Confessioni Di Un Giocatore Violento

Confessioni di un videogiocatore violento e mai pentito. Capitolo 1. Tekken 3 (PsOne)

Bentrovati anche quest’oggi, amabili ragassuoli sempre pronti a sollazzarsi lo spirito tutto con le tue sgrammaticate cianciate. Oggi raccogliamo l’invito del fratello do Joypad RedBavon che ti ha con cotanta gentilezza invitato a scrivere alcune fregnacce a proposito della violenta ma goliardica competitività che si crea attorno al videogioco Joypad alla mano. As usual dovete prendere questo post fin dal titolo, con il giusto spirito sollazzato e brioso. Noi si scherza e scriviamo queste cose proprio per prenderci in giro da soli per ridere delle nostre umane debolezze.

La sera che scopristi Tekken 3 fu per te un momento incredibile di quelli che poi ricordi per tutta la vita. Frequentavi le scuole superiori e avevi stretto amicizia con il ragazzo ben più grande di te che svolgeva servizio civile presso la tua scuola. Lui aveva un camera nell’istituto ed una volta ti invitò a partecipare ad una serata con altri suoi amici dedicata a pizza, film e pleistascion. In poche ore la tua vita si illuminò di immenso perché vedesti per la prima volta Matrix e giocasti per la prima volta a Tekken 3.

Da quella sera in poi il tuo rapporto con il picchiaduro treddi fu un amore puro e incondizionato che proseguì su ogni playstation in tuo possesso e che oggi attende di sbarcare anche sul Xbox one con il settimo episodio della serie appena compri un secondo Joypad per la console.. Tekken fu per te l’erede spirituale di Street Fighter II neppure la serie di Soul Calibur che tanto era amata da tutto il tuo giro di amici riusci a farti cambiare idea.

Tekken 3 uscì in esclusiva PsOne e arrivò nel 1998 in europa. Sviluppato da Bandai Namco fu l’ultimo titolo della serie ad uscire per la prima console sony. Fu una vera killer application che vendette più di 6 milioni di copie alle quali vanno anche aggiunte le mille mila copie pirata che sicuramente hanno invaso le case di tanti videogiocatori.

Tekken 3 è sicuramente uno dei picchiaduro più importanti nella storia dei videogiochi e molti degli attuali sistemi di combattimento dei giochi oggi sul mercato ne sono debitori. Una grafica pazzesca (per l’epoca quasi simile alla controparte da sala giochi) e un sistema di controllo preciso e molto reattivo insieme a dei personaggi di tutto rispetto ne hanno decretato il meritato successo.

Ma non è di quella sera di cui vuoi parlare, dobbiamo andare avanti nel tempo a quando anni dopo andasti in vacanza nella casa in collina del tuo testimone di nozze il capitano Havana. In ogni vacanza in quel paesino nella via dei vini d’Alba non mancava mai una bella play. Una mattina, ricordi, che scattò il torneo di Tekken. In cuor tuo pregustavi come minimo la finale, sapevi che solo tu e il Bertu eravate davvero bravi. Il tuo personaggi preferito ai tempo era Hwoarang mentre successivamente le tue preferenze caddero su Lee. A Tekken eri davvero brano, o almeno l’esperienza così ti faceva credere. Ad ogni modo tiraste a sorte per determinare gli incontri e tac ti toccò affrontare proprio il capitano che per quanto le negherà sempre prendeva Eddy perché era uno di quei personaggi che smanettando a casaccio faceva fosse assurde.

Facile che la storia a questo punto la potete intuire. Perdesti due a uno, periddio, e addio ai sogni di finale di classe con il Bertu tra i due più bravi.

L’immagine sembra quasi presa da quella sessione, peccato non potervi far vedere la tua faccia.

Da parte tua smaltisti la sconfitta da vero gentleman. Rutti, bestemmie e parole indicibili contro il mondo intero perché il capitano non sapeva giocare anche se ti aveva sconfitto. “Fortuna” che per allungare il brodo avevate messo in piedi anche il girone dei perdenti per la finalina per la coppa di legno. Ovviamente in quella occasione battesti tutti. Tranne il bertu che vinse il torneo e tu rosicasti ancora di più.

Ah, e per la cronaca, Havana arrivò secondo perse solo in finale. Accidenti!

Ebbene cari ospiti di questa webbettola la chiaccherata di oggi è giunta a termine. Vi si ricorda che stelline e commenti sono la benzina e l’unica moneta che vi verrà richiesta per partecipare a questo gioviale convitto.

Inoltre se siete fan dei socialcosi potete trovare il Cornerhouse su:

Se vi aggrada, as usual, siete invitati a seguire questo postaccio pure sul social che preferite, qui ci si impegnerà sempre per il sollazzo del vostro spirito tutto!

11 pensieri riguardo “Confessioni di un videogiocatore violento e mai pentito. Capitolo 1. Tekken 3 (PsOne)

  1. Bravo, fratello, bravo! Così si fa! La confessione di certi rutti…ops turpi atti dona serenità e monda l’animus (forse non devo più giocare ad Assassin’s Creed…).
    Gran bel torneo e il rosicamento ci sta tutto. Tekken per me è un rullacartoni che non ho mai approfondito. I tre capitoli per PSX li ho recuperati di recente nell’usato, così come quelli per PS2. Acquistai all’epoca solo un Tag Tournament e l’episodio che si tiravano le mazzate con gli scagnozzi di Street Fighter. Li ho giocati per lo più in solitaria, avendo perso il mio acerrimo avversario (mio fratello) causa emigranZa per motivi lavorativi.I rullacartoni danno il meglio (o il peggio?) in due in locale, non c’è niente da fare.

    Come promesso, ho ri-postato la tua confessione nella mia webbettola che trovi QUI

    e inserito questa tua nell’indice delle mie confessioni, che trovi QUI

    Mi fa piacere leggere nel titolo “Capitolo 1”. Attendo con fiducia.

    Per costituire un’associazione sono sufficienti due componenti, quindi dichiaro nata l’Anonima Videogiocatori Violenti (poco anonima, molto violenta).

    Piace a 1 persona

  2. Coi rullacartoni sono sempre stato scarsino, ma a Tekken… no, li ero proprio uno scarto di digestione, altro che!
    La logica di Tekken non l’ho mai afferrata, a me piaceva sparare raggi e pallette luccicose, non premere dieci tasti in sequenza e a tempo come in un gioco di ballo, al quarto tasto, già non ricordavo come andare avanti 😛
    Così, nei 3D (anche se definire Tekken 3D mi fa specie, quelli che ho giocato sembravano adottare logiche 2D coi modelli 3D) sono sempre passato dal fare mosse da due tasti a pestare sul pad come un orango infuriato, mi si riconosceva al pad dai rumori che facevano i tasti! XD

    Piace a 1 persona

    1. Si tra i picchiaduro Tekken non è quello che sfrutta meglio gli spazi tridimensionali e richiede molta applicazione, ho giocato online e ho visto e subito sequenze di mazzate pazzesche. E poi da quanto leggo sulla tua cupa voliera tu hai sempre preferito un genere di titoli diverso dal mio. L’unico Jrpg a cui davvero ho dedicato ore è solo la serie di FF il resto l’ho sempre trascurato. Ci sta tutto, son gusti!

      "Mi piace"

        1. Io invece tifo per il gameplay. anche una storia “classica” mi sta bene se mi diverto a fare quello che mi chiede il gioco. Tendo a accorgermi devi “difetti” della storia solo quando inizio a stufarmi o a non capire gameplay. Sto scrivendo un post per skyrim che più o meno è l’esempio perfetto per aprire una bella chiaccherata.

          Piace a 1 persona

  3. ke rosikata! io a tekken 3 non c’ho mai giocato! mi sono fermato prima, maporcadiquellamad….! però mi piaceva molto il tekken precedente a cui giocai, anche se aveva un difettuccio: anche se eri una pippa atronomica, premendo i pulsanti a casaccio, potevi riuscire a vincere quasi sempre!
    poi io conoscevo pure gon, mentre voi altri non so se ci siete mai arrivati a capire chi era… si trattava di un personaggio dei fumetti giapponesi (manga) di cui sono stati realizzati pochi volumi (e io ce li ho tutti, modestamente)…
    beh, per oggi mi avete fatto rosikare abbastanza…

    Piace a 1 persona

  4. Sempre schiacciato chi giocava Eddy a caso. Basta stare calmi, aspettare il pagliaccio si avvicini e ricordargli che lui danza ma che tu hai un demone dentro, magari. O sei un poliziotto cinese che con un paio di calci lo stende.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...