No Smoking e Ritorno a Berlino

Puntatone ricco dedicato alla serie Le Storie della Bonelli. Serie che fin’ora avevi scartato ma adesso che sei più propenso a dedicarti al mondo italico del fumetto ti è sembrato giusto perderci del tempo comprando due storie scelte per motivi assai banali per una fumetto l’autore per l’altro il titolo. Vediamo di cosa si tratta.

Pronti Noi Zi Va. Gli orki alla serata Bonelli

Ritorno A Berlino (Morales – De Cubellis)

69c1aef02687f5919874c4e5ec1e914b.jpg--ritorno_a_berlino

Ritorno a Berlino è un poliziesco di stampo classico con alcuni riferimenti a macrosituazioni sociopolitiche (La caduta del muro di Berlino) scritto da Paolo Morales.  Hai scelto questo numero perchè ispirato dal titolo. La capitale tedesca è una delle città che più ti porti nel cuore, un luogo affascinante in cui un giorno ti piacerebbe tornare. Ecco, peccato che il fumetto avrebbe potuto tranquillamente chiamarsi ritorno a cuneo, tu ti saresti risparmiato tre eurodollarie la storia non ne avrebbe risentito. Ok Ok non vuoi essere così critico e far passare il messaggio che il fumetto sia al quanto mediocre. Diciamo che non brillerà sicuro nell’universo dei fumetti Bonelli e delle spy story in generale. Una discreta storia costruita su dei classici clichè e sui alcuni colpi di scena, forse alcuni prevedibili, ma che comunque si lascia leggere senza risultare ne troppo didascalica o troppo semplicistica anzi I protagonisti vengono ben delineati e ci si affeziona e alla fine si gioisce anche per loro. La trama poi si sviluppa bene nonostante alcune cose poi te le aspetti e culmina poi in un finale drammatico molto cinematografico a cui poi segue un epilogo forse superfluo e troppo positivista. Le tavole di Davide De Cubellis sono poi di buon livello perfettamente calate nello standard Bonelliano a cui però pensi vada espressa la stessa opinione della sceneggiatura. Lineare, ben fatto ma nulla di Originale. 

Are-you-sure-I-m-not-YOUR-Father-resizecrop--

No Smoking (Ruju – Ambrosini)

nosmoking

Hai scelto No Smoking perchè ora stai in fissa con Pasquale Ruju autore di Hellnoir (da poco finita) e le tue attese per una volta non sono state minimamente deluse. Potremmo chiamarlo Scorsese de noiartri, si perchè questa è una storia di mafia anni 30 di quelle davvero gagliarde, da dieci e lode che come per alcuni film del suddetto regista vedi ad esempio The Departed ti bastona con colpi che non ti aspetti, qui davvero ti eri bevuto ogni storia che poi ta dan nelle tavole successive veniva ribaldata. Un finale da pugni in pancia un uno due di tyson senza difesa che bum woooo ma che te lo dico a fare. Ecco No Smoking è un signor fumetto, una signora sceneggiatura un opera davvero ben fatta spietata cruda e sempre avvincente con un finale aperte che lascia la fantasia libera di volare e chiedersi e mo che succederà? Questa storia la consigli con il cuore in mano perchè merita davvero. Giusto una critica ma piccina piccina picciò, la femme fatale della storia avrebbero decisamente disegnarla più carina.

star-wars-your-empire-needs-you

E anche per oggi è tutto. Voi invece cosa state leggendo ultimamente tra libri e fumetti?

Annunci

Informazioni su Johnny Cornerhouse

Nerd appassionato di boardgames, giochi 8 bit, fumetti e mattoncini Lego. Nelle sue vite precedenti è stato un fotografo ed un musicista ora dice che sono solo Hobbies. La forza scorre potente in lui. Segui il suo canale youtube

Pubblicato il 10 marzo 2016, in Bonelli, Libri e Fumetti con tag , , , , , , , , , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 10 commenti.

  1. Ruju merita a mio avviso!

    Mi piace

    • Infatti! Stavo pensando di recuperare Cassidy tu l’hai letta per caso?

      Mi piace

      • Se non ricordo male aveva scritto anche Demian la mini serie ambientata a marsiglia. Ricordo però che avevo comprato il numero uno ma le tavole erano davvero inguardabili.

        Mi piace

      • Alle volte i disegni non sono all’altezza delle storie. Dobbiamo accettarlo.

        Mi piace

      • Io lo so che tu hai ragione ma abbandonai Brendon proprio per questo motivo. Alcuni disegnatori proprio non li sopportavo. La fregatura è invece faccio valere il contrario vedi Morgan Lost per ora lo leggo perchè mi fanno morire le tavole ma la storia mi ha già stufato e hanno fatto solo quattro numeri (il quinto devo ancora comprarlo).

        Mi piace

      • Se la storia non merita io non riesco proprio ad andare avanti.

        Mi piace

      • Morgan Lost ha davvero dei bei disegni e una distopia niente male, ma già la terza storia era un po’ uffa e l’ho mollato. Mi sa che tutto il successo delle singole storie dipenderà dal fascino del “mostro della settimana” e dal rapporto che avrà col protagonista. Certo che una trama orizzontale – se ben fatta – gli gioverebbe…

        Hellnoir era buono: disegni paurosi, bella ambientazione… la storia si è un po’ svampata nel finale, imho, ma può essere una buona premessa per una seconda serie (ma che bel bambino! O_o) un po’ ci spero, in una nuova miniserie 🙂

        Questi due fumetti che citi non li ho letti – e la cosa vale con quasi tutto ciò che esce dalla Bonelli, forse ho paura del potenziale effetto deja-vu… pardon, delle “citazioni” a cui mi ha abituato il classico Dylan Dog 😛 oppure è solo che so’ spiantato e ho troppi interessi. ^_^’

        Mi piace

      • Esattamente. Morgan Lost ha un contorno molto interessante, migliore di quello di Brendon, peccato che già mi annoi. Sono indeciso se chiudere con il sesto numero (se avessi le palle lo farei) o con il dodicesimo (per dire ho il primo anno del fumetto). Anch’io vorrei una seconda storia di HellNoir ma solo se si tratterà di una miniserie, altrimenti ciccia. Io sono un lettore Bonelli di lunga data, seppur tra alti, vuoti e bassi ho sempre dato fiducia a buona parte delle testate. Dylan, dicono, sia cambiato o forse ci sta provando, molti sono soddisfatti della gestione Recchioni e ma confermo che per lunghi anni diciamo dal 2006 al 2013 almeno, la Bonelli ha avuto un buio dove si è verificato spesso quello di cui parli. Noia e autocitazionismo (spesso mal fatto) oggi sarà l’umore sarà che i miei gusti rispetto a dieci anni fa sono cambiati, trovo che effettivamente ci sia del materiale Bonelli di rilievo.

        Mi piace

  2. Ho appena finito il primo numero della raccolta di Tutti i milioni di Paperone! 😛

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: