacità di Serie X di elevare anche di più l’aspetto visivo sfruttando la sua retrocompatibilità andando a migliore il gioco quasi da ogni punto di vista.

Ancora una volta le musiche che fanno da sottofondo al gioco godono di una performance orchestrale davvero convincente e già nel citato riferimento a Star Wars secondo me, raggiungono la vetta.

L’inserimento della nuova specie aliena i prometeici ha garantito anche da un punto di vista sonoro, l’opportunità di sentire suoni diversi da quegli sciocchi dei grunt e anche una discreta varietà negli effetti sonori grazie anche all’introduzione delle nuove armi.

Ancora una volta al di là di gusto personale che può far preferire un titolo piuttosto che un altro, non posso far altro che scrivere che la Master Chief Collection rappresenta la ragion d’essere per ogni collezione di videogiochi Xbox nonché l’unica esclusiva Microsoft paragonabile a Zelda e Mario con Nintendo e a God Of War per Playstation a livello di tradizione e importanza storica.

Ebbene cari ospiti di questa webbettola la chiaccherata di oggi è giunta a termine. Vi si ricorda che stelline e commenti sono la benzina e l’unica moneta che vi verrà richiesta per partecipare a questo gioviale convitto.

Ma, se ciò che leggete vi ha sempre sollazzato lo spirito e avete voglia di offrimi un caffè potete farlo qui, sul mio profilo Ko-Fi. Si tratta di un di più non necessario e semplicemente gradito. Nessuno verrà mai bloccato fuori perché non ha lasciato la mancia. Take It Easy.

Inoltre se siete fan dei socialcosi potete trovare il Cornerhouse su:

Se volete invece avere un rapporto diretto con la produzione dei contenuti di questo blog e ricevere news e aggiornamenti su tante iniziative non solo legate a Cornerhouse, potete iscrivervi al canale telegram a questo link: https://t.me/cornerhouse

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...