50 Anni di Star Trek

startrek

« Spazio: ultima frontiera. Eccovi i viaggi dell’astronave Enterprise durante la sua missione quinquennale, diretta all’esplorazione di strani, nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita e di civiltà, fino ad arrivare là dove nessun uomo è mai giunto prima. »

L’8 Settembre del 1966 l’emittente statunitensse NBC trasmetteva per la prima volta Star Trek ed oggi a cinquant’anni di distanza siamo ancora innamorati di questa incredibile serie TV.

Per questo motivo è facile capire come se il 2015 sia stato l’anno di Star Wars, il 2016 sia l’anno di Star Trek. Il Film Beyond uscito a luglio di cui potete leggere il tuo commento qui è andato piuttosto mese e oggi cade questo importante anniversario.

Per festeggiare ti sei comprato il cofanetto Discoraggiublu della prima serie originale e ieri sera proprio per scrivere questo post di sei guardato il primo episodio della della serie.

Attenzione, parlare del primo episodio della serie è sempre un tema controverso a quel tempo l’ordine temporale di trasmissione delle puntate era assolutamente irrilevante. Solo le sante soap opera dovevano essere trasmesse con ordine. Frak! I possibili criteri con cui è possibile vedere la serie sono tre.  L’ordine di Produzione, L’ordine di Trasmissione NBC e l’ordine secondo la data astrale.

Il cofanetto raggioblue che ti sei accattato propone l’ordine NBC ma riportando la data astrale di ogni episodio con un po’ di togli e metti dal lettore è possibile guardare gli episodi secondo un ordine temporale. La tua scelta è stata quella di seguire l’ordine NBC e vedere il primo episodio trasmesso così come è stato visto cinquant’anni orsono: La trappola Umana. (The Man Trap)

Data Astrale 1513.1. The Man Trap è il sesto episodio prodotto e non è neppure il primo in ordine temporale. Eppure dopo l’episodio pilota fu scelto di trasmettere questo.

Diario del capitano, data stellare 1513.1. La nostra posizione, ci troviamo in orbita del pianeta M-113. A bordo dell’Enterprise, il signor Spock si trova temporanemente al comando. Sul pianeta, le rovine di una civiltà antica e scomparsa da lungo tempo. Il chirurgo della nave McCoy ed io ci stiamo teletrasportando sulla superficie del pianeta. La nostra missione, esami medici di routine sull’archeologo Robert Crater e sua moglie, Nancy. Routine, tranne per il fatto che Nancy Crater è una donna del passato del dottor McCoy.

Basandosi sui contenuti del documentario  Inside Star Trek: The Real Story, la decisione di mandarlo in onda prima di ogni altro episodio di un numero limitato della serie fu dovuta in gran parte a un processo di eliminazione. Sebbene presentasse dei buoni effetti speciali e dimostrasse l’avvicinamento intelligente della serie al concetto delle forme di vita aliene, non si scelse “L’espediente della carbonite” perché tutta l’azione avveniva praticamente a bordo dell’Enterprise. Si evitò anche di scegliere “Il naufrago delle stelle“, il quale venne in seguito classificato come una fiaba “troppo gentile” perché aveva a che fare con i problemi di un adolescente. “Il filtro di Venere” fu escluso a priori perché nessuno voleva rischiare di far partire male la serie con una storia sulla compravendita delle donne nello spazio. Il secondo pilot, “Oltre la galassia“, venne considerato troppo “espositivo” nei termini del proprio retroscena per mandarlo in onda così presto. Justman in persona avrebbe voluto “Al di là del tempo” perché pensava potesse presentare nella maniera migliore le personalità dei vari personaggi. Alla fine, si scelse “Trappola umana” perché il plot d’azione non venne considerato troppo esotico, perché aveva il vantaggio di avere un mostro tramite il quale far provare brividi agli spettatori, e perché soddisfaceva il concetto di “strani, nuovi mondi” della serie.

Già nel 1966 il primo episodio “trasmesso” ricevette parecchie recensioni negative: “Triste e Confuso” o ancora “Adatto per il sabato mattina” e il classico “Non funzionerà” e poi ci lamentiamo dei tuttologi di facebook. Anche cinquant’anni fa non ci pigliavano niente. Vabbè meglio per noi.

Rivisto ieri sera è difficile non farsi un sorriso per le scenografie che oggi non reggono più il passo con i tempi. Le colonne di pietra fatte in cartone o polistirolo che traballano al passaggio di Kirk sono l’apoteosi di quello che vuoi dire. Ma la verità è ma sti cavoli. Non è questo l’importante.

Anche la regia con inquadrature statiche  rende l’episodio piuttosto lento ma ripeto è facile parlare male di un prodotto che è un po’ il nonno di tutti noi.

