The Prestige, la top5 dei tuoi registri preferiti e la fisica di Star Trek

nolan_the_prestige__alt_cover__by_heatona-d54n4wh

Titolo impegnativo per questo post che stai per scrivere e pensare che tutto nasce dal 3×2 su amazon (santo subbbbito).

Dovevi regalare 2 film a tuo padre, ma grazie al 3×2 amazoniano, il terzo film, ops, è andato te, furbone! Il film che ti sei scelto è stato The Prestige, film di Nolan del 2006. Il film è estremamente gagliardo e racconta di una sfida molto maschia tra Wolverine e Batman, ehm, tra il Grande Danton ( Hugh Jackman) e il Professore (Christian Bale), due illusionisti in cerca del prestigio definitivo. Quando poi meno te lo aspetti ecco che ti compare Nikola Tesla interpretato dal Duca Bianco, più che azzeccato nel ruolo di visionario gentiluogo di inizio novecento. In fine a portare  il film su livelli di meraviglia ci pensa una Scarlett (ma-quanto-ti-amo) Johanson in custome d’epoca, semplicemente magnifica con un corpetto che wow!

[Attenzione Segue Spam]

Di Tesla si parlava, appunto che dire?. Il nostro caro scienziologo del fim inventa niente meno che una macchina per clonare le persone. Senza dilungarsi nella storia è evidente come Nolan non ha sottovalutato alcuni aspetti critici e filosofici sul tema. La clonazione (o il teletrasporto), così li ha insegnati Star Trek che poi, non è troppo lontano dalle teorie più accreditate, spalanca un portone cosmico che può lanciare un buco nero contro le tre grandi religioni monoteiste. Il dialogo finale tra Jackman e Bale dice esattamente questo. I “cloni” hanno i medesimi ricordi, gli stessi sogni e le emozioni dell’originale il che porta alla domanda chiave di questo discorso… si ma l’anima? Se il clone è chimicamente e fisicamente lo stesso, possedendo le medesime sensazioni rimane difficile che credere che l’anima resti un concetto metafisico poichè questa operazione ha trasportato anch’essa nel nuovo corpo. Senza l’anima… niente vita dopo la morte… senza l’anima le emozione sono solo impulsi elettrici generati da stimoli chimici e sensoriali.. che i monoteismi vacillino dunque! Se si vuole approfondire l’argomento l’ottimo libro “La Fisica di Star Trek” di L. Krauss può essere utile e interessante.

[Fine Spam]

Come dicevi il film è molto bello e pensi che valga davvero guardarlo almeno una seconda volta per godere bene di tutta la sottile e sinuosa trama che si nasconde tra i dialoghi dei personaggi tra cose non dette e doppi significati.
Questo film ti ha confermato che al momento Nolan è di gran lunga il tuo registra preferito. Staccati di molto, un po’ come ha fatto la Mercedes F1 rispetto a tutti gli altri, hai messo Tim Burton e uno stranissimo e poco coerente parimerito tra Martin Scorsese e Steven Spielberg (l’unico che sa capire il fanciullino che è in te). Al quinto posto c’è Ridley Scott più per quello che ha fatto “a long time ago” (Blade Runner e Alien) che per quello che ha fatto dopo…

Bella gente ma quali sono i vostri registi preferiti?

star-wars-your-empire-needs-you

Annunci

Informazioni su Johnny Cornerhouse

Nerd appassionato di boardgames, giochi 8 bit, fumetti e mattoncini Lego. Nelle sue vite precedenti è stato un fotografo ed un musicista ora dice che sono solo Hobbies. La forza scorre potente in lui. Segui il suo canale youtube

Pubblicato il 5 gennaio 2015, in Cinema e Serie TV con tag , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 5 commenti.

  1. Bella domanda e sembra bello il film proposto. Ci devo pensare. E forse non troverrò risposta.

    Mi piace

    • Si il film merita tanto, sulla domanda beh ti capisco, io stesso ho gusti così poco coerenti e variabili nel tempo che avere delle “top five” mi aiuta a capire me stesso quando cerco di ricordare cosa pensavo negli anni passati. Per dire, cinque-sei anni fa avrei messo al primo posto Coppola, oggi non lo cito neppure e i suoi stessi film Il padrino e Apocalypse Now non ho voglia di rivederli, magari tra cinque anni anche Nolan mi avrà stancato. Chissà…

      Mi piace

      • Per adesso mi vengono in mente Leone e Rodriguez, ma anche Romero e Fulci. Troppi e troppo incoerenti. Perché potrei mettere anche un Burton passato. Ne ho detti cinque anche se non in ilnea ed ho omesso altri come Scorsese, Carpenter e Scott, sempre passato.

        Mi piace

        • Rodriguez anche è interessante. Fulci, Romero, Burton mi sembra che comunque, per quanto siano tutti diversi e affrontino il tema in modi spesso opposti tra loro, il genere horror ti piaccia parecchio.

          Mi piace

          • In realtà in questo periodo, gli ultimi vent’anni, apprezzo molto il genere orrorifico e favolistico.
            Ho comunque dimenticato di citare Kubrick che ha diretto il mio film preferito da tantissimi anni a questa parte, Barry Lyndon.

            Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: