Il Trono Di Spade 8×3. Le mirabolanti riunioni di condominio in quel di westeros interrotte da un attacco zombie!

 

Oggi finalmente dopo un sacco di tempo sei tornato a vedere The Walking Dead e sei stato ringraziato dagli sceneggiatori con una puntata dove gli zombie sono finalmente un problema, un cazzo di problema serio non quelle lente e puzzolenti noiosette che hai visto fin’ora. Rick Grimes soooka e Daryl può andare in pensione finalmente. Mr Negan, non faccia quella faccia, quella è la porta prego, vada vada…

Ah già se volete recuperare le precedenti frescaccie sull’ultima stagione del Trono Di Spade potete as always cliccare qui.

The Long Night racconta di quello che accadrebbe se la più “tranquilla” delle riunioni di condominio in quel di Westeros fosse interrotta da un invasione zombie.

Come avevamo detto negli episodi precedenti il grande comprensorio dei sette regni occidentali deve discutere e approvare il bilancio previsionale per l’anno in corso. Come al solito c’è chi ha dato disponibilità ma poi come Cersei la vigliacca se tirata indietro facendo incazzare il suo tromba-fratello Giacomino Lannister che alla riunione è venuto lo stesso.

Nel sistemare le sedie per la riunione Tirione pensava di starsene tranquillo mica come il fratello che appena arrivato se beccato Er Rotella a portar sfiga peggio della beata quartina e invece no, ta dan, come un avvoltoio Bran Er Rotella e il suo fottuto girello sono li e Tirione a grattarse li cojoni: “Questa sera finisce male! Non so come ma andrà tutto storto ma li mortacci tua!” Infatti…

A sera quando nel piazzale davanti a grande inverno tutti stanno aspettando l’inizio della tanto sofferta riunione ricompare la nostra amata Olandesina del quinto piano che prima si era invaghita del fu Barbuto Stannino Baratto e poi di sua ignoranza Giannino. Eccola che torna a far visita ai suoi condomini e saluta subito gli amici del primo piano, la numerosa famiglia Duetracchi e avendo appena finito di giocare ad una sessione di D&D si sente ancora nel vivo nel gioco e lancia un bel incantesimo di Burning Swords sulla gentile famiglia. Il suo amante non corrisposto Er Cipolla (cavaliere delle cipolle) le va incontro e trac se becca subito un bel due di picche in faccia “resto sino a mattina, poi torno vecchia e cessa non me la sento di farti soffrire”.

In quel momento Melizzine ha anche incrociato lo sguardo con Arya The Killer, l’orfanella del terzo piano. Dov’è che ci siamo già viste? Ah già era la terza stagione…

Su dalla collina i due pomicioni Zietta e nipote ingnorantello guardano il cielo e si godono la fiaccolata di pasquetta ancora accesa: “teso’ facciamo l’alba è così romantico”. Gli dice lei.

1556620696-picsay.jpg

È proprio in quel momento che dalla macchina di uno sconosciuto parcheggiata accanto al viale parte una strana versione del primo successo degli 883: “hanno ucciso Riccardo grimes chi sia stato non si sa”

Da li la situazione è un susseguirsi di disgrazie zombesche di alto livello. è davvero dura scrivere qualche stronzata ma al solito ce proviamo.

Eravamo rimasti con i duetracchi con le armuccie fiammeggianti che senza una vera logica partono alla carica dei Non Morti guidati dal massimo esperto in amicizie sofferte. Ser Jorah Friendzone e da Spettro (ma che caspita ci fa Spettro con lui? Si sentirà evidentemente anche lui friendzonato da Giannino che preferisce un grosso Grisù al posto suo).

1556620790-picsay.jpg

Ora è evidente che tra tutte quelle teste di rapa uno che ci capisca di tennica militare pare non ci sia. Andiamo con ordine. I duetracchi alla carica, ma la cavalleria con le torcette cosa doveva fare? No davvero, arrivano gli zombi con un necromante che rianima i morti e vi nascondete nelle cantine con le tombe? Daje Règa!

L’utilità di Giannino Ignoranza che se ne rende conto dopo aver giocato ad acchiapparella con i draghi quando ringhia (si, gli mancava spettro) al Drago dagli occhi bluette la dice lunga. Melizinne ma porca miseria non potevi resuscita’ quarcun artro? Uno più utile non c’era?

Ah gia e Dananana e la metafora dell’amico di una vita: Come scudo lo hai usato, perddio, povero FriendZone è morto per te! Santissima Madre!

Vogliamo dire qualcosa su Sam che ha fatto una strage tra i suoi compagni! Dovevi morì te! In venti son morti per salvarti ma chi cacchio sei! E il trio composto da Brienna Tartara, Giacomino e Podrizio GranPene quante volte sono stati morsi, presi a chiaffi e schiacciati dalla massa putrida dei Non Morti? Eh niente tocca aspetta’ ancora per vederli morti.

Quindi famo finta di niente, perchè se EndGame aveva dei guai narrativi, qua, se ce fermiamo famo ‘na strage.

Nelle Tombe Cantina ad una certa si è pure risvegliata la nonna di Salsina, Nonna Maria che l’ha vista le ha subito chiesto se aveva mangiato che l’ha vista sciupata e se quel signore barbuto era il suo fidanzato. Tirione se fa subito un pensierino e ci pensa a quando era il maritino marituccio della roscia di casa Stark ma la Salsina: “Ma no, Nonnina cara, lui è un amico” Niente oggi tutti vanno in bianco, eppure con sto freddo qualche trombatina ci stava anche. Ci tocca invocare la turbo rubrica del cuore pure questa volta.

maxresdefault (2).jpg

Nel frattempo Arya The Killer, decide che “the time has come” è dalle mura inizia a fare una strage di non morti fino a quando non diventano troppi, eh niente le tocca scappa’. Inizia quindi la tipica sequenza da Action Horror dove la protagonista deve andare da A a B passando per una stanza piena di zombie. Nonostante il grande tifo che in molti hanno per la nostra “nessuno” se non fosse stato per il soccorso di Berizio Dondarione e quella caccoletta del Beagle Clegane oggi sarebbe una giornata diversa. Ed è qui che si sviluppa l’unica cosa sensata degli ultimi venti episodi del Trono Di Spade dopo la trasformazione di Giacomino Lannister. Qualcosa bolle in pentola. Manco a farlo apposta nel sala dove Beagle e Arya si rifugiano c’è Melizinne, che guarda un po’ lo sapeva. ammazza questa predice il futuro meglio der rotella. ‘na fabbrica de spoiler.

Il dialogo tra le due è di quelli che fanno capire che quelli che hanno scritto Game Of Thrones non hanno perso troppo la bussolina o che almeno Ciccio Martino qualcosa aveva davvero chiaro in testa fin dall’inizio. Vedremo come tra poco…

Dicevamo, i non morti e il Re amante della notte hanno vinto, Er Rotella, il porta iella è difeso solo più da Teonio SenzaPene. “Sei un brav’uomo” gli dice Er Rotella. Teonio se gratta e parte alla carica, meglio morto che iellato. Eh, è comprensibile.

Re Notturno lo aggide, e bon… niente strofinata con Salsina… lui si sa ci sperava.

Dicevamo della quadratura del cerchio, proprio mentre il Re Della Notte è di fronte a Bran Er Rotella bastano uno scambio di sguardi per far capire anche al Necromante che alla sfiga non c’è limite e grazie all’incantesimo della danza silenziosa Arya compare dal nulla e chiude la faccenda con un gesto di tutto rispetto.

1556620997-picsay.jpg

Incredibile, i buoni hanno vinto, son morti solo personaggi secondari e rimangono in piedi due Draghi. Manco alla Disney avrebbero progettato un trionfo simile.

Ora. Torniamo per un istante nel mondo reale. La puntata ti è piaciuta tanto, moltissimo. Eppure in molti l’hanno criticata molto più pesantemente delle precedenti. A dirla tutta eri così preso che non ti sei mai posto domande sulla battaglia durante la visione, segno del coinvolgimento che è riuscita a portarti. A fine episodio eri in piedi, esultando e applaudendo fortuna che la miniCornerhouse non si è destata. Fanservice, si fanservice, facciamo vincere i buoni contro i cattivi e viene dimostrato con Arya che ancora una logica seppur lieve questa serie ancora tenta di averla.

Ma vien da chiedersi un cattivo che non ha mai detto una parole per tutte queste stagioni è davvero una minaccia credibile?

Alla fine è più una piaga che ha separato i buoni dai cattivi, che ha portato dei personaggi ad evolversi da un punto di vista narrativo e che ha mostrato chi sono davvero quelli che meritano ancora qualcosa. Siamo sicuri che Giannino meriti il trono?

Aspettiamoci una quarta puntata noiosa dove ci saranno più occasioni per scrivere le tipiche fregnacce di questa scanzonata webbettola.

Ebbene cari ospiti di questa webbettola la chiaccherata di oggi è giunta a termine. Vi si ricorda che stelline e commenti sono la benzina e l’unica moneta che vi verrà richiesta per partecipare a questo gioviale convitto.

Inoltre se siete fan dei socialcosi potete trovare il Cornerhouse su:

4 commenti

  1. Hanno criticato questo episodio?!? Io lo dico sempre che la sindrome di Lester Bangs ormai ha una virulenza peggio della Peste Nera. E purtroppo chi la contrae non fa la fine degli ammalati di peste. Porcapupazzella! È in assoluto il migliore episodio da tempo inenarrabile: tensione all’inizio, azione nel mezzo, le singole storie dei personaggi in mezzo alla fine del mondo, il colpo di scena (un po’ telefonato, però) che il cattivone viene fatto fuori non dall’eroe designato (che è alle prese con un drago) ma dalla più piccina di tutti. Pathos a palate, ritmo rutilante e – perché no – la vittoria dei buoni.
    Sempre ottimo il tuo commento, che è di gran lunga meglio degli insulsi “dietro le quinte” che seguono l’episodio. Ecco quelli proprio lì avrei evitati.

    Piace a 1 persona

    • Fratello di Joypad bentornato. Era da un po’ che scendevi in questa pessima webbettola. Oggi, ne ho letto e ho anche parlato con colleghi e amici che sono rimasti delusi. Per carità come ho scritto le critiche alla battaglia ci stanno anche, ma ad una certa, sti razzi. Io e la moglie ci siamo divertiti. Questo basta.

      Piace a 1 persona

      • Si, in effetti sono meno presente nel sbatterti le mie fregnaccette in croce nello spazio dei commenti, ma vuoi che ho meno tempo (scrivo anche meno sul mio, ma sono alla frusta del buon Lucius su un progetto che vedrà la luce a breve), vuoi perché ho evitato di leggere alcuni tuoi post come sugli Avengers poiché sto osservando il “silenzio forzato” su tutti i canali. Ma non sia mai detto che perdo contatto con il mio fratellone di Joypad!

        Piace a 1 persona

  2. Ma quindi il re della notte ha preso le botte?
    Fossi stato io al suo posto, con un drago bianco occhi blu zombie e una torma di morti di freddo, le prossime tre puntate della serie avrebbero pure potuto non farle 😛
    Cioè, ti ammazza un drago con un giavellotto, ma gli è morto il cervello, se si espone solo per ammazzare un perticone in sedia a rotelle.
    Vabbè, il trono di spandex non è per Re polaretto primo, sovrano della notte, uccisore di Viserion, resurrettore (chissà se esiste) di gente bla bla bla

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...