La verità è che seppur in fase embrionale vengono già seminati i primi temi cari alla serie alla fantascienza in generale. Anche Spok stesso lancerà le prime frasi vulcaniane che lo caratterizzando negli anni a seguire. Kirk mostra già il carattere da cow boy dello spazio. Insomma le basi c’erano tutte.

Il resto ragassuoli è storia lo sapete bene. Per fortuna in tanti si sono sbagliati e chi ha creduto in questo Show alla fine ha avuto ragione!

Lunga Vita e Prosperità.

In Memoria di Leonard Nimoy

Annunci

Informazioni su Johnny Cornerhouse

Nerd appassionato di boardgames, giochi 8 bit, fumetti e mattoncini Lego. Nelle sue vite precedenti è stato un fotografo ed un musicista ora dice che sono solo Hobbies. La forza scorre potente in lui. Segui il suo canale youtube

Pubblicato il 8 settembre 2016, in Cinema e Serie TV con tag , , , , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 14 commenti.

  1. Hai fatto un super acquisto!

    Liked by 1 persona

  2. Ciao Mastro! Mia moglie, non appassionata di fantascienza, vede Kirk verso la fine della sua carriera ed esclama:”Ma come fai a vedere ‘sta roba? Il Capitano è infilato in una calzamaglia aderente e gli si vede pure la panza!”…Hai presente quando un elefante entra a 80 all’ora dentro un negozio di cristallerie e porcellane? Ecco come la mia sospensione e mArAviglia sono state investite da cotanta pragmaticità!
    Sul valore di Star Trek non si discute, se oggi esiste la fantascienza è grazie a Star Wars, da una parte, e Star Trek, dall’altra. Due concezioni diverse di intendere lo Spazio, che personalmente non vedo mai cozzare l’uno contro l’altro. Amo entrambi.
    Domanda teNNica: ma vale la pena accattare il disco-blu per queste serie così vecchie? L’immagine è stata restaurata bene oppure l’hanno buttata dentro come una pizza nel forno?
    Un caro saluto

    Mi piace

    • Allora la questione tennnica è questa:
      Il bluray ti permette di vedere la versione originale e quella “apgradata”. Nel versione “pimp my car” l’immagine resta in 4:3 e ogni immagine dell’enterprise è stata rifatta in CGI. Effetto discreto più che accettabile. Le immagini con gli attori sono state restaurate dove possibile. Alcune immagini chiaramente fuori fuoco sono state lasciate tali perchè impossibile recuperare il dettaglio. Per tutto il resto avendo lavorato in set con luci sparatissime e non ci sono ombre particolari o punti dove il boost alle immagini ha generato quei fastidiosi cubetti rossi e blu sopra il nero che si generano per via della mancanze di frequenze vicine al nero.
      Il risultato è più che buono. Salvo appunto quelle inquadrature. Io lo sopporto decidi tu per te.
      L’audio è stato ricampionato in formato dolby ma sempre mono resta quindi buona la sera sui bassi il resto è quel che è.
      Ora su Amazon sta praticamente al 50% io l’ho presa.

      Liked by 1 persona

      • Io ho un paio di stagioni in DVD nel cofanetto di plastica. Troppo più neeeerd!
        Volevo capire se le restanti vale la pena prenderle nella più tristarella confezione del blue-ray.
        Grazie mille,

        Mi piace

  3. Conosco l’universo di Stat Trek solo grazie ai nuovi film ma devo ammettere che non mi ha mai incuriosito!

    Mi piace

    • io ci sono arrivato per gradi. Durante il periodo universitario ho letto “La fisica di Star Trek” un libro divulgativo che spiegava le basi di meccanica quantistica utilizzando gli episodi di star trek descrivendone cose verosimili e cose al momento non realizzabili come gli ammortizzatori inerziali. Sorvolando anche problemi di natura Etico/Religioso tramite il teletrasporto.

      Mi piace

  4. Bene, questo cofanettone sarà da comprare. Ma guarda che secondo il blog di Attivissimo la prima puntata (appunto The Man Trap) andò in onda per la prima volta in Canada il 6 settembre

    Mi piace

  5. Ho guardato per intero la serie originale, e devo dire che a quei tempi fecero un lavoro incredibile. Certo, a guardarla oggi, più volte ho sorriso alla semplicità delle scenografie (che in molti episodi erano le stesse di altri), così come le tecnologie che a quei tempi erano impensabili.
    Insomma, un vero capolavoro!

    Liked by 1 persona

  6. Sono passati 50 anni e io non so ancora nulla di Star Trek…. Direi che è il caso di aggiornarsi XD

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: