I Figli di Abhoth

Love-Cthulhu-T-Shirt-picsay

“Harvey ho avuto ancora un altro incubo!”

“Pete dimmi cosa è successo?”

“Mi ricordo una caverna molto fredda e buia, credo di esserci arrivato giungendo al piedi di una montagna. Ricordo ancora qualche particolare di Dunwich.

“Ti prego continua!”

“No ti prego non chiedermi oltre”

Ma Harvey, l’anziano professore lo esortò ancora a continuare: “Pete lo sai, dobbiamo conoscere i tuoi sogni è l’unico modo per fermare questo maledetto inferno”

“Si hai ragione è solo che…”

“Dimmi cosa hai visto, forza Pete!”

“Da un canale della grotta si sentivano dei suoi disumani, mai sentiti prima, come se tutta la depravazione umana si concentrasse in quel punto. Vedevo delle ombre tentacolari e tante piccole oscenità muoversi verso di me” Pete si fermò.

“e a quel punto?”

“A quel punto mi voltai è la città di Dunwich era avvolta dall’inferno.”

Dopo averle prese sonoramente per due volte, in quel di Dunwich da quel mattacchione di Yog Sothoth, organizziamo una nuova partita ad Arkham Horror introducendo un po’ di regole varie per rendere più vivace la faccenda.

Utilizziamo i tabelloni del set base e di Dunwich con l’aggiunta dei segnalini portali “bastard inside” dell’espansione de “Il guardiano della soglia”. Per la serata il grande Antico è Abhoth uno dei pochi che non aveva ancora affrontato mentre, visti in precedenti insuccessi con il doppio tabellone, i quattro investigatori scelti sono stati: Leo, Wilson,Pete e Harvey. (Siamo andati sul sicuro con un team rodato).

La partità si sviluppo secondo i nostri canoni classici, il nostro obiettivo è chiudere tutti i portali prima che la tabella del fato si riempia. Di per se tutto prosegue da piano ma fin da subito percepiamo come Abhoth sia sempre un passo davanti a noi riuscendo a metterci davanti qualche incubo da pelare in continuazione. Wilson si sposta a Dunwich per evitare che l’orrore, la classica attrazione di quel putrido luogo si faccia vedere. Ovviamete Abhoth concentra tutti i suoi sforzi su Arkham mettendocela in quel posto.

Il destino ha voluto che non ci siano state nessuna ondata di mostri ne aperture di portali su luoghi con i sigilli il che ci avrebbe aiutato a contenere la furia del grande antico. Peccato.

Quando ormai la tabella del fato è quasi piena, capiamo che ormai il nostro piano è miseramente fallito e quindi abbandoniamo le due città al loro destino e ci preocupiamo di comprare una vagonata di oggetti per difenderci dall’attacco vigliacco del grande antico. Anche una diceria ci arriva in soccorso. Scartando un seguace nelle strade del centro recuperiamo altri oggetti.

Alla fine Abhoth si desta dal suo sonno e comincia la battaglia finale.

Armati come per le grandi occasioni con 2 molotov, 2 lanciafiamme e varie dinamiti ci trasformiamo nella squadra devastatori del terzo reggimenti artiglieri del Massachuttes in 4 turni facciamo del nostro meglio per sconfiggere l’orrendo tentacolo grigio che alla fine cade portando con se Wilson.

Punti Vittoria 11.

“Altro che professore dovremmo chiamarti Harvey il dinamitardo!” Pete cerca di allentare un po’ la tensione.

“Dove sono Leo e Wilson” chiede invece il professore!

“Wilson purtroppo è caduto” Leo compare da un vicolo, abbiamo lottato duramente insieme ma lui non è riuscito a liberarsi da tutti quei schifosi tentacoli. Si è sacrificato per noi, tra le fiamme con quel mostro.”

L’aria da canaglia soddisfatta che Pete aveva sul viso era passata immediatamente. Si sentiva in colpa, nel suo sogno aveva percepito tanta morte che non si rese conto che c’era anche quella di un suo amico.

“Harvey quando finirà tutto questo? quando saremo liberi?”

“Vorrei tanto saperlo Pete, davvero. Ma io vedo solo peggiorare le cose ed i tuoi incubi si fanno sempre più frequenti.”

Annunci

Informazioni su Johnny Cornerhouse

Nerd appassionato di boardgames, giochi 8 bit, fumetti e mattoncini Lego. Nelle sue vite precedenti è stato un fotografo ed un musicista ora dice che sono solo Hobbies. La forza scorre potente in lui. Segui il suo canale youtube

Pubblicato il 16 marzo 2015, in Arkham Horror, Boardgames con tag , , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 15 commenti.

  1. Allora, adesso dico le cose come stanno. Non ho questo gioco. Quando sono stato a Roma l’altra volta sono andato a cercarlo ma avevano solo le espansioni, doveva arrivare il gioco base ma io non sarei piú stato lí.
    Piú passa il tempo e piú vorrei giocarci.

    Liked by 1 persona

    • Al momento è il gioco preferito mio e di mia moglie, purtroppo essendo un collaborativo è più difficile trovare gente che lo voglia provare (a che pro tutto questa voglia di competitività boh?) però il gioco è veramente bello. Molto ambientato e molto aleatorio (si tirano una secchiata di dadi).
      Non cercarlo nei negozi ma su siti online. Con quello che costa spesso riesci ad avere le spese di spedizione gratis. Prova a guardare qua http://www.uplay.it

      Mi piace

      • Guarda, io i giochi cooperativi li faccio provare a tante persone con buoni risultati. Di ambientazione lovecraftiana ho, e quando posso gioco, Le case della follia e Lo stregone di Salem. Per le case stavo pensando di prendere anche qualche espansione.
        Vedrò questo negozio che consigli anche se solitamente ho qualche problema con le spedizioni perché i corrieri locali sono delle canaglie che si ostinano a far finta di non trovare casa mia…

        Mi piace

      • Maddai, anche noi giochiamo a “Le Case Della Follia” mentre quando comprammo Arkham eravamo indecisi tra lui e Salem e scegliemmo il primo. Sulle Case della Follia mi hanno parlato molto bene dell’espansione Il richiamo della foresta perchè migliora e aggiunge situazione interessanti al gioco.
        Purtroppo sulla questione cooperativi mi trovo spesso in difficoltà con le persone con cui ho più probabilità di giocare. Loro sono più per il classico tutticontrotutti. Che fregatura 😀

        Mi piace

      • Lo stregone di Salem è semplice come meccanica (possibilità di sconfitta super elevata), ma meno intrigante delle Case.
        Sono stato a lungo a rigirarmi la scatola dell’espansione della foresta. Poi ho preso il manuale e lo schermo di Sine Requie. E un set di d10 con l’ankh al posto dell’1 😀

        A me i tutti contro tutti piacciono relativamente. Mi piace giocarci con persone competenti che riescono a giocare senza rosicare o senza accanirsi fuori dal gioco (accanirsi nel gioco per ridere va bene, ma non è sempre facile). Ma i cooperativi sono veramente gustosi, le meccaniche solitamente sono molto forti e gli spunti di divertimento sono anche superiori. 🙂

        Mi piace

      • Quando capisci di avere lo stesso punto di vista di un faraone, pur restando fermo nella tua solida umiltà puoi sentirti soddisfatto. Credo che tu abbia colto perfettamente il mio pensiero (ma d’altronde non poteva essere altrimenti) i giochi tutti contro tutti funzionano quando la sconfitta è una sconfitta sul gioco punto e basta e quando si gioca per vincere e non per vendicarsi del torto precedente. Quando va oltre è un peccato e un po’ si perde quel gusto. Non avendo più molto tempo a disposizione per giocare di ruolo credo che i cooperativi siano il giusto compromesso.

        Mi piace

      • Sí: i cooperativi sono quelli che piú si avvicinano ai giochi di ruolo: fare squadra è divertente, ma non nel gioco di tavolo di WoW che per carità, inferiore come noia solo ad Agricola (sono uno di quelli a cui non piace Agricola).
        Fai bene a rimanere umile, perché tu voli alto e piú si sale e piú bisogna diventare umili.

        Mi piace

      • Io credo che prima o poi prenderò i giochi da tavolo di D&D che sono come heroquest: cooperativi ma non richiedono il master. CastleRavenloft e Wrath of Ashardalon

        Mi piace

      • Ti è capitato di provare Descent?
        Heroquest è un grandissimo gioco!

        Mi piace

      • No mai. Ne ho letto tanto, pareri discondanti però. In realtà sono convinto che mi piacerebbe ma credo che non lo comprerò perchè con lo stesso regolamento a giugno/luglio dovrebbe uscire Imperial Assault (Descent in salsa Star Wars) e se c’è un’ambientazione che mi garba più del mondo dei grandi antichi l’unica è star wars.

        Mi piace

      • Va bene. Devo stare calmo.
        Quanto costerà già si sa?

        Mi piace

      • 90 fiorini sperando che il cambio euro/dollaro non combini qualche disastro.
        https://www.fantasyflightgames.com/en/products/star-wars-imperial-assault/

        Mi piace

      • Speriamo bene speriamo…

        Mi piace

  1. Pingback: Meeples Tuesday: Lovecraft’s Boardgames | Corner House Pub

  2. Pingback: La Vendetta di Shub Niggurath | Corner House Pub

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: